In che modo sia il cambiamento climatico che la gestione delle foreste hanno alimentato gli epici incendi occidentali di oggi

In che modo sia il cambiamento climatico che la gestione delle foreste hanno alimentato gli epici incendi occidentali di oggi
The Riverside Fire, visto da La Dee Flats nella Mount Hood National Forest in Oregon il 9 settembre 2020.
USFS

Cosa sta guidando gli incendi che stanno devastando California, Oregon e Washington? Il presidente Trump e i funzionari statali hanno offerto visioni nettamente diverse.

Trump afferma che gli stati occidentali non hanno fatto abbastanza disboscamento e rimozione delle spazzole, consentendo ai combustibili di accumularsi nelle foreste. "Quando gli alberi cadono dopo un breve periodo di tempo, circa 18 mesi, diventano molto secche. Diventano davvero come un fiammifero ... sai, non c'è più acqua che scorre e diventano molto, molto - esplodono ", ha dichiarato Trump in California il 14 settembre 2020.

Il governatore della California Gavin Newsom e altri leader della costa occidentale, molti dei quali sono democratici, indicano il cambiamento climatico come la causa principale di queste enormi conflagrazioni. "Questo è una maledetta emergenza climatica", Ha avvertito Newsom mentre esaminava i danni l'11 settembre 2020 da uno degli oltre 20 grandi incendi che hanno bruciato lo stato da metà agosto.

Come storico ambientale chi studia le foreste della costa del Pacifico, non la vedo come una scelta o / o. A mio avviso, i cambiamenti climatici e le pratiche di gestione forestale hanno entrambi contribuito alle attuali condizioni degli incendi e per ridurre i rischi di incendi è necessario affrontare entrambi i problemi.


A metà settembre 2020, gli incendi in rapida evoluzione in California, Oregon e Washington hanno bruciato un'area delle dimensioni del New Jersey.

Una guerra contro il fuoco

Il fuoco naturale è un parte importante dell'ecologia delle foreste occidentali. Molte delle conifere, o alberi conici, questo prosperare in questa regione richiedono il fuoco rilascia i loro semi. Altri alberi si affidano al fuoco per eliminare il sottobosco e le chiome fitte per fare spazio a una nuova crescita.

Il fuoco era anche uno strumento utilizzato dalle popolazioni indigene dell'Occidente gestire le loro terre prima dell'insediamento europeo. I nativi americani appiccano regolarmente incendi per modellare le migrazioni della selvaggina, facilitare la caccia o favorire la crescita di piante commestibili. Oggi molte comunità native e indigene gestiscono ancora le loro terre con il fuoco.

Il fuoco naturale e gli incendi indigeni hanno contribuito a mantenere in salute le foreste occidentali, assicurando che le foreste non venissero ostruite dal sottobosco o invase da alberi morti. Ma quando i coloni bianchi arrivarono nel XIX secolo, videro il fuoco come una minaccia per le loro fattorie, i ranch e le operazioni di disboscamento. Hanno combattuto in modo aggressivo gli incendi e incendio nativo criminalizzato.

Fino all'inizio del 1900, la lotta contro gli incendi boschivi era relativamente disorganizzata. Quando scoppiava un incendio, le persone delle comunità locali uscivano con tutti gli strumenti che potevano raccogliere e facevano del loro meglio per controllarlo. Se il fuoco era stato appiccato da un essere umano, hanno sparato giustizia vigilante all'autore del reato.

La lotta agli incendi boschivi è cambiata nel 1910 dopo il Grande ustione, una serie di enormi incendi che hanno bruciato più di 3 milioni di acri in Idaho, Montana e Washington, distrutto diverse città e ucciso 87 persone. In risposta, il servizio forestale degli Stati Uniti, fondato solo cinque anni prima, ha iniziato ad addestrare e mantenere le squadre antincendio. Per gran parte del 20 ° secolo, sopprimere gli incendi divenne il suo obiettivo.

Uno smokejumper raccoglie il suo paracadute dopo essere atterrato a Seeley Lake, Montana, intorno al 1940.Uno smokejumper raccoglie il suo paracadute dopo essere atterrato a Seeley Lake, Montana, intorno al 1940. Il programma Smokejumper del servizio forestale degli Stati Uniti è iniziato nel 1939 come un modo per ridurre il tempo impiegato dagli equipaggi per raggiungere gli incendi boschivi. Museo nazionale di storia del servizio forestale, CC BY

Innescato per bruciare

Gli esperti concordano ampiamente ora che decenni di soppressione degli incendi in realtà ha peggiorato il rischio di incendi boschivi. Questa politica ha aumentato i carichi di carburante nelle foreste della nazione che in circostanze diverse sarebbero state assottigliate dalle fiamme.

