La vita costiera australiana è a rischio di aumento del livello del mare, ma è già successo prima

La vita costiera australiana è a rischio di aumento del livello del mare, ma è già successo prima La costa australiana è stata spostata prima grazie ai cambiamenti del livello del mare. Flickr / Travelbook da viaggio dei viaggiatori, CC BY

Con i livelli del mare globali previsti salire di un metro fino a 2100 possiamo imparare molto dall'archeologia su come le persone hanno affrontato il passato con cambiamenti nel livello del mare.

In un studio pubblicato questa settimana in Recensioni scientifiche quaternarie, abbiamo osservato come i cambiamenti nel livello del mare hanno interessato diverse parti dell'Australia e l'impatto sulle persone che vivono intorno alla costa.

Lo studio getta nuova luce su come le persone si adattano all'innalzamento dei livelli del mare della scala che si prevede avverrà nel nostro prossimo futuro.

Vita costiera

Puoi trovare più di otto su dieci Gli australiani vivono entro 50km della costa.

I Il gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici dice i livelli globali del mare possono aumentare di oltre 8mm / anno, quattro volte la media del secolo scorso.

Una delle principali sfide per gestire un così grande aumento del livello del mare è la nostra comprensione limitata dell'impatto che questa portata di cambiamento potrebbe avere sull'umanità.

Mentre ci sono eccellenti risorse online per modellare gli impatti fisici locali dell'aumento del livello del mare, il passato geologico recente può fornire importanti informazioni sul modo in cui gli esseri umani hanno risposto agli aumenti drammatici del livello del mare.

L'ultima era glaciale

Al culmine dell'ultima era glaciale, alcuni 21,000 anni fa, non solo c'erano le calotte glaciali della Groenlandia e dell'Antartico più grande di quello che sono oggi, ma le lastre di ghiaccio 3km coprivano vaste aree del Nord America e del nord Europa.

Questo ha succhiato enormi quantità di acqua dagli oceani del nostro pianeta. Il risultato pratico è stato il livello del mare intorno a 125m più basso, rendendo la forma delle coste del mondo distintamente diversa da oggi.

Mentre il mondo barcollava fuori dall'ultima era glaciale con temperature crescenti, il ghiaccio che si scioglie è tornato nell'oceano come acqua dolce, aumentando drasticamente i livelli del mare e alterando la superficie del nostro pianeta.

Probabilmente non si sono verificati cambiamenti in nessun luogo rispetto all'Australia, un continente con un'ampia piattaforma continentale e un ricca documentazione archeologica abbraccia decine di millenni.

Un continente più grande

Per la maggior parte della storia umana in Australia, il livello del mare inferiore si è unito all'Australia continentale verso la Tasmania e la Nuova Guinea, formando un supercontinente chiamato Sahul. Il golfo di Carpentaria ospitava a lago d'acqua dolce più del doppio della dimensione della Tasmania (circa 190,000km2).

Il nostro studio mostra che il livello del mare più basso ha portato l'Australia a crescere di quasi 40% durante questo periodo - dall'attuale massa di 7.2 milioni di km2 a 9.8 milioni di km2.

Anche le linee costiere sembravano molto diverse, con profili ripidi fuori dal bordo della piattaforma continentale esposta in molte aree che si formavano pendii scoscesi e scogliere.

Immagina l'attuale costa dove i Dodici Apostoli si trovano sulla Victoria's Great Ocean Road per poi estenderli in gran parte del continente. Molti fiumi scorrevano attraverso lo scaffale esposto fino alla costa allora lontana.

clima Le ripide scogliere degli Apostoli, al largo della Victoria's Great Ocean Road, sembrano parti dell'antica costa australiana. Flickr / portengaround, CC BY-SA

Quando le cose si sono scaldate

Poi tra 18,000 e 8,000 anni fa, il clima globale si è riscaldato, portando a una rapida fusione delle calotte di ghiaccio e vedendo livelli del mare nella regione australiana passando da 125m sotto a 2m sopra i livelli del mare moderni.

La Tasmania è stata interrotta dall'alluvione dello Stretto di Bass intorno a 11,000 anni fa. La Nuova Guinea fu separata dall'Australia con l'alluvione dello Stretto di Torres e la creazione del Golfo di Carpentaria intorno a 8,000 anni fa.

Abbiamo scoperto che 2.12 milioni di km quadrati, o 20-29% della massa continentale - una dimensione paragonabile allo stato del Queensland - è stato perso durante questa inondazione. La posizione delle coste è cambiata in media da 139km nell'entroterra. In alcune aree il cambiamento è stato superiore a 300km.

