Test nucleari interessati dal tempo 60 anni fa

Test nucleari interessati dal tempo 60 anni fa

Memoriale dei veterani del Regno Unito alle truppe che sono morte dopo i test sulle armi. Immagine: NotFromUtrecht, tramite Wikimedia Commons

I test nucleari della guerra fredda hanno cambiato il tempo negli anni '1960. La Terra non ha preso fuoco, ma una forte pioggia ha iniziato a cadere.

A sessant'anni di distanza, gli scienziati britannici hanno confermato una volta una credenza popolare: che i test nucleari atmosferici sulle prime armi in fase di sviluppo hanno influenzato il clima quotidiano. Un nuovo studio sulle registrazioni meteorologiche dal 1962 al 1964 rivela la firma di esplosioni atomiche e termonucleari sperimentali durante i primi giorni della guerra fredda.

Gli scienziati hanno misurato la carica elettrica atmosferica e i dati delle nuvole per scoprire che in quei giorni in cui la carica elettrica generata radioattivamente era più alta, le nuvole erano più spesse e c'era fino a un quarto di pioggia in più rispetto a quei giorni in cui la carica era bassa.

L'impatto sul clima delle detonazioni nucleari potrebbe non essere stato così devastante come molti laici più anziani sembravano pensare in quel momento, e alcuni dei test positivi sono arrivati: ricercatori che hanno studiato la distribuzione delle radiazioni mentre si diffonde in tutto il pianeta da siti di test sulle armi corpo di dati che ha fornito un nuovo modo di seguire i modelli di circolazione atmosferica.

"Ora abbiamo riutilizzato questi dati per esaminare l'effetto sulla pioggia", ha detto Giles Harrison dell'Università di Reading nel Regno Unito. “L'atmosfera politicamente carica della guerra fredda ha portato a una corsa agli armamenti nucleari e all'ansia mondiale. Decenni dopo, quella nuvola globale ha prodotto un rivestimento d'argento, dandoci un modo unico di studiare come la carica elettrica influisce sulla pioggia. "

Tra 1945 e 1980 Governi statunitensi, sovietici, britannici e francesi hanno fatto esplodere 510 megatoni di armi nucleari sotterranee, sott'acqua e nell'atmosfera inferiore e superiore. Di questi, 428 megatoni - l'equivalente di 29,000 bombe delle dimensioni lanciate su Hiroshima in Giappone alla fine della seconda guerra mondiale - erano all'aria aperta e la più grande concentrazione di test avveniva alla fine degli anni '1950 e all'inizio degli anni '1960.

Il tempo brontola

Gli scienziati hanno iniziato a raccogliere isotopi di stronzio-90 e altri prodotti di fissione radioattiva sotto la pioggia dopo tali prove. Entro il 1960, in Europa e negli Stati Uniti si sentì lamentarsi del presunto impatto sul tempo delle prove effettuate a 10,000 chilometri di distanza.

I cineasti britannici furono trattati con una visione improbabile della catastrofe climatica innescata da test nucleari nel film del 1961 Ultimatum alla Terra prese fuoco. Il governo degli Stati Uniti ha incaricato la Rand Corporation di consegnare un rapporto inconcludente nel 1966 sull'effetto sul tempo, ma per allora un trattato internazionale aveva vietato le prove nell'atmosfera, nell'acqua e nello spazio.

Molto lentamente, la preoccupazione pubblica per le ricadute radioattive e le sue conseguenze per il tempo ha iniziato a svanire.

Gli scienziati hanno continuato a contemplare gli effetti climatici dello scontro nucleare in altri modi: nel 1983 i ricercatori statunitensi hanno proposto un possibile inverno nucleare, innescato da nuvole di funghi radioattive dalle città in fiamme che raggiungerebbero la stratosfera e oscurerebbero la luce del sole per un decennio.

Ma molto tempo prima, la pace e la prosperità avevano creato un altro pericolo climatico: l'accelerazione della combustione dei combustibili fossili aveva iniziato ad aumentare i livelli di gas serra nell'atmosfera per innescare il riscaldamento globale, e gli scienziati del clima hanno iniziato ad adottare parametri nucleari per misurare l'effetto.

"Le condizioni atmosferiche del 1962-64 erano eccezionali ed è improbabile che si ripetano, per molte ragioni"

Un calcolo è che volando in aerei a reazione o guidando auto o generando energia elettrica, l'umanità sta ora aggiungendo l'equivalente in energia termica di cinque esplosioni di Hiroshima al secondo nell'atmosfera del mondo, alterando così inesorabilmente il clima globale.

