Scienza scettico

Esaminare la scienza dello scetticismo sul riscaldamento globale, chiarire le idee sbagliate e gli argomenti fuorvianti che popolano il dibattito sui cambiamenti climatici.
  1. Questo è re-post from The Guardian by Damian Carrington

    Spreading rock dust on farmland could suck billions of tonnes of carbon dioxide from the air every year, according to the first detailed global analysis of the technique.

    The chemical reactions that degrade the rock particles lock the greenhouse gas into carbonates within months, and some scientists say this approach may be the best near-term way of removing CO2 dall'atmosfera.

    The researchers are clear that cutting the fossil fuel burning that releases CO2 is the most important action needed to tackle the climate emergency. But climate scientists also agree that, in addition, massive amounts of CO2 need to be removed from the air to meet the Paris agreement goals of keeping global temperature rise below 2C.

    The rock dust approach, called enhanced rock weathering (ERW), has several advantages, the researchers say. First, many farmers already add limestone dust to soils to reduce acidification, and adding other rock dust improves fertility and crop yields, meaning application could be routine and desirable.

    Basalt is the best rock for capturing CO2, and many mines already produce dust as a byproduct, so stockpiles already exist. The researchers also found that the world’s biggest polluters, China, the US and India, have the greatest potential for ERW, as they have large areas of cropland and relatively warm weather, which speeds up the chemical reactions.

    The analysis, pubblicato sulla rivista Nature, estimates that treating about half of farmland could capture 2bn tonnes of CO2 each year, equivalent to the combined emissions of Germany and Japan. The cost depends on local labour rates and varies from $80 per tonne in India to $160 in the US, and is in line with the $100-150 carbon price forecast by the World Bank for 2050, the date by which emissions must reach net zero to avoid catastrophic climate breakdown.

    “CO2 drawdown strategies that can scale up and are compatible with existing land uses are urgently required to combat climate change, alongside deep emissions cuts,” said Prof David Beerling, of the University of Sheffield, a lead author of the study. “ERW is a straightforward, practical approach.”

    Prof Jim Hansen, of Columbia University in the US and one of the research team, said: “Much of this carbonate will eventually [wash into] the ocean, ending up as limestone on the ocean floor. “Weathering provides a natural, permanent sink for the carbon.”

    Click here to read the rest

  2. 79 Articoli

    Osservazioni e metodi osservativi di riscaldamento globale ed effetti

    Six hundred years of South American tree rings reveal an increase in severe hydroclimatic events since mid-20th century (accesso libero)

    Late summer temperature variability for the Southern Rocky Mountains (USA) since 1735 CE: applying blue light intensity to low-latitude Picea engelmannii Parry ex Engelm

    Climate change impacts on the atmospheric circulation, ocean, and fisheries in the southwest South Atlantic Ocean: a review

    Occurrence and drivers of wintertime temperature extremes in Northern Europe during 1979–2016 (accesso libero)

    Human influence on joint changes in temperature, rainfall and continental aridity

    Freshening of Antarctic Bottom Water off Cape Darnley, East Antarctica

    Tropical Widening: From Global Variations to Regional Impacts (accesso libero)

    The record-breaking compound hot and dry 2018 growing season in Germany

    Finnish National Phenological Network 1997–2017: from observations to trend detection (accesso libero)

    Recent observed country‐wide climate trends in Morocco

    Warming and monsoonal climate lead to large export of millennial-aged carbon from permafrost catchments of the Qinghai-Tibet Plateau

    Increase in beaver dams controls surface water and thermokarst dynamics in an Arctic tundra region, Baldwin Peninsula, northwestern Alaska

    Cryosphere and climate change

    Implications of ambiguity in Antarctic ice sheet dynamics for future coastal erosion estimates: a probabilistic assessment

    Losses and damages connected to glacier retreat in the Cordillera Blanca, Peru

    Modellazione e simulazione del riscaldamento globale e degli effetti del riscaldamento globale

    Impatti fisici e biogeochimici dello scenario RCP8.5 nel sistema di upwelling del Perù (accesso libero)

    Projecting End-of-Century Human Exposure from Tornadoes and Severe Hailstorms in Eastern Colorado: Meteorological and Population Perspectives

    Evaluation of CMIP5 models and projected changes in temperature over South Asia under global warming of 1.5 C, 2 C, and 3 C

    Investigating physical constraints on climate feedbacks using a perturbed parameter ensemble

    Assessing future water stress scenarios over six nuclear power plant locations of India through downscaled CMIP5 models

    Future changes in precipitation extremes during northeast monsoon over south peninsular India

    Moisture Flows on Southeast Brazil: Present and Future Climate

    Avanzamento del modello climatico

    Twenty-first century ocean warming, acidification, deoxygenation, and upper-ocean nutrient and primary production decline from CMIP6 model projections (accesso libero)

    Improving the Southern Ocean cloud albedo biases in a general circulation model (accesso libero)

    On the climate sensitivity and historical warming evolution in recent coupled model ensembles (accesso libero)

    On the Factors that Determine Boundary Layer Albedo

    Evaluating CMIP6 model fidelity at simulating non-Gaussian temperature distribution tails

    Biologia e riscaldamento globale

    Contrasting effects of climate change on seasonal survival of a hibernating mammal (accesso libero)

    Contrasting responses of woody and herbaceous vegetation to altered rainfall characteristics in the Sahel (accesso libero)

    Autumn greening in a warming climate

    Observations and a Model of Net Calcification Declines in Palau’s Largest Coral Reef Lagoon between 1992 and 2015