Gran parte di questa inondazione si è verificata per un periodo di 4,000 (tra 14,600 e 10,600 anni fa) iniziata da quello che viene chiamato Meltwater Pulse 1A, un periodo di sostanziale collasso dei ghiacci che rilascia milioni di litri cubici di acqua negli oceani.

Durante questo periodo, il livello del mare è aumentato di 58m, equivalente a 14.5mm all'anno. A terra, questo avrebbe visto il movimento del bordo del mare ad un ritmo di circa 20-24m all'anno.

Impatti del passato innalzamento del livello del mare

Gli impatti potenziali di questi precedenti cambiamenti a livello del mare sulle popolazioni e società aborigene sono stati a lungo oggetto di speculazioni da parte di archeologi e storici.

clima Mappa dell'Australia che mostra cambiamenti al livello del mare e siti archeologici per periodi selezionati tra 35,000 e 8,000 anni fa. PMSL = Presente livello medio del mare. Sean Ulm, Autore previsto

Nel suo libro 1970s Trionfo dei nomadi: una storia dell'Australia aborigena, lo storico australiano Geoffrey Blainey ho ipotizzato che:

La maggior parte dei gruppi tribali della costa 18,000 anni fa deve aver lentamente perso l'intero territorio [...] deve essersi verificata una successione di ritiri. Il lento esodo dei rifugiati, la separazione dei popoli e la lotta per i territori hanno probabilmente portato a molte morti e nuove alleanze.

Gli archeologi hanno da tempo riconosciuto che gli aborigeni avrebbero occupato gli scaffali continentali ormai annegati che circondano l'Australia, ma le opinioni sono state divise sulla natura dell'occupazione e sul significato dell'innalzamento del livello del mare. La maggior parte ha suggerito che le antiche coste fossero poco usate o sottopopolate in passato.

I nostri dati mostrano che le popolazioni aborigene sono state gravemente danneggiate dal cambiamento del livello del mare in molte aree. Forse sorprendentemente la diminuzione iniziale del livello del mare prima del picco dell'ultima era glaciale ha portato la popolazione ad abbandonare in gran parte la costa e dirigersi verso l'interno, con una serie di siti archeologici all'interno che si sono affermati in questo periodo.

clima Profili della sezione trasversale della piattaforma continentale a Port Stephens, NSW (in alto) e Cape Otway, Vic (in basso). PMSL = Presente livello medio del mare. Sean Ulm, Autore previsto

Durante il picco dell'ultima era glaciale, c'è prova sulla costa occidentale che mostra la gente ha continuato a utilizzare risorse marine (molluschi, pesci, ecc.) durante questo periodo, anche se a bassi livelli.

Una massa continentale che si restringe

Con l'inizio della massiccia inondazione dopo la fine dell'ultima era glaciale, le persone hanno evacuato le coste provocando un aumento notevole della densità della popolazione in Australia (da 1 persona per ogni 355 km quadrati 20,000 anni fa, a 1 persona ogni 147 km quadrati 10,000 anni fa ).

L'innalzamento del livello del mare ha avuto un impatto così profondo sulle società Storie orali aborigene da tutta la lunghezza della costa australiana si conservano i dettagli delle inondazioni costiere e la migrazione delle popolazioni.

Sosteniamo che questa spremitura di persone in una massa 22% più piccola - nelle aree interne che erano già occupate - richiedesse alle persone di adottare nuove strategie sociali, di insediamento e di sussistenza. Questo potrebbe essere stato un elemento importante nello sviluppo del complesso paesaggio geografico e religioso che gli esploratori europei hanno osservato nei secoli 18th e 19th.

Dopo la stabilizzazione del livello del mare dopo 8,000 anni fa, iniziamo a vedere l'inizio di investimenti tecnologici intensivi e la manipolazione del paesaggio (come trappole per pesci e paesaggio che brucia).

Vediamo anche la formazione di territori (evidente segnando il luogo attraverso l'arte rupestre) che continua a propagarsi fino al momento attuale. Tutti i segni di più persone che cercano di sopravvivere in meno spazio.

Quindi quali sono le lezioni del passato per oggi? Per fortuna, possiamo dimostrare che le società del passato sono sopravvissute a rapidi cambiamenti del livello del mare a tassi leggermente superiori a quelli previsti nel nostro prossimo futuro, sebbene con densità di popolazione molto più basse di oggi.

