Opportunità di alto valore esistono per ripristinare le foreste pluviali tropicali in tutto il mondo

Opportunità di alto valore esistono per ripristinare le foreste pluviali tropicali in tutto il mondo Il ripristino delle foreste è in corso a Biliran, Leyte, nelle Filippine guidate dalla comunità locale con il supporto di ricercatori internazionali e agenzie governative. Robin Chazdon, CC BY-ND

La cintura verde delle foreste pluviali tropicali che copre le regioni equatoriali di Americhe, Africa, Indonesia e Asia sud-orientale sta diventando marrone. Poiché 1990, L'Indonesia ha perso il 50% della foresta originale, l'Amazon 30% e l'Africa centrale 14%. Gli incendi, il disboscamento, la caccia, la costruzione di strade e la frammentazione hanno subito gravi danni più del 30% di quelli che rimangono.

Queste foreste fornire molti vantaggi: Conservano grandi quantità di carbonio, ospitano numerose specie selvatiche, forniscono cibo e carburante per la popolazione locale, purificano i rifornimenti idrici e migliorano la qualità dell'aria. Rifornirli è un imperativo globale urgente.

Ma non ci sono abbastanza risorse per ripristinare tutte le foreste tropicali che sono state perse o danneggiate. E il restauro può essere in conflitto con altre attività, come l'agricoltura e la silvicoltura. Come un ecologista della foresta tropicale, Sono interessato a sviluppare strumenti migliori per valutare dove questi sforzi saranno più convenienti e vantaggiosi.

Negli ultimi quattro anni, professore forestale tropicale Pedro Brancalion e ho guidato un team di ricercatori da una rete internazionale nel valutare i benefici e la fattibilità del restauro attraverso le foreste pluviali tropicali in tutto il mondo. I nostri risultati appena pubblicati identificare gli hotspot di ripristino - aree in cui il ripristino delle foreste tropicali sarebbe più vantaggioso e meno costoso e rischioso. Coprono su miglia quadrate 385,000 (100 milioni di ettari), un'area grande come Spagna e Svezia combinate.

I cinque paesi con le aree più vaste di hotpots per il restauro sono Brasile, Indonesia, India, Madagascar e Colombia. Sei paesi in Africa - Ruanda, Uganda, Burundi, Togo, Sud Sudan e Madagascar - detengono aree della foresta pluviale in cui si prevede che il ripristino produca i massimi benefici con la massima fattibilità. Speriamo che i nostri risultati possano aiutare governi, gruppi di conservazione e finanziatori internazionali a individuare aree in cui esiste un alto potenziale di successo.

Opportunità di alto valore esistono per ripristinare le foreste pluviali tropicali in tutto il mondo Un vivaio di alberi nativi per il restauro su larga scala della Foresta Atlantica a Reserva Natural Guapiaçu, nello stato di Rio de Janeiro, in Brasile. Robin Chazdon, CC BY-ND

Dove iniziare

Paesaggi forestali intatti nelle regioni tropicali è diminuito del 7.2% da 2000 a 2013, principalmente a causa di disboscamento, radura e incendi. Queste perdite hanno terribili conseguenze per la biodiversità globale, i cambiamenti climatici e le popolazioni dipendenti dalle foreste.

Come il mio lavoro ha dimostrato, le foreste tropicali possono recuperare dopo che sono stati cancellati o danneggiati. Anche se queste foreste di seconda crescita non sostituiranno mai perfettamente le foreste più vecchie che sono state perse, piantando alberi accuratamente selezionati e assistendo i processi di recupero naturale è possibile ripristinare molte delle loro precedenti proprietà e funzioni.

Ma il restauro non è uniformemente fattibile o auspicabile e i benefici che le foreste forniscono non sono equamente distribuiti. Per fare scelte informate sugli sforzi di restauro e investimenti, le organizzazioni hanno bisogno di informazioni spaziali più dettagliate. Esistente mappe globali di opportunità di restauro si basano su livelli effettivi rispetto a potenziali livelli di copertura della chioma dell'albero. Volevamo andare al di là di questa misurazione per identificare dove si trovavano i maggiori benefici e le sfide potenziali.

Il nostro studio ha utilizzato immagini satellitari ad alta risoluzione e la più recente ricerca sottoposta a peer review per integrare le informazioni su quattro benefici del ripristino forestale: conservazione della biodiversità, mitigazione dei cambiamenti climatici, adattamento ai cambiamenti climatici e sicurezza dell'acqua. Abbiamo anche valutato tre aspetti della fattibilità: costi, rischio di investimento e la probabilità che le foreste ripristinate sopravvivano nel futuro.

