Le spiagge stanno mettendo al bando i filtri solari per salvare le barriere coralline

Le spiagge stanno mettendo al bando i filtri solari per salvare le barriere corallineI coralli prendono il loro colore dalle minuscole alghe che vivono nei loro tessuti e diventano bianchi o traslucidi quando stressati. Shutterstock

Molte famiglie presto fuggiranno l'inverno per cercare climi più caldi e soleggiati. Costumi da bagno e occhiali da sole troveranno invariabilmente la loro strada in valigie, ma un oggetto comune potrebbe dare alle persone un po 'più di pausa di una volta: la crema solare.

Perché? Bene, con una certa fanfara a novembre, Palau - un bellissimo paese circondato da barriere coralline nell'Oceano Pacifico occidentale - ha annunciato che vieterebbe alcuni tipi di protezione solare da 2020. Hawaii e Key West, in Florida, hanno approvato leggi simili che entreranno in vigore in 2021, ed è probabile che altre giurisdizioni seguiranno l'esempio.

Le sostanze chimiche che filtrano i raggi UV dei filtri solari ci proteggono dalle scottature e dal cancro della pelle, ma i loro effetti riportati sui coralli indicano che stanno per essere bandite su molte spiagge, anche se ci sono altre circostanze che danneggiano i coralli.

Quanto sono cattivi i filtri solari per i coralli?

Il primo sentore che i filtri solari potrebbero essere dannosi per i coralli è arrivato in 2008, quando i ricercatori italiani lo hanno rivelato i filtri solari e alcuni dei loro componenti chimici hanno causato la candeggina di varie specie di coralli.

Lo sbiancamento è un fenomeno che descrive lo sbiancamento dei tessuti corallini in risposta a condizioni stressanti. Quando i coralli sono tassati da acqua troppo calda o troppo fredda, troppo ricca di sostanze nutritive o troppo inquinata, le alghe colorate che normalmente vivono nei loro tessuti in un rapporto reciprocamente benefico e di condivisione del cibo vengono espulse, lasciando il corallo bianco. Lo sbiancamento è reversibile se lo stress diminuisce in modo relativamente rapido. In caso contrario, i coralli muoiono di fame.

Sembrava che i filtri solari e, in particolare, il loro comune principio di ossibenzone, fossero ancora un'altra cosa che rendeva i coralli insalubri. Da allora, una serie di studi ha contribuito alla nostra comprensione degli effetti dell'ossibenzone e di altri componenti della protezione solare. Ora sappiamo, per esempio, che alla loro prima fase della vita, i coralli sembrano essere molto sensibili a queste sostanze chimiche.

Quando piccole larve di corallo nuotano esposte all'ossibenzone in laboratorio, diventano deformato, sbiancato e danneggiato. Si scopre che la sostanza chimica - in una torsione oscura degna di una storia horror di Hollywood - promuove la formazione delle ossa e fa sì che le larve si rinchiudano nei propri scheletri.

Ora sappiamo anche che la protezione solare colpisce a gamma di altri invertebrati trovati sulle barriere coralline, compresi i platelminti, alghe e anemoni.

Alcuni filtri solari hanno filtri minerali inorganici per proteggere la pelle dai raggi UV, come le nanoparticelle di ossido di zinco e biossido di titanio che si ritiene siano più ecocompatibili dell'ossibenzone. Sfortunatamente, i test hanno dimostrato che l'esposizione a l'ossido di zinco interferisce con la fotosintesi delle alghe utili vive nei tessuti di corallo e conduce allo sbiancamento dei coralli. Particelle di biossido di titanio rivestite con manganese o alluminio sembra avere poco effetto sulle alghe e non ha causato alcun cambiamento visibile nel colore dei coralli, quindi i filtri solari che li contengono potrebbero essere sicuri per i coralli.

Dal laboratorio alla barriera corallina

Sembra che la scienza sia risolta: i filtri solari tradizionali sono cattivi. Aspetta, non così in fretta.

Le condizioni sperimentali che caratterizzano gli studi fatti fino ad oggi sono ben lontane da una barriera corallina vivente. Il metodo standard per testare gli effetti dei filtri solari consiste nel prendere piccoli frammenti di corallo, portarli in laboratorio ed esporre alcuni, ma non altri, a varie concentrazioni di filtri solari (o singoli prodotti chimici), e quindi misurare il numero di alghe rilasciate, il colore dei coralli, il numero che sopravvive e così via.

