Come trasformare il tuo cortile in un'oasi ecologica

Come trasformare il tuo cortile in un'oasi ecologica
La proprietà della Virginia di 0.24 acri di Toni Genberg è certificata come habitat di Audubon at Home, il che significa che le sue piante autoctone lo rendono un luogo benefico per uccelli, insetti, farfalle e animali.

Per anni, Toni Genberg ha assunto che un giardino sano fosse un habitat salutare. È così che si è avvicinata al paesaggio intorno a casa sua nel nord della Virginia. Durante i viaggi al centro di giardinaggio locale, avrebbe privilegiato l'estetica, acquistando qualsiasi cosa fosse carina, "che era tipicamente piante ornamentali o invasive", dice. Poi, nel 2014, Genberg ha partecipato a un discorso di Doug Tallamy, professore di entomologia all'Università del Delaware. "Ho imparato che stavo davvero morendo di fame la nostra fauna selvatica", dice.

Il problema, ha spiegato Tallamy, è con le diete schizzinose degli insetti che mangiano piante. La maggior parte di questi bug - circa il 90% - si riproduce e si riproduce solo su alcune specie di piante autoctone, in particolare quelle con cui condividono una storia evolutiva. Senza questi adattamenti attentamente sintonizzati di piante specifiche, le popolazioni di insetti soffrono. E poiché gli stessi insetti sono una fonte di cibo chiave per uccelli, roditori, anfibi e altre creature, quella dipendenza dai nativi - e le conseguenze del non averli - si fa strada lungo la catena alimentare. Nel tempo, i paesaggi costituiti principalmente da piante invasive o non native potrebbero diventare zone morte.

Come trasformare il tuo cortile in un'oasi ecologicaCome trasformare il tuo cortile in un'oasi ecologicaIn alto, Toni Genberg. In basso, un'enorme calabrone (Bombus sp.) Visita un bergamotto selvatico (Monarda fistulosa) nel cortile della Virginia di Genberg. Foto di Toni Genberg.

Le terre coltivate possono essere altrettanto distruttive, costituendo quasi il 20% di tutta la terra negli Stati Uniti. E questo non include nemmeno il singolo più grande raccolto irrigato nel paese. Coprendo più di 40 milioni di acri negli Stati Uniti, il prato erboso consuma un'area grosso modo delle dimensioni del New England - terra che, per motivi di conservazione dell'habitat, potrebbe anche essere pavimentazione.

Considerando quanto poco habitat e cibo forniscono queste monoculture e l'incredibile quantità di risorse di cui hanno bisogno, c'è da meravigliarsi perché le popolazioni di insetti globali stanno precipitando?

Ma ci sono soluzioni. Uno, almeno in teoria, è abbastanza semplice: piantare più specie autoctone. È una chiamata che ha parlato a un numero crescente di gestori di parchi, giardinieri domestici e paesaggisti, molti dei quali tracciano una linea diretta di ispirazione per Tallamy. La sua ricerca ha contribuito a rovesciare decenni di pratiche orticole dannose, costringendoci a ripensare il modo in cui tendiamo a spazi sia pubblici che privati.

Sindrome Di Savanna

Al posto delle monocolture, i paesaggi con una biomassa più ampia e diversificata di specie autoctone aiutano a sostenere gli impollinatori, il carbonio sequestrante, il deflusso delle catture e la ricostruzione degli habitat. Uno studio recente gli habitat trovati con due o tre specie di alberi autoctoni sono in media dal 25% al ​​30% in più produttivi rispetto alle monocolture, il che significa che contribuiscono con molto più cibo ed energia a un ecosistema. Gli habitat con cinque specie di alberi autoctoni erano più produttivi del 50%. La fauna selvatica è attratta da terre brulicanti di piante autoctone.

giardinaggioDoug Tallamy, un professore di entomologia, lavora per promuovere la messa a dimora di piante autoctone al posto del tappeto erboso. Foto di Cindy Tallamy.

Per le persone che vorrebbero vivere uno stile di vita più sostenibile, il semplice messaggio di piantare più specie autoctone è sia produttivo che gratificante, un contrasto rinfrescante con consumistica esortazioni che incolpa il problema collettivo del collasso ambientale sulle scelte di acquisto individuali. Come ogni altra cosa, il vero cambiamento deve avvenire a livello macro, specialmente quando si tratta di erba medica - un raccolto con profonde radici culturali, persino evolutive.