Abbiamo studiato queste variabili in tutte le foreste umide tropicali di pianura in tutto il mondo, dividendole in blocchi quadrati 1-chilometro che avevano perso più del 10% della loro copertura della chioma degli alberi in 2016. Ognuno dei sette fattori che abbiamo studiato aveva lo stesso peso nel calcolo dei punteggi di opportunità di ripristino totale.

I blocchi con il punteggio più alto, che chiamiamo "punti caldi di ripristino", rappresentano le regioni più interessanti per il ripristino delle foreste tropicali, con i massimi benefici generali e minimi compromessi negativi.

Il restauro forestale richiede molto più che piantare alberi.

Il restauro forestale si allinea con altri impegni globali

I principali paesi 15 con le aree più vaste degli hotspot di ripristino sono distribuiti in tutte le regioni tropicali della foresta pluviale di tutto il mondo. Tre sono nell'America centrale e meridionale, cinque in Africa e nel Medio Oriente e sette in Asia e nel Pacifico.

È importante sottolineare che la percentuale di 89 degli hotspot identificati si trova in aree che sono già state identificate come hotspot di conservazione della biodiversità nelle regioni tropicali. Questi hotspot di conservazione hanno concentrazioni eccezionalmente elevate di specie a rischio. Sono state aree focali per investimenti e attività volte a promuovere la conservazione della biodiversità per quasi anni 20.

Questa scoperta ha un senso, dal momento che due criteri per la designazione degli hotspot di conservazione - alti tassi di perdita di foresta e alta concentrazione di specie endemiche o localmente distribuite - erano anche variabili nel nostro studio. I nostri risultati sostengono fortemente la necessità di sviluppare e implementare soluzioni integrate che proteggano gli ecosistemi forestali rimanenti e ripristinino nuove foreste in queste regioni ad alta priorità.

Abbiamo anche scoperto che il 73% degli hotspot di ripristino delle foreste tropicali si trova in paesi che hanno assunto impegni in base al Bonn Challenge, uno sforzo globale per portare alcune miglia quadrate 580,000 (150 milioni di ettari) della terra disboscata e danneggiata del mondo in restauro da 2020 e 1.35 milioni di miglia quadrate (350 milioni di ettari) da 2030. Con questi impegni, i partecipanti al Bonn Challenge hanno dimostrato di essere politicamente motivati ​​a ripristinare e conservare le foreste e sono alla ricerca di opportunità di ripristino.

Opportunità di alto valore esistono per ripristinare le foreste pluviali tropicali in tutto il mondo Il ripristino forestale nelle piccole fattorie confinanti con la riserva forestale di Mpanga, in Uganda, può portare alti livelli di benefici ed è relativamente fattibile da raggiungere. Robin Chazdon, CC BY-ND

Un mezzo per molti fini

Anche la percentuale di 88 delle terre che abbiamo analizzato e che non si sono qualificate come punti di ripristino del restauro merita un'attenzione particolare. Questi paesaggi potrebbero essere prioritari per interventi di restauro che aumentano la sicurezza di cibo, acqua e combustibile attraverso pratiche agroforestali, protezione dei bacini idrici, legnaie per la produzione di legna da ardere e legname locale o piantagioni di alberi commerciali. Tutte queste aree possono fornire benefici per le persone e l'ambiente attraverso combinazioni di diversi approcci di restauro, anche se non sono i migliori candidati per uno sforzo su vasta scala per ripristinare una foresta ad alto rendimento.

Il ripristino forestale è anche urgentemente necessario in altri tipi di foreste in tutto il mondo, come foreste tropicali stagionalmente secche e foreste temperate che sono pesantemente gestite per il legname. Identificare le opportunità di ripristino chiave in queste regioni richiede studi separati basati sui loro vantaggi e sfide unici.

Il nostro studio aiuta ad evidenziare come il ripristino delle foreste tropicali possa fornire molteplici benefici per le persone e la natura e si allinea alle attuali politiche di conservazione e sviluppo sostenibile. Speriamo che la nostra mappa delle opportunità di ripristino e degli hotspot fornirà indicazioni utili per nazioni, organizzazioni per la conservazione e finanziatori e che le comunità e le organizzazioni locali saranno coinvolte e trarranno beneficio da questi sforzi.