L'esposizione alle sostanze chimiche è solitamente acuta - è breve e intensa - e probabilmente non imita i coralli esposti in natura, in termini di durata o concentrazione.

In effetti, sappiamo poco sulle concentrazioni di ossibenzone e altri prodotti chimici per la protezione solare nelle aree costiere. Ma abbiamo alcune informazioni. Ad Oahu e Maui, ad esempio, campioni di acqua provenienti da aree pubbliche di nuoto contengono ossibenzone, ma solitamente in concentrazioni eccessivamente basse - inferiori a quelle che causano effetti negativi in ​​laboratorio. Le concentrazioni erano più alte a St. John nelle Isole Vergini americane, con i livelli più alti sulla spiaggia più popolare.

Le spiagge stanno mettendo al bando i filtri solari per salvare le barriere corallineL'ossibenzone protegge la pelle dalle radiazioni UV, ma alcune ricerche dimostrano che esso e altre sostanze chimiche possono penetrare nell'acqua durante il nuoto o il surf. Shutterstock

Prima di trarre conclusioni, vale la pena ricordare che l'oxibenzone è usato in una gamma di prodotti per la casa e può entrare nell'ambiente marino attraverso percorsi diversi dai bagnanti. Ad esempio, i sedimenti vicino alle acque di scarico in California dove, ovviamente, nessuno nuota, avere alte concentrazioni di ossibenzone. (E a queste concentrazioni l'oxybenzone femminizza il pesce maschio, ma questa è un'altra storia!)

Sarebbe anche piuttosto imprudente estrapolare dagli effetti sbiancanti delle creme solari sulle larve di corallo osservate in laboratorio per lo sbiancamento di interi reef, dove molti fattori stressanti per i coralli si sovrappongono e interagiscono.

Nel mondo reale, dove ci sono molti bagnanti, ci sono anche molte infrastrutture per sostenere il turismo, come hotel e porti turistici, e i suoi sottoprodotti, come le acque reflue, l'inquinamento e la pesca. In effetti, se le creme solari svolgono qualsiasi ruolo nel provocare lo sbiancamento dei coralli in natura, è probabile che sia una parte molto minore rispetto al massiccio, ben documentato effetto del riscaldamento dell'oceano sullo sbiancamento dei coralli.

Cosa si deve fare?

Il principio di precauzione suggerisce che le persone dovrebbero sempre sbagliare dalla parte della cautela. In assenza di prove solide, i dati indicativi dovrebbero essere sufficienti per giustificare un cambiamento nella politica o nel comportamento personale.

Ma rinunciare del tutto alla protezione solare per aiutare le barriere coralline non è un'opzione - l'evidenza che collega le radiazioni UV al danno al DNA e al cancro della pelle è incontrovertibile. Le alternative sono di lasciare la protezione solare a casa e sostituirla con indumenti e abbigliamento per la testa con un alto fattore di protezione dai raggi ultravioletti (UPF), o acquistare filtri solari "barriera corallina" privi di ossibenzone.

Le spiagge stanno mettendo al bando i filtri solari per salvare le barriere corallineI vestiti sicuri per il sole possono filtrare i raggi UV e non lavare. Shutterstock

Un'altra scelta, ovviamente, non sarebbe quella di volare verso quella destinazione tropicale. Questa sarebbe l'azione che contribuirebbe nel modo più diretto alla riduzione la minaccia più importante per le barriere coralline: il cambiamento climatico guidato dai combustibili fossili.

Questa opzione è improbabile, tuttavia, per essere graditi a quelle molte persone in attesa di scavare le dita dei piedi nella sabbia calda. È molto più facile acquistare la protezione solare giusta o vietare quelle potenzialmente dannose che affrontare la sfida più urgente del nostro tempo.

Questo articolo è originariamente apparso su The Conversation

libri correlati

{AmazonWS: searchindex = Tutto; parole chiave = risparmio barriere coralline "; amzn_assoc_default_category = "Libri"; amzn_assoc_linkid = "c6f79a113e9de9bcb5af2cea5125a41a"; amzn_assoc_default_browse_node = "283155"; amzn_assoc_rows = "2"; amzn_assoc_search_bar = "true"; amzn_assoc_search_bar_position = "top"; amzn_assoc_title = "Cambiamento climatico";

Mercato InnerSelf

Amazon

POTREBBE PIACERTI ANCHE

enafarzh-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

segui InnerSelf su

facebook icontwitter iconicona di YouTubeicona di instagramicona pintresticona rss