Ma possiamo anche vedere che l'innalzamento del livello del mare ha portato a cambiamenti drastici nel luogo in cui la gente viveva, in che modo sono sopravvissuti, quale tecnologia hanno usato e probabili modifiche ai loro stili di vita sociali, religiosi e politici.

Nel mondo di oggi con densità di popolazione sostanzialmente più elevate, la gestione del trasferimento di persone nell'entroterra e fuori dall'Australia, potenzialmente oltre i confini nazionali, può costituire una delle grandi sfide sociali del 21st secolo.

Circa l'autore

Sean Ulm, vicedirettore, Centro di eccellenza ARC per la biodiversità e il patrimonio australiano, James Cook University; Alan N Williams, ricercatore associato, Centro di eccellenza ARC per biodiversità e patrimonio australiano, UNSW; Chris Turney, Centro di eccellenza ARC per la biodiversità e il patrimonio australiano, University of New South Wales, UNSW, e Stephen Lewis, Responsabile della ricerca principale, James Cook University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

libri correlati

Life After Carbon: The Next Global Transformation of Cities

by Peter Plastrik, John Cleveland
1610918495Il futuro delle nostre città non è più quello di una volta. Il modello di città moderna che ha preso piede a livello mondiale nel XX secolo è sopravvissuto alla sua utilità. Non può risolvere i problemi che ha contribuito a creare, in particolare il riscaldamento globale. Fortunatamente, un nuovo modello di sviluppo urbano sta emergendo nelle città per affrontare in modo aggressivo le realtà dei cambiamenti climatici. Trasforma il modo in cui le città progettano e utilizzano lo spazio fisico, generano ricchezza economica, consumano e dispongono di risorse, sfruttano e sostengono gli ecosistemi naturali e si preparano per il futuro. Disponibile su Amazon

La sesta estinzione: una storia innaturale

di Elizabeth Kolbert
1250062187Nell'ultimo mezzo miliardo di anni, ci sono state cinque estinzioni di massa, quando la diversità della vita sulla terra improvvisamente e drammaticamente contratta. Gli scienziati di tutto il mondo stanno attualmente monitorando la sesta estinzione, che si preannuncia essere l'evento di estinzione più devastante dall'impatto con l'asteroide che ha spazzato via i dinosauri. Questa volta, il cataclisma siamo noi. In prosa che è allo stesso tempo sincera, divertente e profondamente informata, New Yorker la scrittrice Elizabeth Kolbert ci dice perché e come gli esseri umani hanno alterato la vita sul pianeta in un modo che nessuna specie ha mai avuto prima. La ricerca intrecciata in una mezza dozzina di discipline, le descrizioni delle specie affascinanti che sono già state perse e la storia dell'estinzione come concetto, Kolbert fornisce un resoconto commovente e completo delle scomparse che avvengono sotto i nostri occhi. Dimostra che la sesta estinzione è probabilmente l'eredità più duratura dell'umanità, costringendoci a ripensare alla domanda fondamentale su cosa significhi essere umani. Disponibile su Amazon

Climate Wars: The Fight for Survival mentre il mondo si surriscalda

di Gwynne Dyer
1851687181Onde di rifugiati climatici. Dozzine di stati falliti. Guerra totale. Da uno dei grandi analisti geopolitici del mondo arriva uno sguardo terrificante sulle realtà strategiche del prossimo futuro, quando il cambiamento climatico spinge le potenze del mondo verso la politica di sopravvivenza spietata. Prescient e inflessibile, Guerre Climatiche sarà uno dei libri più importanti dei prossimi anni. Leggilo e scopri cosa stiamo andando. Disponibile su Amazon

Dall'editore:
Gli acquisti su Amazon vanno a coprire il costo di portarti InnerSelf.comelf.com, MightyNatural.com, e ClimateImpactNews.com senza costi e senza inserzionisti che monitorano le tue abitudini di navigazione. Anche se fai clic su un link ma non acquisti questi prodotti selezionati, qualsiasi altra cosa tu compri nella stessa visita su Amazon ci paga una piccola commissione. Non c'è nessun costo aggiuntivo per te, quindi per favore contribuisci allo sforzo. Puoi anche utilizzare questo link da usare su Amazon in qualsiasi momento per aiutare a sostenere i nostri sforzi.