I sociobiologi si riferiscono alla preferenza che gli umani hanno per vaste aree di erba bassa come "Sindrome della savana". Le praterie aperte hanno permesso ai nostri antenati primitivi di tenere d'occhio i predatori. Quindi anche oggi, a un livello profondo, ci sentiamo più sicuri quando possiamo vedere all'orizzonte.

Il prato è il paesaggio predefinito, ma non deve esserlo.

Fino all'età industriale, le esigenze dell'agricoltura tenevano a bada i prati. Erano visti principalmente come status symbol che dicevano che una persona aveva abbastanza soldi per spazzare via le richieste territoriali dei terreni agricoli. L'invenzione del tosaerba ha democratizzato il prato e ha ulteriormente incorporato la sua presa patologica nella nostra psiche.

Ma i prati richiedono enormi quantità di acqua e spesso trattamenti chimici per mantenerli, per non parlare delle emissioni prodotte dai tosaerba a due cicli. Secondo l'Environmental Protection Agency, far funzionare un tosaerba per un'ora emette più inquinamento atmosferico come guidare un'auto tipica 100 miglia. Questa allocazione delle risorse diventa sempre più difficile da giustificare poiché i cambiamenti climatici continuano a prosciugare habitat una volta produttivi. Come un monociclo, i prati spostano paesaggi che potrebbero essere utili a persone, piante, animali e insetti. È giunto il momento per noi di riconsiderare i prati su larga scala, hanno concluso diversi ricercatori.

Considerando come i prati trincerati sono nell'immaginazione americana, per sradicarli richiederà un po 'di dare e avere. I sostenitori affermano che abbiamo bisogno di un cambiamento culturale e di politiche che lo supportano.

"Man mano che i cambiamenti climatici e la siccità peggiorano, potremmo arrivare a un punto in cui esiste un sostegno politico per mettere fuori legge i prati", afferma Sarah B. Schindler, professore di diritto all'Università del Maine, che ha scritto diversi articoli sull'autorità legale dei comuni vietare i prati. "Penso che stiamo vedendo un cambiamento nelle norme e penso che parte di ciò sia legato alla crescente consapevolezza della catastrofe climatica".

giardinaggioMolte specie autoctone affollano la proprietà di Genberg, compresi i cardellini americani che cenano sui semi di coneflower arancione (Rudbeckia fulgida). Foto di Toni Genberg.

Parte di quel lavoro è semplicemente sensibilizzare. Molte persone non pensano alla possibilità dei loro cortili come tutt'altro che erba medica. Come dice Tallamy, il prato è il paesaggio predefinito, ma non deve esserlo. "Le persone non si rendono conto che c'è un'alternativa."

La scelta di piante autoctone

Alcune comunità stanno iniziando a imporre alternative. Nel California, Coloradoe Arizona, dove le carenze idriche sono una crisi crescente, le città offrono riduzioni per ogni metro quadrato di prato sostituito con paesaggi autoctoni o che risparmiano acqua, un processo noto come "xeriscaping". In climi più umidi, Washington, DCe città in Nebraska, Lo stato di Washington, Iowae Minnesota hanno implementato programmi di sconti per l'impianto di giardini pluviali, che catturano e si infiltrano in più deflussi dell'erba. La città di Alexandria, Virginia, ha recentemente cambiato la sua falciatura comunale per consentire la crescita di prati e radure nei parchi cittadini. 

In tutto il paese, gruppi locali stanno sostenendo la messa a dimora di nativi su strade, mediane, campus e parchi. Alcuni, come Cibo non pratoincoraggiare i proprietari di case e i quartieri a sostituire i prati con piante commestibili per stabilire la sovranità alimentare e la sicurezza alimentare all'interno delle loro comunità. Altri adottano un approccio più clandestino piantando "giardini di guerriglia" o lanciando "bombe da seme" in lotti abbandonati e proprietà in cui non hanno il diritto legale al giardino.

giardinaggio Colibrì dalla gola di rubino sono spesso visti visitare i fiori cardinali (Lobelia cardinalis) nella proprietà di Genberg. Foto di Toni Genberg.

"Una cosa che abbiamo imparato con la nostra ricerca è che c'è spazio per un compromesso", afferma Tallamy. Le piantagioni native non devono essere tutte o nessuna per fare la differenza. Ha fornito l'esempio della riproduzione dei ceci: se hai almeno il 70% di biomassa vegetale nativa in un determinato habitat, puoi avere una riproduzione sostenibile dei ceci. "Questo ti dà il 30% per piantare piante perenni ed esotici e altre piante ornamentali."

