L'estinzione è un processo naturale, ma succede ai tempi 1,000 La velocità normale

L'estinzione è un processo naturale, ma succede ai tempi 1,000 La velocità normale
shutterstock

Quando il Sudan era il rinoceronte bianco messo giù dai suoi badanti all'inizio di quest'anno, ha confermato l'estinzione di una delle sottospecie più iconiche della savana. Nonostante decenni di sforzi da parte degli ambientalisti, tra cui un falso profilo di Tinder per l'animale soprannominato "lo scapolo più idoneo al mondo", il Sudan si rivelò un compagno non disposto e morì - l'ultimo maschio del suo genere. Sua figlia e sua nipote rimangono - ma, a parte una fecondazione artificiale miracolosamente riuscita, è solo una questione di tempo.

Il rinoceronte bianco del nord sarà sicuramente pianto, così come altri sostenitori di libri illustrati, documentari e collezioni di giocattoli morbidi. Ma che dire delle specie di cui siamo meno affezionati o forse addirittura del tutto ignari? Ci affliggeremmo per rane oscure, coleotteri fastidiosi o funghi antiestetici? L'estinzione è, dopo tutto, inevitabile nel mondo naturale - alcuni lo hanno persino chiamato il "motore dell'evoluzione”. Quindi l'estinzione dovrebbe interessarci?

Prima di tutto, esistono forti argomenti pratici contro la perdita di biodiversità. Variazione, dai singoli geni alle specie, conferisce resistenza agli ecosistemi di fronte al cambiamento. Gli ecosistemi, a loro volta, mantengono il pianeta stabile e forniscono servizi essenziali per il benessere umano. Le foreste e le zone umide impediscono agli inquinanti di entrare nelle nostre riserve idriche, le mangrovie forniscono difesa costiera riducendo le mareggiate e gli spazi verdi nelle aree urbane abbassano i tassi di malattie mentali degli abitanti delle città. Una continua perdita di biodiversità interromperà ulteriormente questi servizi.

Visto in questa luce, il danno ambientale causato dall'estrazione delle risorse e i vasti cambiamenti che gli esseri umani hanno operato sul paesaggio sembrano estremamente rischiosi. Il mondo non ha mai sperimentato questi disturbi tutti allo stesso tempo, ed è piuttosto azzardato supporre che possiamo danneggiare il nostro pianeta e allo stesso tempo mantenere i sette miliardi di umani che vivono su di esso.

Anche se il saccheggio non regolato delle risorse naturali della Terra dovrebbe certamente preoccupare coloro che hanno il coraggio di esaminare le prove, vale la pena specificare che l'estinzione è un problema a sé stante. Alcuni danni ambientali possono essere invertiti, alcuni ecosistemi in fallimento possono essere rianimati. L'estinzione è irrevocabilmente definitiva.

Perdite irregolari

Gli studi sulle specie minacciate indicano che, osservando le loro caratteristiche, possiamo prevedere quanto probabilmente una specie si estinguerà. Animali con corpi più grandi, ad esempio, sono più inclini all'estinzione di quelli di bassa statura, e lo stesso vale per le specie che si trovano in cima alla catena alimentare. Per le piante, crescendo epifiticamente (su un'altra pianta ma non come un parassita) li lascia a maggior rischio, così come lo è la fioritura tardiva.

Ciò significa che l'estinzione non avviene casualmente in un ecosistema, ma produce effetti sproporzionati su specie simili che svolgono funzioni simili. Dato che gli ecosistemi fanno affidamento su particolari gruppi di organismi per particolari ruoli, come l'impollinazione o la dispersione dei semi, la perdita di uno di questi gruppi potrebbe causare notevoli disagi. Immagina una malattia che ha ucciso solo i professionisti del settore medico - sarebbe molto più devastante per la società di quella che ha ucciso un numero simile di persone a caso.

Questo modello non casuale si estende all'evoluzione "albero della vita". Alcuni gruppi strettamente correlati di specie sono limitati alle stesse posizioni minacciate (come i lemuri a Madagscar) o condividono caratteristiche vulnerabili (come i carnivori), il che significa che l'albero evolutivo potrebbe perdere interi rami piuttosto che una dispersione uniforme delle foglie. Alcune specie con pochi parenti stretti, come il aye-aye or tuatara, sono anche a più alto rischio. La loro perdita avrebbe influenzato in modo sproporzionato la forma dell'albero, per non parlare della cancellazione delle loro strane e meravigliose storie di storia naturale.

