Il prezzo del carbonio può essere sopravvalutato, se la storia è indicativa

Il prezzo del carbonio può essere sopravvalutato, se la storia è indicativa Il giacimento di gas di Groningen nei Paesi Bassi è stato scoperto nel 1959 ed è il più grande giacimento di gas naturale in Europa. (Skitterphoto / Wikimedia), CC BY-SA

Una richiesta comune nelle discussioni sui cambiamenti climatici è il rispetto della scienza. Questo è appropriato. Dovremmo tutti prestare molta attenzione al conclusioni urgenti e terrificanti pubblicato dagli scienziati del clima.

Ma gli scienziati non sono gli unici esperti che ci chiedono di ascoltarli su questo tema. Molti economisti sostengono l'autorità scientifica per la loro insistenza sul fatto che i prezzi del carbonio, sia attraverso le tasse sul carbonio che sui sistemi di capitalizzazione, sono il modo migliore per ridurre le emissioni di carbonio.

Se si valuta il carbonio in modo appropriato, dicono, si creeranno incentivi di mercato che porteranno a riduzioni radicali delle emissioni di carbonio nel modo più economico possibile. Molti responsabili politici hanno già ascoltato questo consiglio. Esistono sistemi di tariffazione del carbonio in Canada, Unione Europea, Norvegia, Nuova Zelanda e Giappone.

Il caso della tariffazione del carbonio, tuttavia, non è coraggioso come il caso dell'azione per il clima. La teoria economica che sta alla base dei sistemi di tariffazione del carbonio si basa su ipotesi teoriche discutibili. Presuppone, ad esempio, che le persone possano essere modellate come razionali e egoiste, il che potrebbe essere una grande semplificazione eccessiva.

I sostenitori dei prezzi del carbonio spesso lo ignorano molte persone non possono ridurre le emissioni di carbonio, anche se ricevono incentivi finanziari. Gli economisti che preferiscono i prezzi del carbonio devono ancora trovare una risposta al grandi contraccolpi politici che hanno ha accompagnato l'imposizione di tasse sul carbonio in molte giurisdizioni dove sono stati introdotti, tra cui Francia, Australia e Canada.

Un motivo meno frequentemente discusso per mettere in discussione l'insistenza sul prezzo del carbonio in quanto una politica climatica centrale viene dalla storia. Nel corso del XX secolo, molti governi hanno emanato con successo transizioni tecnologiche radicali. Oggi, di fronte a un urgente bisogno di cambiare il nostro sistema energetico, sarebbe saggio guardare a come hanno raggiunto questo obiettivo. La mia ricerca su come i governi in passato hanno deliberatamente accelerato il cambiamento tecnologico su larga scala fa proprio questo.

Modernizzare sotto assedio

Nel 1937, i politici britannici guardarono nervosamente mentre la Wehrmacht marciava verso l'Austria. La guerra con la Germania ha posto un grave problema di approvvigionamento alimentare per la Gran Bretagna. L'agricoltura britannica era stata crollando per decenni sotto la concorrenza di cibi stranieri a basso costo, e la Germania era nota per usare sottomarini per interrompere la spedizione nemica. I decisori politici iniziarono a prepararsi per un'economia d'assedio.

Il prezzo del carbonio può essere sopravvalutato, se la storia è indicativa L'esercito di terra femminile ha arato i campi in Gran Bretagna su trattori durante la seconda guerra mondiale. Imperial War Museum

Per fare questo, il governo britannico intervenuta direttamente nel sistema agricolo. Ha acquistato migliaia di trattori, stabilito un prezzo fisso agevolato per il grano per stabilizzare i mercati, creato comitati esecutivi locali per l'agricoltura di guerra per massimizzare la produzione alimentare e, in molti casi, ha costretto la polizia a coltivare nuovi terreni.

Queste politiche non solo permisero alla Gran Bretagna di evitare la carestia durante la seconda guerra mondiale, ma iniziarono anche una massiccia trasformazione strutturale che persiste negli anni '1950 e '1960 come agricoltori britannici trattori, fertilizzanti, pesticidi e monocolture abbracciati.