La ricerca di Tallamy sul rapporto tra piante autoctone e insetti ha ispirato i giardinieri a fare di più che trasformare i loro cortili in oasi native. Molti stanno ora creando risorse per consentire agli altri di fare lo stesso.

La National Wildlife Federation ha creato un strumento web per trovare la pianta nativa, che consente agli utenti di inserire un codice postale per trovare alberi, arbusti e piante originari della propria regione. Dopo la sua rivelazione orticola, Toni Genberg ha creato ChooseNatives.org, una risorsa per aiutare gli utenti a trovare, acquistare e conoscere le piante native. Da quando è passato ai nativi, la stessa Genberg ha visto tutti i tipi di animali selvatici tornare in una proprietà che, prima, era solo un simulacro suburbano.

Matt Bright ha fondato l'associazione no profit Earth Sangha con l'obiettivo di propagare e ripristinare le comunità di piante autoctone locali nell'area DC. "Abbiamo stabilito record per il totale delle piante distribuite dal nostro vivaio di piante selvatiche per quattro anni consecutivi", afferma. "E nel complesso, la tendenza è stata verso una maggiore domanda da tutti gli angoli, che si tratti di gestori di parchi ed ecologi, proprietari di case o aziende di architettura del paesaggio."

Biodiversità tra gli edifici

Ma spostarsi dai prati è complicato dal fatto che i comuni hanno da tempo adottato regole chiamate "ordinanze sulle infestanti", che richiedono una breve copertura del terreno per motivi puramente estetici. Ciò impone efficacemente la messa a dimora e il mantenimento di prati, così come molte leggi locali in materia di zonazione e statuti HOA. E queste regole non sono sempre prese alla leggera. Nel Michigan qualche anno fa, una donna tempo di prigione affrontato per coltivare un orto nel suo cortile invece che nel prato.

giardinaggioUn'ape dalle lunghe corna visita un coneflower arancione (Rudbeckia fulgida) nel cortile di Genberg. Foto di Toni Genberg.

Le persone non vogliono sentirsi dire che non possono avere i loro prati, ma anche loro non vogliono sentirli dire loro avere avere un prato.

L'elefante nella stanza, ovviamente, è un diritto di proprietà. Limiti e requisiti possono ispirare contraccolpi. Come sottolinea Genberg, "gli americani non vogliono sapere cosa fare, soprattutto quando si tratta delle loro proprietà".

Ecco perché Tallamy si è concentrato sul parlare con il pubblico invece di avanzare la regolamentazione dall'alto verso il basso. Le leggi, in particolare i divieti, hanno bisogno del sostegno pubblico per passare. Per pensare anche alla regolamentazione dei prati, devi prima cambiare la cultura che li circonda. Come mostrano persone come Toni Genberg e Matt Bright, il messaggio di Tallamy risuona.

"Quello che fai sulla tua proprietà colpisce tutti", dice Tallamy. Le piante non native o ornamentali potrebbero non sembrare inquinanti, ma dal punto di vista ecologico lo sono. La ricerca di Tallamy lo conferma: un nuovo articolo del suo team mostra quanto siano efficaci le piante non native nel distruggere gli habitat locali.

"Abbiamo confrontato le comunità di bruco in siepi invase da non nativi rispetto a siepi che erano per lo più nativi", spiega. "C'è una riduzione del 96% nella biomassa del bruco quando sono nativi, quindi se sei un uccello e stai cercando di allevare i tuoi piccoli, hai appena perso il 96% del tuo cibo."

giardinaggioUn uccellino azzurro che decolla con il suo pasto. Foto di Doug Tallamy.

Ma c'è un rovescio della medaglia, dice. Se estrai le specie invasive e inserisci le piante autoctone, hai appena creato il 96% ancora di più cibo.

E questa non è una tendenza del giardinaggio riservata ai sobborghi e alle terre protette dell'America. A Manhattan, il centro urbano più densamente popolato del paese, i funzionari hanno convertito una linea ferroviaria abbandonata in un parco pubblico chiamato High Line, con una politica di piantare almeno il 50% di specie autoctone.

"Ci sono farfalle monarca lì, ci sono tutti i tipi di api autoctone, che mi hanno davvero sorpreso", dice Tallamy. "Se riesci a farlo a Manhattan, puoi farlo ovunque."

Circa l'autore

Tyler Wells Lynch è uno scrittore freelance il cui lavoro è apparso in Vice, Gizmodo, Wirecutter, USA Today, The Rumpus, e il Huffington Post. Vive nel Maine.