 

POTREBBE PIACERTI ANCHE

enafarzh-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

segui InnerSelf su

facebook icontwitter iconicona di YouTubeicona di instagramicona pintresticona rss

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

ULTIMI VIDEO

La grande migrazione climatica è iniziata
La grande migrazione climatica è iniziata
by Super User
La crisi climatica sta costringendo migliaia di persone in tutto il mondo a fuggire poiché le loro case diventano sempre più inabitabili.
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
by Alan N Williams, e altri
L'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) afferma che senza una sostanziale riduzione ...
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
by Toby Tyrrell
L'evoluzione ha impiegato 3 o 4 miliardi di anni per produrre Homo sapiens. Se il clima fosse completamente fallito solo una volta in quel ...
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
by Brice Rea
La fine dell'ultima era glaciale, circa 12,000 anni fa, è stata caratterizzata da un'ultima fase fredda chiamata Younger Dryas ...
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
by Frank Wesselingh e Matteo Lattuada
Immagina di essere sulla costa, guardando il mare. Di fronte a te ci sono 100 metri di sabbia sterile che sembra un ...
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
by Richard Ernst
Possiamo imparare molto sul cambiamento climatico da Venere, il nostro pianeta gemello. Venere ha attualmente una temperatura superficiale di ...
Cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
Le cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
by John Cook
Questo video è un corso accelerato sulla disinformazione sul clima, che riassume gli argomenti chiave utilizzati per mettere in dubbio la realtà ...
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
by Julie Brigham-Grette e Steve Petsch
Ogni anno, la copertura di ghiaccio marino nell'Oceano Artico si riduce a un punto minimo a metà settembre. Quest'anno misura solo 1.44 ...

ULTIMI ARTICOLI

3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
by Bart Johnson, Professore di Architettura del Paesaggio, Università dell'Oregon
Un incendio in una foresta di montagna calda e secca ha attraversato la città della corsa all'oro di Greenville, in California, il 4 agosto...
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
by Alvin Lin
Al vertice sul clima del leader ad aprile, Xi Jinping ha promesso che la Cina "controllerà rigorosamente l'energia alimentata a carbone...
Un aereo lascia cadere un ritardante di fiamma rosso su un incendio boschivo mentre i vigili del fuoco parcheggiati lungo una strada guardano nel cielo arancione
Il modello prevede uno scoppio di incendi di 10 anni, quindi un graduale declino
by Hannah Hickey-U. Washington
Uno sguardo al futuro a lungo termine degli incendi prevede un'esplosione iniziale di circa un decennio di attività degli incendi,...
Acqua blu circondata da erba bianca morta
La mappa traccia 30 anni di scioglimento estremo della neve negli Stati Uniti
by Mikayla Mace-Arizona
Una nuova mappa degli eventi estremi dello scioglimento delle nevi negli ultimi 30 anni chiarisce i processi che guidano il rapido scioglimento.
Ghiaccio marino bianco in acqua blu con il sole che tramonta riflesso nell'acqua
Le aree ghiacciate della Terra si stanno riducendo di 33K miglia quadrate all'anno
by Texas A & M University
La criosfera terrestre si sta riducendo di 33,000 miglia quadrate (87,000 chilometri quadrati) all'anno.
Una fila di relatori maschi e femmine ai microfoni
234 scienziati hanno letto più di 14,000 articoli di ricerca per scrivere il prossimo rapporto sul clima dell'IPCC
by Stephanie Spera, Assistant Professor di Geografia e Ambiente, Università di Richmond
Questa settimana, centinaia di scienziati di tutto il mondo stanno ultimando un rapporto che valuta lo stato del...
Una donnola marrone con la pancia bianca si appoggia su una roccia e guarda oltre la sua spalla
Una volta che le donnole comuni stanno facendo un atto evanescente
by Laura Oleniacz - Stato della Carolina del Nord
Tre specie di donnole, un tempo comuni in Nord America, sono probabilmente in declino, inclusa una specie considerata...
Il rischio di alluvioni aumenterà con l'intensificarsi del caldo climatico
by Tim Radford
Un mondo più caldo sarà uno più umido. Sempre più persone dovranno affrontare un rischio di inondazione più elevato a causa dell'innalzamento dei fiumi e delle strade cittadine...

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

Nuovi atteggiamenti - Nuove possibilità

InnerSelf.comClimateImpactNews.com | InnerPower.net
MightyNatural.com | WholisticPolitics.com | Mercato InnerSelf
Copyright © 1985 - 2021 Innerself Pubblicazioni. Tutti i diritti riservati.