Lo shock petrolifero del 2020 sembra essere qui e perché il dolore potrebbe essere ampio e profondo

Lo shock petrolifero del 2020 sembra essere qui e perché il dolore potrebbe essere ampio e profondo Soffrendo di sanzioni, la Russia sta cercando di produrre di più e guadagnare quote di mercato. Yegor Aleyev tramite Getty Images

Il mondo sta nuovamente subendo uno shock petrolifero.

I prezzi, già in calo, sono crollati del 30% in meno di una settimana, portando il calo totale a quasi 50% dai massimi ai primi di gennaio. I consumatori, ovviamente, possono si aspettano che i prezzi della benzina scendano, ma la storia è molto più complicata di così.

Avere ricerca di energia per decenni, Lo vedo come un grosso problema, non solo per l'economia globale, ma per la geopolitica, il futuro dei trasporti e gli sforzi per mitigare i cambiamenti climatici, in particolare se il mondo entra in un periodo prolungato di petrolio a basso costo.

Che cosa è successo?

I prezzi del petrolio sono stati forzati al ribasso a causa delle forti influenze sia dalla parte della domanda che dell'offerta.

Domanda di petrolio greggio e di combustibili petroliferi è caduto in tutto il mondo a causa della pandemia di coronavirus, in nessun altro luogo che in Cina. Bloccare milioni di persone ha chiuso le fabbriche, tagliato le catene di approvvigionamento e ridotto i trasporti in patria e all'estero attraverso il commercio. Questa è la chiave, perché la Cina è quella del mondo il più grande importatore di petrolio e un importante motore della domanda globale. Una crisi globale in domanda da trasporto, non ultimo nel viaggio aereo, ha eroso ulteriormente la domanda.

Dal lato dell'offerta, si è trasformata in una difficile collaborazione tra OPEC e Russia una rottura amara. La conseguente guerra per la quota di mercato ha inondato il mondo di petrolio.

OPEC e Russia si sono riuniti per la prima volta nel 2016 tagliare la produzione e aumentare i prezzi contro un fiume di nuovo petrolio proveniente dalla perforazione di scisto negli Stati Uniti In una certa misura, ha funzionato - i prezzi sono aumentati, anche se in moda volatile.

Ma in una riunione del 6 marzo, i sauditi proposto ancora un altro taglio per contrastare la domanda mutata dall'effetto del coronavirus sull'economia. La Russia ha detto che lo avrebbe fatto elevare invece la produzionee i sauditi risposero dicendo che lo avrebbero fatto anche loro. Pochi giorni dopo, anche gli Emirati Arabi Uniti hanno detto che lo sarebbe stato aumentare l'output a livelli record e accelerare i piani per aumentare la capacità.

I motivi della Russia sembra evidente. Soffrendo sotto sanzioni per il sequestro della Crimea, la Russia ha mantenuto la sua produzione relativamente silenziosa per anni su offerta dell'Arabia Saudita, che ha permesso ai produttori statunitensi di scisto di guadagnare quote di mercato a spese delle società russe.

Vi sono pochi dubbi anche sulle compagnie petrolifere statunitensi particolarmente vulnerabile in questo momento. Molti hanno operato ai margini della redditività e rimangono profondamente indebitati. Con la caduta della domanda, un'ulteriore spinta al ribasso sui prezzi dovrebbe causare un vero dolore alle pianure del Texas, del Nord Dakota e dell'Ohio. Tuttavia, mi aspetto che i produttori statunitensi sopravvivano come prima: consolidandosi, trovando il modo di abbassare i costi, diventare più efficienti e innovativi.

Inondazioni di petrolio

Il calcolo della Russia secondo cui avrebbe potuto guadagnare quote di mercato contro le società di scisto aumentando la produzione era probabilmente accurato, ma probabilmente non includeva la risposta Arabia Saudita. Funzionari russi hanno detto che probabilmente le compagnie possono farlo aumentare la produzione da circa 200,000 a 300,000 barili al giorno a breve termine, con il Cremlino reclamando 500,000 barili il giorno dopo nel 2020. Le mie stime suggeriscono che, insieme, i sauditi e gli Emirati possano aumentare i flussi di 3.5 milioni di barili al giorno - forse 10 volte il volume russo - nel resto di quest'anno, con circa 2 milioni di barili a breve termine.

Anche senza nessuno di questi aumenti, c'era già un eccesso di petrolio a livello globale. Secondo l'Agenzia internazionale per l'energia Rapporto sul mercato petrolifero per marzo 2020, il calo della domanda e l'aumento della produzione di scisto avrebbero lasciato il mercato globale sovraffollato di oltre 3 milioni di barili al giorno a meno che l'OPEC non abbia fatto grossi tagli. Questo surplus appare ora modesto rispetto a ciò che sembra probabile che l'anno porti.