Circa l'autore

Robin Chazdon, professore emerito di ecologia e biologia evoluzionistica, Università del Connecticut

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

libri correlati

Drawdown: il piano più completo mai proposto per invertire il riscaldamento globale

di Paul Hawken e Tom Steyer
9780143130444Di fronte alla paura diffusa e all'apatia, una coalizione internazionale di ricercatori, professionisti e scienziati si sono riuniti per offrire una serie di soluzioni realistiche e audaci ai cambiamenti climatici. Cento tecniche e pratiche sono descritte qui - alcune sono ben note; alcuni dei quali potresti non aver mai sentito parlare. Si va dall'energia pulita all'educare le ragazze nei paesi a basso reddito alle pratiche di uso del suolo che estraggono il carbonio dall'aria. Le soluzioni esistono, sono economicamente valide e le comunità in tutto il mondo stanno attualmente attuandole con abilità e determinazione. Disponibile su Amazon

Progettare soluzioni per il clima: una guida politica per l'energia a basse emissioni di carbonio

di Hal Harvey, Robbie Orvis, Jeffrey Rissman
1610919564Con gli effetti del cambiamento climatico già su di noi, la necessità di ridurre le emissioni globali di gas serra è nientemeno che urgente. È una sfida scoraggiante, ma le tecnologie e le strategie per soddisfarlo esistono oggi. Una piccola serie di politiche energetiche, progettate e implementate correttamente, può metterci sulla strada di un futuro a basse emissioni di carbonio. I sistemi energetici sono grandi e complessi, quindi la politica energetica deve essere mirata e redditizia. Gli approcci "taglia unica" semplicemente non faranno il lavoro. I responsabili delle politiche hanno bisogno di una risorsa chiara e completa che delinei le politiche energetiche che avranno il maggiore impatto sul nostro futuro climatico e descriverà come progettare bene queste politiche. Disponibile su Amazon

Questo cambia tutto: Capitalismo vs The Climate

di Naomi Klein
1451697392In Questo cambia tutto Naomi Klein sostiene che il cambiamento climatico non è solo un altro problema da archiviare ordinatamente tra tasse e assistenza sanitaria. È un allarme che ci chiama a fissare un sistema economico che ci sta già fallendo in molti modi. Klein costruisce meticolosamente il caso di come la riduzione massiccia delle nostre emissioni di gas serra sia la nostra migliore occasione per ridurre simultaneamente le disparità, ri-immaginare le nostre democrazie distrutte e ricostruire le nostre sventrate economie locali. Espone la disperazione ideologica dei negazionisti del cambiamento climatico, le delusioni messianiche degli aspiranti geoingegneri e il tragico disfattismo di troppe iniziative verdi tradizionali. E dimostra esattamente perché il mercato non ha - e non può - aggiustare la crisi climatica ma invece peggiora le cose, con metodi di estrazione sempre più estremi ed ecologicamente dannosi, accompagnati da un capitalismo disastroso dilagante. Disponibile su Amazon

Dall'editore:
Gli acquisti su Amazon vanno a coprire il costo di portarti InnerSelf.comelf.com, MightyNatural.com, e ClimateImpactNews.com senza costi e senza inserzionisti che monitorano le tue abitudini di navigazione. Anche se fai clic su un link ma non acquisti questi prodotti selezionati, qualsiasi altra cosa tu compri nella stessa visita su Amazon ci paga una piccola commissione. Non c'è nessun costo aggiuntivo per te, quindi per favore contribuisci allo sforzo. Puoi anche utilizzare questo link da usare su Amazon in qualsiasi momento per aiutare a sostenere i nostri sforzi.