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

ULTIMI VIDEO

La grande migrazione climatica è iniziata
La grande migrazione climatica è iniziata
by Super User
La crisi climatica sta costringendo migliaia di persone in tutto il mondo a fuggire poiché le loro case diventano sempre più inabitabili.
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
by Alan N Williams, e altri
L'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) afferma che senza una sostanziale riduzione ...
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
by Toby Tyrrell
L'evoluzione ha impiegato 3 o 4 miliardi di anni per produrre Homo sapiens. Se il clima fosse completamente fallito solo una volta in quel ...
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
by Brice Rea
La fine dell'ultima era glaciale, circa 12,000 anni fa, è stata caratterizzata da un'ultima fase fredda chiamata Younger Dryas ...
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
by Frank Wesselingh e Matteo Lattuada
Immagina di essere sulla costa, guardando il mare. Di fronte a te ci sono 100 metri di sabbia sterile che sembra un ...
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
by Richard Ernst
Possiamo imparare molto sul cambiamento climatico da Venere, il nostro pianeta gemello. Venere ha attualmente una temperatura superficiale di ...
Cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
Le cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
by John Cook
Questo video è un corso accelerato sulla disinformazione sul clima, che riassume gli argomenti chiave utilizzati per mettere in dubbio la realtà ...
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
by Julie Brigham-Grette e Steve Petsch
Ogni anno, la copertura di ghiaccio marino nell'Oceano Artico si riduce a un punto minimo a metà settembre. Quest'anno misura solo 1.44 ...

ULTIMI ARTICOLI

3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
by Bart Johnson, Professore di Architettura del Paesaggio, Università dell'Oregon
Un incendio in una foresta di montagna calda e secca ha attraversato la città della corsa all'oro di Greenville, in California, il 4 agosto...
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
by Alvin Lin
Al vertice sul clima del leader ad aprile, Xi Jinping ha promesso che la Cina "controllerà rigorosamente l'energia alimentata a carbone...
Un aereo lascia cadere un ritardante di fiamma rosso su un incendio boschivo mentre i vigili del fuoco parcheggiati lungo una strada guardano nel cielo arancione
Il modello prevede uno scoppio di incendi di 10 anni, quindi un graduale declino
by Hannah Hickey-U. Washington
Uno sguardo al futuro a lungo termine degli incendi prevede un'esplosione iniziale di circa un decennio di attività degli incendi,...
Acqua blu circondata da erba bianca morta
La mappa traccia 30 anni di scioglimento estremo della neve negli Stati Uniti
by Mikayla Mace-Arizona
Una nuova mappa degli eventi estremi dello scioglimento delle nevi negli ultimi 30 anni chiarisce i processi che guidano il rapido scioglimento.
Ghiaccio marino bianco in acqua blu con il sole che tramonta riflesso nell'acqua
Le aree ghiacciate della Terra si stanno riducendo di 33K miglia quadrate all'anno
by Texas A & M University
La criosfera terrestre si sta riducendo di 33,000 miglia quadrate (87,000 chilometri quadrati) all'anno.
Una fila di relatori maschi e femmine ai microfoni
234 scienziati hanno letto più di 14,000 articoli di ricerca per scrivere il prossimo rapporto sul clima dell'IPCC
by Stephanie Spera, Assistant Professor di Geografia e Ambiente, Università di Richmond
Questa settimana, centinaia di scienziati di tutto il mondo stanno ultimando un rapporto che valuta lo stato del...
Una donnola marrone con la pancia bianca si appoggia su una roccia e guarda oltre la sua spalla
Una volta che le donnole comuni stanno facendo un atto evanescente
by Laura Oleniacz - Stato della Carolina del Nord
Tre specie di donnole, un tempo comuni in Nord America, sono probabilmente in declino, inclusa una specie considerata...
Il rischio di alluvioni aumenterà con l'intensificarsi del caldo climatico
by Tim Radford
Un mondo più caldo sarà uno più umido. Sempre più persone dovranno affrontare un rischio di inondazione più elevato a causa dell'innalzamento dei fiumi e delle strade cittadine...

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

Nuovi atteggiamenti - Nuove possibilità

InnerSelf.comClimateImpactNews.com | InnerPower.net
MightyNatural.com | WholisticPolitics.com | Mercato InnerSelf
Copyright © 1985 - 2021 Innerself Pubblicazioni. Tutti i diritti riservati.