La contro argomentazione più regolare sostiene che non dovremmo preoccuparci dell'estinzione, perché è un "processo naturale". Prima di tutto, così è la morte, ma non ne consegue che ci arrendiamo docilmente ad essa (specialmente non prematuramente o per mano di un altro).

In secondo luogo, i reperti fossili mostrano che i livelli attuali di estinzione sono intorno a 1,000 volte il tasso di fondo naturale. Sono esacerbati dalla perdita di habitat, dalla caccia, dai cambiamenti climatici e dall'introduzione di specie e malattie invasive. Gli anfibi sembrano particolarmente sensibili ai cambiamenti ambientali, con tassi di estinzione stimati fino a 45,000 volte la loro naturale velocità. La maggior parte di queste estinzioni non sono registrate, quindi non sappiamo nemmeno quali specie stiamo perdendo.

Un costo incalcolabile

Ma è davvero importante che il mondo contenga meno tipi di rana? Prendiamo un'ipotetica rana africana marrone che si estingue perché i rifiuti tossici ne inquinano il flusso. La rana non è mai stata descritta dalla scienza, quindi nessuno è più saggio riguardo alla sua perdita. Mettendo da parte il crollo dell'ecosistema a livello di film catastrofico come conseguenza dell'estinzione di massa in corso, il valore intrinseco della rana è una questione di opinione. Si è evoluto in milioni di anni per adattarsi alla sua nicchia particolare - per noi, gli autori, la perdita di quell'individualismo perfettamente equilibrato rende il mondo un posto minore.

Ma è facile moralizzare sulla biodiversità quando non devi vivere al suo fianco. La meraviglia della natura di una persona potrebbe essere il tormento di un'altra persona - un orangutan che fa incursione nei raccolti di un contadino povero, o un leopardo che ruba il bestiame di un pastore. Gli agenti patogeni fanno anche parte del ricco arazzo della vita, ma quanti di noi piangono lo sradicamento del vaiolo?

The ConversationQuindi fino a che punto dovrebbe estendersi la nostra avversione all'estinzione? Non possiamo rispondere a questa domanda - ma come tutti i buoni enigmi filosofici appartiene a tutti, per essere discussi in scuole, caffè, bar e mercati in tutto il mondo. Potremmo non essere tutti d'accordo, ma l'estinzione sta allargando la sua portata, quindi è necessario un consenso e un'azione urgente se speriamo di controllarlo.

Riguardo agli Autori

Elizabeth Boakes, Insegnante nella ricerca sulla biodiversità e l'ambiente, UCL e David Redding, ricercatore, UCL

Questo articolo è stato pubblicato in origine The Conversation. Leggi il articolo originale.

libri correlati

Mercato InnerSelf

Amazon

segui InnerSelf su

facebook icontwitter iconicona di YouTubeicona di instagramicona pintresticona rss

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana
enafarzh-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