Ci è voluto tempo perché i carichi di carburante nelle foreste occidentali raggiungessero livelli pericolosi, soprattutto perché la politica di soppressione ha coinciso con la rapida espansione dell'industria del disboscamento. Durante tutto il XX secolo aziende di legname raccolto trilioni di alberi dalle foreste della nazione, spinta dalla domanda militare durante le guerre mondiali e poi dal boom immobiliare del secondo dopoguerra.

Alla fine degli anni '1970 il disboscamento iniziò a diminuire in Occidente. Una delle cause era la concorrenza delle compagnie di legname del sud. Un altro era un movimento ambientalista sempre più litigioso che divenne abile nell'usare le leggi ambientali federali per limitare il disboscamento. Ad esempio, i gruppi di conservazione hanno lavorato per ottenere il gufo macchiato settentrionale elencato sotto l'Endangered Species Act nel 1990, una strategia che alla fine ha portato a divieti di raccolta del legname su diversi milioni di acri di foresta sulla costa del Pacifico.

I gufi maculati del nord vivono in grandi foreste mature nel nord-ovest del Pacifico. Sono elencati come minacciati a causa della perdita di habitat, causata in parte dal disboscamento. (come il cambiamento climatico e la gestione delle foreste hanno entrambi alimentato gli epici incendi occidentali di oggi)I gufi maculati del nord vivono in grandi foreste mature nel nord-ovest del Pacifico. Sono elencati come minacciati a causa della perdita di habitat, causata in parte dal disboscamento. USFWS

Molti sostenitori dell'ambiente temevano che anche azioni di gestione forestale non commerciale, come la rimozione di arbusti, il diradamento del sottobosco e la rimozione di alberi morti, avrebbero potuto riaprire la porta al disboscamento commerciale. Così, a metà degli anni '1990, iniziarono le organizzazioni per la conservazione impegnativo attività ordinarie di gestione forestale.

E spesso hanno vinto. Tra il 1989 e il 2008, i gruppi ambientalisti hanno presentato 1,125 casi contro il servizio forestale degli Stati Uniti cercando di limitare le attività di disboscamento o gestione e hanno vinto o risolto 520 di questi casi. Di conseguenza, l'agenzia è stata incapace di svolgere attività di gestione ciò potrebbe aver ridotto il pericolo di incendio.

Più caldo e più secco

Poiché le foreste statunitensi stavano diventando sempre più propense a bruciare, il clima del mondo stava cambiando in modi che aumentavano la probabilità di incendi.

Mentre l' il mondo intero si è riscaldato come risultato dell'aumento delle emissioni di carbonio, la costa del Pacifico ha visto alcuni degli aumenti di temperatura più drammatici. La regione si è riscaldata 2 gradi F dal 1900 e le ultime estati nella regione sono state alcune delle più caldo mai registrato.

Queste temperature calde sono state accompagnate da gravi siccità, che anche gli scienziati attribuire in gran parte al cambiamento climatico. ** Mentre la precipitazione ha aumentato in molte parti degli Stati Uniti negli ultimi decenni, le precipitazioni medie annue negli stati occidentali sono diminuite costantemente dal 1950, in particolare in California.

In combinazione con l'aumento del carico di carburante nelle foreste della nazione, queste estati calde e secche hanno creato condizioni perfette per gli incendi boschivi. Le foreste intasate da un fitto sottobosco e alberi morti sono pronte a prendere fuoco alla minima scintilla.

I venti trasportano il fumo degli incendi in California, Oregon e Washington a ovest sul Pacifico il 10 settembre, coprendo quasi un milione di miglia quadrate.I venti trasportano il fumo degli incendi in California, Oregon e Washington a ovest sul Pacifico il 10 settembre, coprendo quasi un milione di miglia quadrate. NASA

Molti gruppi ambientalisti che una volta si opponevano alla gestione forestale ora lo stanno apertamente chiedendo gestione più attiva nei boschi della nazione. Ma l'aumento degli incendi boschivi ha prosciugato i bilanci delle agenzie e ha reso difficile per i gestori federali del territorio intraprendere azioni preventive.

Ad esempio, mentre il budget complessivo del servizio forestale è rimasto relativamente statico negli ultimi due decenni, una parte crescente del suo finanziamento deve ora essere combattere gli incendi, lasciando meno soldi per il diradamento degli alberi e la pulizia del sottobosco. Il controllo degli incendi è aumentato dal 16% del budget stanziato dall'agenzia nel 1995 al oltre il 50% nel 2015.