Ciò non ha fermato altri scienziati preoccuparsi degli effetti agghiaccianti sul clima e la civiltà umana di anche uno scambio nucleare limitato. Ma il presunto impatto delle esplosioni di radiazioni nucleari sul tempo è stato più o meno dimenticato.

Ora il professor Harrison e i colleghi sono tornati al puzzle nel diario Physical Review Letters, per scoprire che la risposta potrebbe essere districata dai dati meteorologici raccolti a Kew, vicino a Londra, e 1000 km di distanza a Lerwick, nelle Isole Shetland, a nord-est della Scozia, un sito selezionato perché sarebbe meno interessato da fuliggine, particelle di zolfo e altri tipi di inquinamento industriale.

Le radiazioni nucleari ionizzano la materia nel suo cammino per creare atomi e molecole carichi elettricamente. La carica elettrica cambia il modo in cui le goccioline d'acqua nelle nuvole si scontrano e si combinano - pensate a temporali drammatici, fulmini e pioggia torrenziale - e questo influisce sulla dimensione delle goccioline e sul volume della pioggia: cioè, la pioggia non cade affatto fino a quando il le goccioline diventano abbastanza grandi.

Di solito, il sole svolge la maggior parte del lavoro, ma nel confrontare i dati meteorologici di due stazioni, i ricercatori sono stati per la prima volta in grado di tenere conto del contributo delle esplosioni di test della guerra fredda nel deserto del Nevada, o nell'Artico siberiano, o nel lontano sud Pacifico, sulle piogge scozzesi tra il 1962 e il 1964.

La differenza è scomparsa

Hanno trovato 150 giorni in cui l'elettricità atmosferica era alta o bassa, mentre era nuvoloso a Lerwick: hanno anche trovato una differenza nelle precipitazioni che, si dice, sono scomparse una volta che l'accumulo di ricadute radioattive nucleari era svanito.

Le loro analisi statistiche non suggeriscono cambiamenti seri o duraturi, ma la connessione era lì: dove la radioattività era alta, le precipitazioni aumentavano da 2.1 mm al giorno a 2.6 mm - un aumento del 24% della pioggia quotidiana. Anche le nuvole erano più spesse.

Lo studio rimane come un altro pezzo del puzzle climatico, come un test di tecnica di misurazione e un altro promemoria delle lezioni ancora da imparare dalla Guerra Fredda.

Conferma una comprensione approfondita dell'intricato macchinario che eroga le prime gocce di pioggia e idealmente gli scienziati non avranno molte possibilità di testare di nuovo la loro comprensione allo stesso modo.

Gli autori concludono, nei toni ritagliati favoriti dalle pubblicazioni di ricerca: "Le condizioni atmosferiche del 1962-64 erano eccezionali ed è improbabile che si ripetano, per molte ragioni". - Rete di notizie sul clima

L'autore

Tim Radford, giornalista freelanceTim Radford è un giornalista freelance. Ha lavorato per Il guardiano per 32 anni, diventando (tra le altre cose) lettere editore, editor di arti, redattore letterario e redattore scientifico. Ha vinto il Associazione degli scrittori britannici di scienza premio per scrittore scientifico dell'anno quattro volte. Ha servito nel comitato del Regno Unito per il Decennio internazionale per la riduzione delle calamità naturali. Ha tenuto conferenze sulla scienza e sui media in dozzine di città britanniche e straniere. 

La scienza che ha cambiato il mondo: la storia non raccontata dell'altra rivoluzione 1960sPrenota da questo autore:

La scienza che ha cambiato il mondo: la storia non raccontata dell'altra rivoluzione 1960s
da Tim Radford.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon. (Libro Kindle)