Impatti globali ampi e profondi

La storia potrebbe non ripetersi, ma fornisce analogie. In 1986, i sauditi aprirono i rubinetti contro l'aumento della produzione dal Mare del Nord e, soprattutto, dall'Unione Sovietica. Il risultato fu una generazione di petrolio a basso costo che durò fino alla domanda cinese prezzi forzati più alti a partire dal 2004. Durante questa era di bassi prezzi del petrolio, gli Stati Uniti hanno avuto scarso sviluppo di fonti energetiche alternative; aumento dei consumi; un' calo del risparmio di carburante; visto impennata del SUV; e la crescita delle importazioni di petrolio negli Stati Uniti Quel periodo vide anche l'intervento militare degli Stati Uniti in Medio Oriente.

Tutto questo può succedere di nuovo? No. E la direzione dei prezzi potrebbe, ovviamente, cambiare rotta. Ma un'era di prezzi molto bassi, diciamo meno di $ 40 al barile come esiste in questo momento, porterebbe nuovi aspetti negativi, forse ancora più preoccupanti.

Tipo cosa? Questa è, ovviamente, la speculazione, ma potrei immaginare le seguenti tendenze emergenti:

  • Significativi danni economici nei paesi produttori di petrolio al di fuori dell'OPEC e della Russia, tra cui Argentina, Brasile, Guyana, Costa d'Avorio, Malesia, Indonesia, Azerbaigian, Kazakistan.

  • Importanti perturbazioni economiche e forse sociali nelle nazioni con fragili democrazie, come Iraq, Algeria, Nigeria, Gabon. L'Iraq è una preoccupazione particolare, data la sua parziale comparsa dalla guerra e dall'insurrezione.

  • Fallimenti, disoccupazione, degrado rurale, elevato consumo di droghe, "morti della disperazione" probabilmente negli Stati Uniti in cui è attivo il boom del petrolio, come Texas, New Mexico, Utah, Colorado, North Dakota, Alaska, Ohio, tra gli altri.

  • I carburanti a carbone ultra-economici potrebbero allontanare l'interesse pubblico e gli incentivi dei produttori di veicoli dall'aumento del consumo di carburante e dell'efficienza, compresi gli usi non di trasporto.

  • Il carburante a basso costo potrebbe diventare un possibile ostacolo al trasporto completamente elettrico, che ora è in un momento critico, poiché i principali produttori di auto e camion mettono in evidenza linee complete di veicoli elettrici attraverso 2025.

  • Importante calo del valore delle materie plastiche riciclabili in quanto la produzione di nuova plastica diventa più economica del costo del riciclaggio.

  • Ancora più importante la politica del governo per far avanzare le azioni per ridurre le emissioni, quindi per la politica, che non si è ancora dimostrata affidabile in questo ambito.

  • Il petrolio a basso prezzo potrebbe diventare particolarmente allettante per le nazioni meno sviluppate (trasporti, produzione di energia, riscaldamento) che ora stanno subendo un ammodernamento energetico e senza entrate.

Il gas economico non è tutto

Lo shock attuale non è ancora terminato in questo scritto, e potrebbero verificarsi ulteriori grandi cambiamenti. Ciò che si può dire con certezza è che gli effetti del petrolio a basso costo sono destinati a essere diversi e, in qualche modo, sfumati. Ma è probabile che non siano utili. Sì, ci saranno alcuni vantaggi per i consumatori se i prezzi del carburante sono ai livelli del seminterrato per più di qualche mese. Il cibo e l'olio combustibile, ad esempio, saranno variamente più economici.

Ma il petrolio ultra economico non è l'amico del mondo. Ci sono troppi motivi per allontanarsi dalla dipendenza dal petrolio nel dominio del carburante. Ho suggerito solo alcuni nell'elenco sopra. Una tale mossa sarà un'impresa enorme, per non dire altro. Non sarà aiutato da un'altra era in cui il petrolio è più conveniente dell'acqua in bottiglia.