ULTIMI VIDEO

La grande migrazione climatica è iniziata
La grande migrazione climatica è iniziata
by Super User
La crisi climatica sta costringendo migliaia di persone in tutto il mondo a fuggire poiché le loro case diventano sempre più inabitabili.
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
L'ultima era glaciale ci dice perché dobbiamo preoccuparci di un cambiamento di temperatura di 2 ℃
by Alan N Williams, e altri
L'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) afferma che senza una sostanziale riduzione ...
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni: esattamente quanto siamo stati fortunati?
by Toby Tyrrell
L'evoluzione ha impiegato 3 o 4 miliardi di anni per produrre Homo sapiens. Se il clima fosse completamente fallito solo una volta in quel ...
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
In che modo la mappatura del tempo 12,000 anni fa può aiutare a prevedere i futuri cambiamenti climatici
by Brice Rea
La fine dell'ultima era glaciale, circa 12,000 anni fa, è stata caratterizzata da un'ultima fase fredda chiamata Younger Dryas ...
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
Il Mar Caspio dovrebbe scendere di 9 metri o più questo secolo
by Frank Wesselingh e Matteo Lattuada
Immagina di essere sulla costa, guardando il mare. Di fronte a te ci sono 100 metri di sabbia sterile che sembra un ...
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
Venere era ancora una volta simile alla Terra, ma i cambiamenti climatici l'hanno resa inabitabile
by Richard Ernst
Possiamo imparare molto sul cambiamento climatico da Venere, il nostro pianeta gemello. Venere ha attualmente una temperatura superficiale di ...
Cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
Le cinque incredulità sul clima: un corso accelerato sulla disinformazione sul clima
by John Cook
Questo video è un corso accelerato sulla disinformazione sul clima, che riassume gli argomenti chiave utilizzati per mettere in dubbio la realtà ...
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
L'Artico non è così caldo da 3 milioni di anni e questo significa grandi cambiamenti per il pianeta
by Julie Brigham-Grette e Steve Petsch
Ogni anno, la copertura di ghiaccio marino nell'Oceano Artico si riduce a un punto minimo a metà settembre. Quest'anno misura solo 1.44 ...

ULTIMI ARTICOLI

3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
3 lezioni sugli incendi per le città della foresta mentre Dixie Fire distrugge la storica Greenville, in California
by Bart Johnson, Professore di Architettura del Paesaggio, Università dell'Oregon
Un incendio in una foresta di montagna calda e secca ha attraversato la città della corsa all'oro di Greenville, in California, il 4 agosto...
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
La Cina può raggiungere gli obiettivi energetici e climatici che limitano la potenza del carbone
by Alvin Lin
Al vertice sul clima del leader ad aprile, Xi Jinping ha promesso che la Cina "controllerà rigorosamente l'energia alimentata a carbone...
Un aereo lascia cadere un ritardante di fiamma rosso su un incendio boschivo mentre i vigili del fuoco parcheggiati lungo una strada guardano nel cielo arancione
Il modello prevede uno scoppio di incendi di 10 anni, quindi un graduale declino
by Hannah Hickey-U. Washington
Uno sguardo al futuro a lungo termine degli incendi prevede un'esplosione iniziale di circa un decennio di attività degli incendi,...
Acqua blu circondata da erba bianca morta
La mappa traccia 30 anni di scioglimento estremo della neve negli Stati Uniti
by Mikayla Mace-Arizona
Una nuova mappa degli eventi estremi dello scioglimento delle nevi negli ultimi 30 anni chiarisce i processi che guidano il rapido scioglimento.
Ghiaccio marino bianco in acqua blu con il sole che tramonta riflesso nell'acqua
Le aree ghiacciate della Terra si stanno riducendo di 33K miglia quadrate all'anno
by Texas A & M University
La criosfera terrestre si sta riducendo di 33,000 miglia quadrate (87,000 chilometri quadrati) all'anno.
Una fila di relatori maschi e femmine ai microfoni
234 scienziati hanno letto più di 14,000 articoli di ricerca per scrivere il prossimo rapporto sul clima dell'IPCC
by Stephanie Spera, Assistant Professor di Geografia e Ambiente, Università di Richmond
Questa settimana, centinaia di scienziati di tutto il mondo stanno ultimando un rapporto che valuta lo stato del...
Una donnola marrone con la pancia bianca si appoggia su una roccia e guarda oltre la sua spalla
Una volta che le donnole comuni stanno facendo un atto evanescente
by Laura Oleniacz - Stato della Carolina del Nord
Tre specie di donnole, un tempo comuni in Nord America, sono probabilmente in declino, inclusa una specie considerata...
Il rischio di alluvioni aumenterà con l'intensificarsi del caldo climatico
by Tim Radford
Un mondo più caldo sarà uno più umido. Sempre più persone dovranno affrontare un rischio di inondazione più elevato a causa dell'innalzamento dei fiumi e delle strade cittadine...

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

Nuovi atteggiamenti - Nuove possibilità

InnerSelf.comClimateImpactNews.com | InnerPower.net
MightyNatural.com | WholisticPolitics.com | Mercato InnerSelf
Copyright © 1985 - 2021 Innerself Pubblicazioni. Tutti i diritti riservati.