Questo articolo è apparso originariamente su Climate News Network

books_causes

enafarzh-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

ULTIMI VIDEO

Cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
Le cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
by John Cook
Questo video è un corso accelerato sulla disinformazione sul clima, che riassume gli argomenti chiave utilizzati per mettere in dubbio la realtà ...
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
by Julie Brigham-Grette e Steve Petsch
Ogni anno, la copertura di ghiaccio marino nell'Oceano Artico si riduce a un punto minimo a metà settembre. Quest'anno misura solo 1.44 ...
Che cos'è una tempesta di uragano e perché è così pericolosa?
Che cos'è una tempesta di uragano e perché è così pericolosa?
by Anthony C. Didlake Jr
Mentre l'uragano Sally si dirigeva verso la costa settentrionale del Golfo di martedì 15 settembre 2020, i meteorologi hanno avvertito di un ...
Il riscaldamento degli oceani minaccia le barriere coralline e presto potrebbe rendere più difficile ripristinarle
Il riscaldamento degli oceani minaccia le barriere coralline e presto potrebbe rendere più difficile ripristinarle
by Shawna Foo
Chiunque si occupi di un giardino in questo momento sa cosa può fare il caldo estremo alle piante. Il calore è anche una preoccupazione per un ...
Le macchie solari influenzano il nostro tempo ma non tanto quanto altre cose
Le macchie solari influenzano il nostro tempo ma non tanto quanto altre cose
by Robert McLachlan
Siamo diretti verso un periodo con una minore attività solare, cioè le macchie solari? Quanto durerà? Cosa succede al nostro mondo ...
Trucchi sporchi che gli scienziati del clima hanno dovuto affrontare in tre decenni dal primo rapporto dell'IPCC
Trucchi sporchi che gli scienziati del clima hanno dovuto affrontare in tre decenni dal primo rapporto dell'IPCC
by Marc Hudson
Trent'anni fa, in una piccola città svedese chiamata Sundsvall, l'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ...
Emissioni di metano colpiscono i livelli di rottura record
Emissioni di metano colpiscono i livelli di rottura record
by Josie Garthwaite
La ricerca dimostra che le emissioni globali di metano hanno raggiunto i livelli più alti mai registrati.
fuco forrest 7 12
Come le foreste degli oceani del mondo contribuiscono ad alleviare la crisi climatica
by Emma Bryce
I ricercatori stanno cercando di aiutare i kelp a conservare l'anidride carbonica molto sotto la superficie del mare.

ULTIMI ARTICOLI

Dio lo intendeva come un pianeta usa e getta: vi presento il pastore statunitense che predica la negazione del cambiamento climatico
Dio lo intendeva come un pianeta usa e getta: vi presento il pastore statunitense che predica la negazione del cambiamento climatico
by Paul Braterman
Ogni tanto ti imbatti in uno scritto così straordinario che non puoi fare a meno di condividerlo. Uno di questi pezzi è ...
La siccità e il caldo insieme minacciano il West americano
La siccità e il caldo insieme minacciano il West americano
by Tim Radford
Il cambiamento climatico è davvero una questione scottante. La siccità e il caldo simultanei sono sempre più probabili per la maggior parte del ...
La Cina ha appena sbalordito il mondo con il suo incremento nell'azione per il clima
La Cina ha appena sbalordito il mondo con il suo incremento nell'azione per il clima
by Hao Tan
Il presidente cinese Xi Jinping ha recentemente sorpreso la comunità globale impegnando il suo paese a ridurre le emissioni nette entro ...
In che modo il cambiamento climatico, la migrazione e una malattia mortale nelle pecore alterano la nostra comprensione delle pandemie?
In che modo il cambiamento climatico, la migrazione e una malattia mortale nelle pecore alterano la nostra comprensione delle pandemie?
by Super User
Un nuovo quadro per l'evoluzione dei patogeni espone un mondo molto più vulnerabile ai focolai di malattie rispetto a prima ...
Il calore del clima scioglie le nevi artiche e asciuga le foreste
Cosa ci aspetta per il Movimento per il clima giovanile
by David Tindall
Gli studenti di tutto il mondo sono tornati in piazza alla fine di settembre per una giornata globale di azione per il clima per il primo ...
Gli storici incendi della foresta pluviale amazzonica minacciano il clima e aumentano il rischio di nuove malattie
Gli storici incendi della foresta pluviale amazzonica minacciano il clima e aumentano il rischio di nuove malattie
by Kerry William Bowman
Gli incendi nella regione amazzonica nel 2019 non hanno avuto precedenti nella loro distruzione. Migliaia di incendi avevano bruciato più di ...
Il calore del clima scioglie le nevi artiche e asciuga le foreste
Il calore del clima scioglie le nevi artiche e asciuga le foreste
by Tim Radford
Gli incendi ora divampano sotto le nevi artiche, dove un tempo bruciavano anche le foreste pluviali più umide. Il cambiamento climatico offre improbabili ...
Le ondate di calore marine stanno diventando più comuni e intense
Le ondate di calore marine stanno diventando più comuni e intense
by Jen Monnier, Enisa
Il miglioramento delle "previsioni meteorologiche" per gli oceani fa sperare in una riduzione della devastazione per la pesca e gli ecosistemi in tutto il mondo