Circa l'autore

Scott L. Montgomery, docente, Jackson School of International Studies, Università di Washington

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

books_causes

enafarzh-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

ULTIMI VIDEO

Cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
Le cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
by John Cook
Questo video è un corso accelerato sulla disinformazione sul clima, che riassume gli argomenti chiave utilizzati per mettere in dubbio la realtà ...
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
by Julie Brigham-Grette e Steve Petsch
Ogni anno, la copertura di ghiaccio marino nell'Oceano Artico si riduce a un punto minimo a metà settembre. Quest'anno misura solo 1.44 ...
Che cos'è una tempesta di uragano e perché è così pericolosa?
Che cos'è una tempesta di uragano e perché è così pericolosa?
by Anthony C. Didlake Jr
Mentre l'uragano Sally si dirigeva verso la costa settentrionale del Golfo di martedì 15 settembre 2020, i meteorologi hanno avvertito di un ...
Il riscaldamento degli oceani minaccia le barriere coralline e presto potrebbe rendere più difficile ripristinarle
Il riscaldamento degli oceani minaccia le barriere coralline e presto potrebbe rendere più difficile ripristinarle
by Shawna Foo
Chiunque si occupi di un giardino in questo momento sa cosa può fare il caldo estremo alle piante. Il calore è anche una preoccupazione per un ...
Le macchie solari influenzano il nostro tempo ma non tanto quanto altre cose
Le macchie solari influenzano il nostro tempo ma non tanto quanto altre cose
by Robert McLachlan
Siamo diretti verso un periodo con una minore attività solare, cioè le macchie solari? Quanto durerà? Cosa succede al nostro mondo ...
Trucchi sporchi che gli scienziati del clima hanno dovuto affrontare in tre decenni dal primo rapporto dell'IPCC
Trucchi sporchi che gli scienziati del clima hanno dovuto affrontare in tre decenni dal primo rapporto dell'IPCC
by Marc Hudson
Trent'anni fa, in una piccola città svedese chiamata Sundsvall, l'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ...
Emissioni di metano colpiscono i livelli di rottura record
Emissioni di metano colpiscono i livelli di rottura record
by Josie Garthwaite
La ricerca dimostra che le emissioni globali di metano hanno raggiunto i livelli più alti mai registrati.
fuco forrest 7 12
Come le foreste degli oceani del mondo contribuiscono ad alleviare la crisi climatica
by Emma Bryce
I ricercatori stanno cercando di aiutare i kelp a conservare l'anidride carbonica molto sotto la superficie del mare.

ULTIMI ARTICOLI

Dio lo intendeva come un pianeta usa e getta: vi presento il pastore statunitense che predica la negazione del cambiamento climatico
Dio lo intendeva come un pianeta usa e getta: vi presento il pastore statunitense che predica la negazione del cambiamento climatico
by Paul Braterman
Ogni tanto ti imbatti in uno scritto così straordinario che non puoi fare a meno di condividerlo. Uno di questi pezzi è ...
La siccità e il caldo insieme minacciano il West americano
La siccità e il caldo insieme minacciano il West americano
by Tim Radford
Il cambiamento climatico è davvero una questione scottante. La siccità e il caldo simultanei sono sempre più probabili per la maggior parte del ...
La Cina ha appena sbalordito il mondo con il suo incremento nell'azione per il clima
La Cina ha appena sbalordito il mondo con il suo incremento nell'azione per il clima
by Hao Tan
Il presidente cinese Xi Jinping ha recentemente sorpreso la comunità globale impegnando il suo paese a ridurre le emissioni nette entro ...
In che modo il cambiamento climatico, la migrazione e una malattia mortale nelle pecore alterano la nostra comprensione delle pandemie?
In che modo il cambiamento climatico, la migrazione e una malattia mortale nelle pecore alterano la nostra comprensione delle pandemie?
by Super User
Un nuovo quadro per l'evoluzione dei patogeni espone un mondo molto più vulnerabile ai focolai di malattie rispetto a prima ...
Il calore del clima scioglie le nevi artiche e asciuga le foreste
Cosa ci aspetta per il Movimento per il clima giovanile
by David Tindall
Gli studenti di tutto il mondo sono tornati in piazza alla fine di settembre per una giornata globale di azione per il clima per il primo ...
Gli storici incendi della foresta pluviale amazzonica minacciano il clima e aumentano il rischio di nuove malattie
Gli storici incendi della foresta pluviale amazzonica minacciano il clima e aumentano il rischio di nuove malattie
by Kerry William Bowman
Gli incendi nella regione amazzonica nel 2019 non hanno avuto precedenti nella loro distruzione. Migliaia di incendi avevano bruciato più di ...
Il calore del clima scioglie le nevi artiche e asciuga le foreste
Il calore del clima scioglie le nevi artiche e asciuga le foreste
by Tim Radford
Gli incendi ora divampano sotto le nevi artiche, dove un tempo bruciavano anche le foreste pluviali più umide. Il cambiamento climatico offre improbabili ...
Le ondate di calore marine stanno diventando più comuni e intense
Le ondate di calore marine stanno diventando più comuni e intense
by Jen Monnier, Enisa
Il miglioramento delle "previsioni meteorologiche" per gli oceani fa sperare in una riduzione della devastazione per la pesca e gli ecosistemi in tutto il mondo