Il prezzo del carbonio può essere sopravvalutato, se la storia è indicativa Cambiamenti alla resa dei cereali britannici, 1900-70. (Dati tratti da "British Historical Statistics")

Sfruttare al massimo una bonanza

Il prezzo del carbonio può essere sopravvalutato, se la storia è indicativa Consumo di calore nei Paesi Bassi, 1945-98. (Dati dalle statistiche Paesi Bassi) Il prezzo del carbonio può essere sopravvalutato, se la storia è indicativa Produzione di energia nei Paesi Bassi, 1945-73. (Dati dalle statistiche Paesi Bassi)

Nel 1959, l'industria petrolifera olandese ha scoperto il giacimento di gas naturale di Slochteren vicino a Groningen, nei Paesi Bassi. All'epoca, la sua dimensione era stimata in 60 miliardi di metri cubi di gas: il più grande giacimento di gas trovato sulla Terra fino a quel momento. Si è rivelato molto più grande: 2,800 miliardi di metri cubi.

Non era del tutto chiaro cosa avrebbero fatto i Paesi Bassi, un paese prevalentemente a carbone, con così tanto gas. Le deliberazioni tra l'industria dei combustibili fossili e il governo alla fine arrivarono a una risposta radicale: i Paesi Bassi trasformerebbe tutta la sua economia per funzionare con gas naturale.

Una volta concordati i dettagli di questo piano, i progressi procedettero con una velocità sorprendente. Il governo olandese ha costruito una rete nazionale di gasdotti in soli cinque anni, ha offerto sconti ai consumatori per convertire gli elettrodomestici in energia del gas, ha lanciato una campagna pubblicitaria per promuovere il gas naturale come combustibile pulito e moderno e riqualificazione dei minatori di carbone disoccupati per lavorare nell'industria del gas. Negli anni '1970, il gas naturale era la forza dominante nella fornitura di calore olandese.

Lezioni da una crisi energetica

Nel 1973, la Danimarca non aveva industria petrolifera nazionale e poco peso diplomatico. Ciò significa che il 1973 crisi petrolifera colpire duramente la Danimarca. La riduzione dell'offerta di petrolio ha creato una depressione economica e ha costretto i responsabili politici ad attuare misure estreme di risparmio energetico, come spegnere i lampioni e vietare la guida domenicale.

Il prezzo del carbonio può essere sopravvalutato, se la storia è indicativa Fornitura di calore danese, 1968-90. (Dati di Statbank Danimarca)

Per una soluzione a più lungo termine, i responsabili politici danesi sembravano diventare meno dipendenti dall'energia importata. Per ridurre la dipendenza del paese dal riscaldamento del petrolio, hanno dato la priorità al teleriscaldamento: una forma estremamente efficiente di riscaldamento degli ambienti che utilizza tubi isolati pieni di acqua calda per riscaldare più edifici o persino un intero quartiere contemporaneamente, anziché fare affidamento su ciascun edificio una fornace individuale.

Come con i due esempi precedenti, questa modifica è stata apportata intervento deliberato, gestito principalmente dai comuni. In alcuni luoghi, i comuni hanno vietato l'installazione di forni privati. In altri, hanno offerto prestiti senza interessi alle cooperative energetiche. Questa strategia nazionale coordinata ha portato a un rapido aumento della quota di teleriscaldamento nel sistema di riscaldamento danese.

Lezioni per oggi

Questi casi studio presentano differenze importanti, sia tra loro sia con la sfida dell'azione per il clima ai giorni nostri. In ognuna, tuttavia, il cambiamento tecnologico radicale non è stato ottenuto basandosi sui segnali di prezzo per coordinare il cambiamento, ma dallo stato che interviene e coordinandolo direttamente.