enafarZH-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

ULTIMI VIDEO

Parlare di cambiamento energetico potrebbe spezzare l'impasse climatica
Parlare di cambiamento energetico potrebbe spezzare l'impasse climatica
by Staff di InnerSelf
Ognuno ha storie di energia, che si tratti di un parente che lavora su una piattaforma petrolifera, un genitore che insegna a un bambino a girare ...
Le colture potrebbero affrontare doppi problemi di insetti e un clima caldo
Le colture potrebbero affrontare doppi problemi di insetti e un clima caldo
by Gregg Howe e Nathan Havko
Per millenni, gli insetti e le piante di cui si nutrono sono stati impegnati in una battaglia coevolutiva: mangiare o non essere ...
Per raggiungere le emissioni zero, il governo deve affrontare gli ostacoli che mettono le persone fuori dalle auto elettriche
Per raggiungere le emissioni zero, il governo deve affrontare gli ostacoli che mettono le persone fuori dalle auto elettriche
by Swapnesh Masrani
Ambiti ambiziosi sono stati fissati dal governo britannico e scozzese per diventare economie di carbonio nette a zero entro il 2050 e il 2045 ...
La primavera arriva prima negli Stati Uniti e non è sempre una buona notizia
La primavera arriva prima negli Stati Uniti e non è sempre una buona notizia
by Theresa Crimmins
In gran parte degli Stati Uniti, un clima caldo ha anticipato l'arrivo della primavera. Quest'anno non fa eccezione.
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
by Alan N Williams, et al
L'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) afferma che senza una sostanziale riduzione ...
Una città della Georgia ottiene metà della sua elettricità dalla Solar Farm del presidente Jimmy Carter
Una città della Georgia ottiene metà della sua elettricità dalla Solar Farm del presidente Jimmy Carter
by Johnna Crider
Plains, in Georgia, è una piccola città che si trova a sud di Columbus, Macon e Atlanta e a nord di Albany. È il…
La maggior parte degli adulti statunitensi crede che il cambiamento climatico sia oggi il problema più importante
by Associazione Americana di Psicologia
Man mano che gli effetti del cambiamento climatico diventano più evidenti, oltre la metà degli adulti statunitensi (56%) afferma che il cambiamento climatico è il ...
In che modo queste tre società finanziarie potrebbero cambiare la direzione della crisi climatica
In che modo queste tre società finanziarie potrebbero cambiare la direzione della crisi climatica
by Mangulina Jan Fichtner, et al
Una rivoluzione silenziosa sta accadendo negli investimenti. È un cambio di paradigma che avrà un profondo impatto sulle società, ...

ULTIMI ARTICOLI

Tre miliardi di persone vivranno davvero a temperature calde come il Sahara entro il 2070?
Tre miliardi di persone vivranno davvero a temperature calde come il Sahara entro il 2070?
by Mark Maslin
Gli esseri umani sono creature straordinarie, in quanto mostrano di poter vivere in quasi tutti i climi.
I fossili dei fondali marini mostrano che l'oceano sta subendo un cambiamento che non si vede da 10,000 anni
I fossili dei fondali marini mostrano che l'oceano sta subendo un cambiamento che non si vede da 10,000 anni
by Peter T. Spooner
I cambiamenti nella circolazione oceanica potrebbero aver causato uno spostamento negli ecosistemi dell'Oceano Atlantico non visti negli ultimi 10,000 anni, ...
Come i produttori agricoli canadesi possono aprire la strada all'azione per il clima
Come i produttori agricoli canadesi possono aprire la strada all'azione per il clima
by Lisa Ashton e Ben Bradshaw
L'agricoltura è stata a lungo inquadrata nella discussione sull'azione globale per il clima come un settore le cui attività sono in conflitto con ...
Sì, i cambiamenti climatici possono influire sul clima estremo ma c'è ancora molto da imparare
Sì, i cambiamenti climatici possono influire sul clima estremo ma c'è ancora molto da imparare
by Staff di InnerSelf
Il fatto che il clima si sia riscaldato è difficile per gli esseri umani sperimentare in prima persona, e di certo non possiamo vedere ...
Perché la Green Gig Economy è in prima linea nella lotta ai cambiamenti climatici
Perché la Green Gig Economy è in prima linea nella lotta ai cambiamenti climatici
by Sango Mahanty e Benjamin Neimark
I politici e gli uomini d'affari amano fare promesse per piantare migliaia di alberi per rallentare il cambiamento climatico. Ma chi…
Inquinata, drenata e prosciugata: nuovi avvertimenti sui fiumi e sui laghi della Nuova Zelanda
Inquinata, drenata e prosciugata: nuovi avvertimenti sui fiumi e sui laghi della Nuova Zelanda
by Troy Baisden
L'ultimo rapporto ambientale sui laghi e sui fiumi della Nuova Zelanda ribadisce le desolate notizie sullo stato delle acque dolci ...
Il clima più caldo porta più stress, depressione e altri problemi di salute mentale
Il clima più caldo porta più stress, depressione e altri problemi di salute mentale
by Susana Ferreira e Travis Smith
"Pensare alla tua salute mentale - che include stress, depressione e problemi con le emozioni - per quanti ...
Come le narrative distopiche possono incitare il radicalismo nel mondo reale
Come le narrative distopiche possono incitare il radicalismo nel mondo reale
by Calvert Jones e Celia Paris
Gli umani sono creature narrative: le storie che raccontiamo hanno profonde implicazioni su come vediamo il nostro ruolo nel mondo, ...