In sintesi, le politiche di gestione hanno creato polveriere nelle foreste occidentali e il cambiamento climatico ha reso molto più probabile che quelle polveriere scoppieranno in incendi distruttivi. Un terzo fattore è quello lo sviluppo si è espanso in aree un tempo selvagge, mettendo più persone e proprietà in pericolo.

Affrontare solo una parte di questo problema produrrà soluzioni incomplete. Piuttosto, credo che sia necessaria una strategia su più fronti. Un elemento sta migliorando la gestione delle foreste per rendere queste terre meno pronte a bruciare. L'altro è la riduzione delle emissioni di carbonio e il contenimento delle temperature globali: l'unico modo per moderare le condizioni climatiche che rendono gli incendi più grandi e più probabili.

L'autore

Steven C. Beda, assistente professore di storia, University of Oregon

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

libri correlati

Life After Carbon: The Next Global Transformation of Cities

by Peter Plastrik, John Cleveland
1610918495Il futuro delle nostre città non è più quello di una volta. Il modello di città moderna che ha preso piede a livello mondiale nel XX secolo è sopravvissuto alla sua utilità. Non può risolvere i problemi che ha contribuito a creare, in particolare il riscaldamento globale. Fortunatamente, un nuovo modello di sviluppo urbano sta emergendo nelle città per affrontare in modo aggressivo le realtà dei cambiamenti climatici. Trasforma il modo in cui le città progettano e utilizzano lo spazio fisico, generano ricchezza economica, consumano e dispongono di risorse, sfruttano e sostengono gli ecosistemi naturali e si preparano per il futuro. Disponibile su Amazon

La sesta estinzione: una storia innaturale

di Elizabeth Kolbert
1250062187Nell'ultimo mezzo miliardo di anni, ci sono state cinque estinzioni di massa, quando la diversità della vita sulla terra improvvisamente e drammaticamente contratta. Gli scienziati di tutto il mondo stanno attualmente monitorando la sesta estinzione, che si preannuncia essere l'evento di estinzione più devastante dall'impatto con l'asteroide che ha spazzato via i dinosauri. Questa volta, il cataclisma siamo noi. In prosa che è allo stesso tempo sincera, divertente e profondamente informata, New Yorker la scrittrice Elizabeth Kolbert ci dice perché e come gli esseri umani hanno alterato la vita sul pianeta in un modo che nessuna specie ha mai avuto prima. La ricerca intrecciata in una mezza dozzina di discipline, le descrizioni delle specie affascinanti che sono già state perse e la storia dell'estinzione come concetto, Kolbert fornisce un resoconto commovente e completo delle scomparse che avvengono sotto i nostri occhi. Dimostra che la sesta estinzione è probabilmente l'eredità più duratura dell'umanità, costringendoci a ripensare alla domanda fondamentale su cosa significhi essere umani. Disponibile su Amazon

Climate Wars: The Fight for Survival mentre il mondo si surriscalda

di Gwynne Dyer
1851687181Onde di rifugiati climatici. Dozzine di stati falliti. Guerra totale. Da uno dei grandi analisti geopolitici del mondo arriva uno sguardo terrificante sulle realtà strategiche del prossimo futuro, quando il cambiamento climatico spinge le potenze del mondo verso la politica di sopravvivenza spietata. Prescient e inflessibile, Guerre Climatiche sarà uno dei libri più importanti dei prossimi anni. Leggilo e scopri cosa stiamo andando. Disponibile su Amazon

Dall'editore:
Gli acquisti su Amazon vanno a coprire il costo di portarti InnerSelf.comelf.com, MightyNatural.com, e ClimateImpactNews.com senza costi e senza inserzionisti che monitorano le tue abitudini di navigazione. Anche se fai clic su un link ma non acquisti questi prodotti selezionati, qualsiasi altra cosa tu compri nella stessa visita su Amazon ci paga una piccola commissione. Non c'è nessun costo aggiuntivo per te, quindi per favore contribuisci allo sforzo. Puoi anche utilizzare questo link da usare su Amazon in qualsiasi momento per aiutare a sostenere i nostri sforzi.