Questa è una forte prova storica contro l'insistenza di alcuni economisti sul prezzo del carbonio come mezzo principale per promuovere tecnologie e pratiche a basse emissioni di carbonio. Mentre tracciano un modo per mitigare il cambiamento climatico nel modo più efficace, i politici dovrebbero integrare la teoria economica con lezioni empiriche dalla storia.The Conversation

Circa l'autore

Cameron Roberts, ricercatrice nel settore dei trasporti sostenibili, Università Carleton

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

libri correlati

Drawdown: il piano più completo mai proposto per invertire il riscaldamento globale

di Paul Hawken e Tom Steyer
9780143130444Di fronte alla paura diffusa e all'apatia, una coalizione internazionale di ricercatori, professionisti e scienziati si sono riuniti per offrire una serie di soluzioni realistiche e audaci ai cambiamenti climatici. Cento tecniche e pratiche sono descritte qui - alcune sono ben note; alcuni dei quali potresti non aver mai sentito parlare. Si va dall'energia pulita all'educare le ragazze nei paesi a basso reddito alle pratiche di uso del suolo che estraggono il carbonio dall'aria. Le soluzioni esistono, sono economicamente valide e le comunità in tutto il mondo stanno attualmente attuandole con abilità e determinazione. Disponibile su Amazon

Progettare soluzioni per il clima: una guida politica per l'energia a basse emissioni di carbonio

di Hal Harvey, Robbie Orvis, Jeffrey Rissman
1610919564Con gli effetti del cambiamento climatico già su di noi, la necessità di ridurre le emissioni globali di gas a effetto serra è semplicemente urgente. È una sfida scoraggiante, ma le tecnologie e le strategie per affrontarla esistono oggi. Un piccolo insieme di politiche energetiche, ben progettate e attuate, possono metterci sulla strada per un futuro a basse emissioni di carbonio. I sistemi energetici sono ampi e complessi, quindi la politica energetica deve essere mirata ed efficiente in termini di costi. Gli approcci a taglia unica semplicemente non portano a termine il lavoro. I responsabili politici hanno bisogno di una risorsa chiara e completa che delinea le politiche energetiche che avranno il maggiore impatto sul nostro futuro climatico e descriva come progettare bene queste politiche. Disponibile su Amazon

Questo cambia tutto: Capitalismo vs The Climate

di Naomi Klein
1451697392In Questo cambia tutto Naomi Klein sostiene che il cambiamento climatico non è solo un altro problema da archiviare ordinatamente tra tasse e assistenza sanitaria. È un allarme che ci chiama a fissare un sistema economico che ci sta già fallendo in molti modi. Klein costruisce meticolosamente il caso di come la riduzione massiccia delle nostre emissioni di gas serra sia la nostra migliore occasione per ridurre simultaneamente le disparità, ri-immaginare le nostre democrazie distrutte e ricostruire le nostre sventrate economie locali. Espone la disperazione ideologica dei negazionisti del cambiamento climatico, le delusioni messianiche degli aspiranti geoingegneri e il tragico disfattismo di troppe iniziative verdi tradizionali. E dimostra esattamente perché il mercato non ha - e non può - aggiustare la crisi climatica ma invece peggiora le cose, con metodi di estrazione sempre più estremi ed ecologicamente dannosi, accompagnati da un capitalismo disastroso dilagante. Disponibile su Amazon

Dall'editore:
Gli acquisti su Amazon vanno a coprire il costo di portarti InnerSelf.comelf.com, MightyNatural.com, e ClimateImpactNews.com senza costi e senza inserzionisti che monitorano le tue abitudini di navigazione. Anche se fai clic su un link ma non acquisti questi prodotti selezionati, qualsiasi altra cosa tu compri nella stessa visita su Amazon ci paga una piccola commissione. Non c'è nessun costo aggiuntivo per te, quindi per favore contribuisci allo sforzo. Puoi anche utilizzare questo link da usare su Amazon in qualsiasi momento per aiutare a sostenere i nostri sforzi.