Questo articolo è originariamente apparso su SÌ! Rivista

books_gardening

segui InnerSelf su

facebook icontwitter iconicona di YouTubeicona di instagramicona pintresticona rss

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana
enafarzh-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

ULTIMI VIDEO

La grande migrazione climatica è iniziata
La grande migrazione climatica è iniziata
by Super User
La crisi climatica sta costringendo migliaia di persone in tutto il mondo a fuggire poiché le loro case diventano sempre più inabitabili.
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
by Alan N Williams, e altri
L'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) afferma che senza una sostanziale riduzione ...
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
by Toby Tyrrell
L'evoluzione ha impiegato 3 o 4 miliardi di anni per produrre Homo sapiens. Se il clima fosse completamente fallito solo una volta in quel ...
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
by Brice Rea
La fine dell'ultima era glaciale, circa 12,000 anni fa, è stata caratterizzata da un'ultima fase fredda chiamata Younger Dryas ...
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
by Frank Wesselingh e Matteo Lattuada
Immagina di essere sulla costa, guardando il mare. Di fronte a te ci sono 100 metri di sabbia sterile che sembra un ...
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
by Richard Ernst
Possiamo imparare molto sul cambiamento climatico da Venere, il nostro pianeta gemello. Venere ha attualmente una temperatura superficiale di ...
Cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
Le cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
by John Cook
Questo video è un corso accelerato sulla disinformazione sul clima, che riassume gli argomenti chiave utilizzati per mettere in dubbio la realtà ...
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
by Julie Brigham-Grette e Steve Petsch
Ogni anno, la copertura di ghiaccio marino nell'Oceano Artico si riduce a un punto minimo a metà settembre. Quest'anno misura solo 1.44 ...

ULTIMI ARTICOLI

3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
by Bart Johnson, Professore di Architettura del Paesaggio, Università dell'Oregon
Un incendio in una foresta di montagna calda e secca ha attraversato la città della corsa all'oro di Greenville, in California, il 4 agosto...
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
by Alvin Lin
Al vertice sul clima del leader ad aprile, Xi Jinping ha promesso che la Cina "controllerà rigorosamente l'energia alimentata a carbone...
Un aereo lascia cadere un ritardante di fiamma rosso su un incendio boschivo mentre i vigili del fuoco parcheggiati lungo una strada guardano nel cielo arancione
Il modello prevede uno scoppio di incendi di 10 anni, quindi un graduale declino
by Hannah Hickey-U. Washington
Uno sguardo al futuro a lungo termine degli incendi prevede un'esplosione iniziale di circa un decennio di attività degli incendi,...
Acqua blu circondata da erba bianca morta
La mappa traccia 30 anni di scioglimento estremo della neve negli Stati Uniti
by Mikayla Mace-Arizona
Una nuova mappa degli eventi estremi dello scioglimento delle nevi negli ultimi 30 anni chiarisce i processi che guidano il rapido scioglimento.
Ghiaccio marino bianco in acqua blu con il sole che tramonta riflesso nell'acqua
Le aree ghiacciate della Terra si stanno riducendo di 33K miglia quadrate all'anno
by Texas A & M University
La criosfera terrestre si sta riducendo di 33,000 miglia quadrate (87,000 chilometri quadrati) all'anno.
Una fila di relatori maschi e femmine ai microfoni
234 scienziati hanno letto più di 14,000 articoli di ricerca per scrivere il prossimo rapporto sul clima dell'IPCC
by Stephanie Spera, Assistant Professor di Geografia e Ambiente, Università di Richmond
Questa settimana, centinaia di scienziati di tutto il mondo stanno ultimando un rapporto che valuta lo stato del...
Una donnola marrone con la pancia bianca si appoggia su una roccia e guarda oltre la sua spalla
Una volta che le donnole comuni stanno facendo un atto evanescente
by Laura Oleniacz - Stato della Carolina del Nord
Tre specie di donnole, un tempo comuni in Nord America, sono probabilmente in declino, inclusa una specie considerata...
Il rischio di alluvioni aumenterà con l'intensificarsi del caldo climatico
by Tim Radford
Un mondo più caldo sarà uno più umido. Sempre più persone dovranno affrontare un rischio di inondazione più elevato a causa dell'innalzamento dei fiumi e delle strade cittadine...

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

Nuovi atteggiamenti - Nuove possibilità

InnerSelf.comClimateImpactNews.com | InnerPower.net
MightyNatural.com | WholisticPolitics.com | Mercato InnerSelf
Copyright © 1985 - 2021 Innerself Pubblicazioni. Tutti i diritti riservati.