 

enafarzh-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

ULTIMI VIDEO

Cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
Le cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
by John Cook
Questo video è un corso accelerato sulla disinformazione sul clima, che riassume gli argomenti chiave utilizzati per mettere in dubbio la realtà ...
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
by Julie Brigham-Grette e Steve Petsch
Ogni anno, la copertura di ghiaccio marino nell'Oceano Artico si riduce a un punto minimo a metà settembre. Quest'anno misura solo 1.44 ...
Che cos'è una tempesta di uragano e perché è così pericolosa?
Che cos'è una tempesta di uragano e perché è così pericolosa?
by Anthony C. Didlake Jr
Mentre l'uragano Sally si dirigeva verso la costa settentrionale del Golfo di martedì 15 settembre 2020, i meteorologi hanno avvertito di un ...
Il riscaldamento degli oceani minaccia le barriere coralline e presto potrebbe rendere più difficile ripristinarle
Il riscaldamento degli oceani minaccia le barriere coralline e presto potrebbe rendere più difficile ripristinarle
by Shawna Foo
Chiunque si occupi di un giardino in questo momento sa cosa può fare il caldo estremo alle piante. Il calore è anche una preoccupazione per un ...
Le macchie solari influenzano il nostro tempo ma non tanto quanto altre cose
Le macchie solari influenzano il nostro tempo ma non tanto quanto altre cose
by Robert McLachlan
Siamo diretti verso un periodo con una minore attività solare, cioè le macchie solari? Quanto durerà? Cosa succede al nostro mondo ...
Trucchi sporchi che gli scienziati del clima hanno dovuto affrontare in tre decenni dal primo rapporto dell'IPCC
Trucchi sporchi che gli scienziati del clima hanno dovuto affrontare in tre decenni dal primo rapporto dell'IPCC
by Marc Hudson
Trent'anni fa, in una piccola città svedese chiamata Sundsvall, l'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ...
Emissioni di metano colpiscono i livelli di rottura record
Emissioni di metano colpiscono i livelli di rottura record
by Josie Garthwaite
La ricerca dimostra che le emissioni globali di metano hanno raggiunto i livelli più alti mai registrati.
fuco forrest 7 12
Come le foreste degli oceani del mondo contribuiscono ad alleviare la crisi climatica
by Emma Bryce
I ricercatori stanno cercando di aiutare i kelp a conservare l'anidride carbonica molto sotto la superficie del mare.

ULTIMI ARTICOLI

Dio lo intendeva come un pianeta usa e getta: vi presento il pastore statunitense che predica la negazione del cambiamento climatico
Dio lo intendeva come un pianeta usa e getta: vi presento il pastore statunitense che predica la negazione del cambiamento climatico
by Paul Braterman
Ogni tanto ti imbatti in uno scritto così straordinario che non puoi fare a meno di condividerlo. Uno di questi pezzi è ...
La siccità e il caldo insieme minacciano il West americano
La siccità e il caldo insieme minacciano il West americano
by Tim Radford
Il cambiamento climatico è davvero una questione scottante. La siccità e il caldo simultanei sono sempre più probabili per la maggior parte del ...
La Cina ha appena sbalordito il mondo con il suo incremento nell'azione per il clima
La Cina ha appena sbalordito il mondo con il suo incremento nell'azione per il clima
by Hao Tan
Il presidente cinese Xi Jinping ha recentemente sorpreso la comunità globale impegnando il suo paese a ridurre le emissioni nette entro ...
In che modo il cambiamento climatico, la migrazione e una malattia mortale nelle pecore alterano la nostra comprensione delle pandemie?
In che modo il cambiamento climatico, la migrazione e una malattia mortale nelle pecore alterano la nostra comprensione delle pandemie?
by Super User
Un nuovo quadro per l'evoluzione dei patogeni espone un mondo molto più vulnerabile ai focolai di malattie rispetto a prima ...
Il calore del clima scioglie le nevi artiche e asciuga le foreste
Cosa ci aspetta per il Movimento per il clima giovanile
by David Tindall
Gli studenti di tutto il mondo sono tornati in piazza alla fine di settembre per una giornata globale di azione per il clima per il primo ...
Gli storici incendi della foresta pluviale amazzonica minacciano il clima e aumentano il rischio di nuove malattie
Gli storici incendi della foresta pluviale amazzonica minacciano il clima e aumentano il rischio di nuove malattie
by Kerry William Bowman
Gli incendi nella regione amazzonica nel 2019 non hanno avuto precedenti nella loro distruzione. Migliaia di incendi avevano bruciato più di ...
Il calore del clima scioglie le nevi artiche e asciuga le foreste
Il calore del clima scioglie le nevi artiche e asciuga le foreste
by Tim Radford
Gli incendi ora divampano sotto le nevi artiche, dove un tempo bruciavano anche le foreste pluviali più umide. Il cambiamento climatico offre improbabili ...
Le ondate di calore marine stanno diventando più comuni e intense
Le ondate di calore marine stanno diventando più comuni e intense
by Jen Monnier, Enisa
Il miglioramento delle "previsioni meteorologiche" per gli oceani fa sperare in una riduzione della devastazione per la pesca e gli ecosistemi in tutto il mondo