 

POTREBBE PIACERTI ANCHE

enafarzh-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

segui InnerSelf su

facebook icontwitter iconicona di YouTubeicona di instagramicona pintresticona rss

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

ULTIMI VIDEO

La grande migrazione climatica è iniziata
La grande migrazione climatica è iniziata
by Super User
La crisi climatica sta costringendo migliaia di persone in tutto il mondo a fuggire poiché le loro case diventano sempre più inabitabili.
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
by Alan N Williams, e altri
L'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) afferma che senza una sostanziale riduzione ...
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
by Toby Tyrrell
L'evoluzione ha impiegato 3 o 4 miliardi di anni per produrre Homo sapiens. Se il clima fosse completamente fallito solo una volta in quel ...
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
by Brice Rea
La fine dell'ultima era glaciale, circa 12,000 anni fa, è stata caratterizzata da un'ultima fase fredda chiamata Younger Dryas ...
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
by Frank Wesselingh e Matteo Lattuada
Immagina di essere sulla costa, guardando il mare. Di fronte a te ci sono 100 metri di sabbia sterile che sembra un ...
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
by Richard Ernst
Possiamo imparare molto sul cambiamento climatico da Venere, il nostro pianeta gemello. Venere ha attualmente una temperatura superficiale di ...
Cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
Le cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
by John Cook
Questo video è un corso accelerato sulla disinformazione sul clima, che riassume gli argomenti chiave utilizzati per mettere in dubbio la realtà ...
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
by Julie Brigham-Grette e Steve Petsch
Ogni anno, la copertura di ghiaccio marino nell'Oceano Artico si riduce a un punto minimo a metà settembre. Quest'anno misura solo 1.44 ...

ULTIMI ARTICOLI

3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
by Bart Johnson, Professore di Architettura del Paesaggio, Università dell'Oregon
Un incendio in una foresta di montagna calda e secca ha attraversato la città della corsa all'oro di Greenville, in California, il 4 agosto...
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
by Alvin Lin
Al vertice sul clima del leader ad aprile, Xi Jinping ha promesso che la Cina "controllerà rigorosamente l'energia alimentata a carbone...
Un aereo lascia cadere un ritardante di fiamma rosso su un incendio boschivo mentre i vigili del fuoco parcheggiati lungo una strada guardano nel cielo arancione
Il modello prevede uno scoppio di incendi di 10 anni, quindi un graduale declino
by Hannah Hickey-U. Washington
Uno sguardo al futuro a lungo termine degli incendi prevede un'esplosione iniziale di circa un decennio di attività degli incendi,...
Acqua blu circondata da erba bianca morta
La mappa traccia 30 anni di scioglimento estremo della neve negli Stati Uniti
by Mikayla Mace-Arizona
Una nuova mappa degli eventi estremi dello scioglimento delle nevi negli ultimi 30 anni chiarisce i processi che guidano il rapido scioglimento.
Ghiaccio marino bianco in acqua blu con il sole che tramonta riflesso nell'acqua
Le aree ghiacciate della Terra si stanno riducendo di 33K miglia quadrate all'anno
by Texas A & M University
La criosfera terrestre si sta riducendo di 33,000 miglia quadrate (87,000 chilometri quadrati) all'anno.
Una fila di relatori maschi e femmine ai microfoni
234 scienziati hanno letto più di 14,000 articoli di ricerca per scrivere il prossimo rapporto sul clima dell'IPCC
by Stephanie Spera, Assistant Professor di Geografia e Ambiente, Università di Richmond
Questa settimana, centinaia di scienziati di tutto il mondo stanno ultimando un rapporto che valuta lo stato del...
Una donnola marrone con la pancia bianca si appoggia su una roccia e guarda oltre la sua spalla
Una volta che le donnole comuni stanno facendo un atto evanescente
by Laura Oleniacz - Stato della Carolina del Nord
Tre specie di donnole, un tempo comuni in Nord America, sono probabilmente in declino, inclusa una specie considerata...
Il rischio di alluvioni aumenterà con l'intensificarsi del caldo climatico
by Tim Radford
Un mondo più caldo sarà uno più umido. Sempre più persone dovranno affrontare un rischio di inondazione più elevato a causa dell'innalzamento dei fiumi e delle strade cittadine...

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

Nuovi atteggiamenti - Nuove possibilità

InnerSelf.comClimateImpactNews.com | InnerPower.net
MightyNatural.com | WholisticPolitics.com | Mercato InnerSelf
Copyright © 1985 - 2021 Innerself Pubblicazioni. Tutti i diritti riservati.