    I cambiamenti globali potrebbero promuovere un aumento di cianobatteri selezionati nei laghi settentrionali poveri di nutrienti

    Meccanismi alla base dell'acclimatazione fotosintetica delle foglie al riscaldamento e all'elevata CO2 come dedotto dalla teoria dell'ottimalità a basso costo

    Non‐linearity in interspecific interactions in response to climate change: cod and haddock as an example

    Contrasting mechanisms underlie short‐ and longer‐term soil respiration responses to experimental warming in a dryland ecosystem

    Unfamiliar partnerships limit cnidarian holobiont acclimation to warming

    Climate warming drives Himalayan alpine plant growth and recruitment dynamics

    Fonti e lavandini di GHG, flusso

    Diel and seasonal variability of methane emissions from a shallow and eutrophic pond (accesso libero)

    Sub-soil irrigation does not lower greenhouse gas emission from drained peat meadows (accesso libero)

    Dai residui di piante fibrose al carbonio organico associato ai minerali: il destino della materia organica nei terreni permafrost dell'Artico (accesso libero)

    Hysteretic temperature sensitivity of wetland CH4 fluxes explained by substrate availability and microbial activity (accesso libero)

    Carbon dioxide and methane fluxes from different surface types in a created urban wetland (accesso libero)

    A decade of methane measurements at the Boknis Eck Time Series Station in Eckernförde Bay (southwestern Baltic Sea) (accesso libero)

    Light limitation regulates the response of autumn terrestrial carbon uptake to warming

    Impact of a Regional US Drought on Land and Atmospheric Carbon

    Carbon Dioxide and Methane Emissions from a Temperate Salt Marsh Tidal Creek

    Functional representation of biological components in methane‐cycling processes in wetlands improve modeling predictions

    Environmental controls on carbon and water fluxes in an old‐growth tropical dry forest

    Partitioning net carbon dioxide fluxes into photosynthesis and respiration using neural networks

    Carbon storage dynamics in peatlands: comparing recent‐ and long‐term accumulation histories in southern Patagonia

    Watershed‐scale climate influences productivity of Chinook salmon populations across southcentral Alaska

    Warming and monsoonal climate lead to large export of millennial-aged carbon from permafrost catchments of the Qinghai-Tibet Plateau

    Tree growth at the end of the 21st century - the extreme years 2018/19 as template for future growth conditions

    Scienza e ingegneria della mitigazione della CO2

    Public perceptions of carbon dioxide removal in the United States and the United Kingdom

    Implementazione di un impianto CCS di seconda generazione su una centrale elettrica a carbone: risultati di uno studio di fattibilità per l'ammodernamento della centrale elettrica SaskPower con CCS

    Carbonio nero

    Black Carbon aerosol characteristics and radiative forcing over the high altitude glacier region of Himalaya-Karakorum-Hindukush

    Comunicazioni e cognizione sui cambiamenti climatici

    Wisdom of the experts: Using survey responses to address positive and normative uncertainties in climate-economic models

    A Simple Strategy to Communicate about Climate Attribution (accesso libero)

    Using the COVID-19 economic crisis to frame climate change as a secondary issue reduces mitigation support

    Agronomia e cambiamenti climatici

    Fattori che vincolano la semina tempestiva del grano come adattamento ai cambiamenti climatici nell'India orientale

    Assessing synergistic effects of no-tillage and cover crops on soil carbon dynamics in a long-term maize cropping system under climate change

    Soil water status triggers CO2 fertilization effect on the growth of winter wheat (Triticum aestivum)

    Valutazione del potenziale di rimozione del biossido di carbonio terrestre (tCDR) per una migliore gestione delle foreste (IFM) e una conversione accelerata delle foreste (AFC) in Norvegia

    Modelling climate change impacts on maize yields under low nitrogen input conditions in sub‐Saharan Africa

    A chlorophyll-deficient, highly reflective soybean mutant: radiative forcing and yield gaps

    Perception of farmers on climate change and its impacts on agriculture across various altitudinal zones of Bhutan Himalayas

    Carbon accumulation in agroforestry systems is affected by tree species diversity, age and regional climate: A global meta‐analysis

    Gli esseri umani alle prese con il nostro riscaldamento globale

    Climate change events in the Bengali migration to the Chittagong Hill Tracts (CHT) in Bangladesh (accesso libero)

    Origins and functions of climate-related relocation: An analytical review

    Multi-level learning in the governance of adaptation to climate change: the case of Bolivia’s water sector (accesso libero)

    Unpacking the Levels of Household and Individual Climate Change Adaptation: Empirical Evidence from Leeds, United Kingdom

    Exploring Climate Change Threats to Beach Tourism Destinations: Application of the Hazard–Activity Pairs Methodology to South Africa

    Social Resilience to Climate Change during the Late Antique Little Ice Age: A Replication Study

    Archetypes of Climate-Risk Profiles among Rural Households in Limpopo, South Africa

    Retrospect driving forces and forecasting reduction potentials of energy-related industrial carbon emissions from China’s manufacturing at city level

    Early adaptation to heat waves and future reduction of air-conditioning energy use in Paris

    Between adaptive capacity and action: new insights into climate change adaptation at the household scale

    A review of flexibility of residential electricity demand as climate solution in four EU countries

    Pathways for resilience to climate change in African cities

    Temperature anomalies affect violent conflicts in African and Middle Eastern warm regions

    The UK net-zero target: Insights into procedural justice for greenhouse gas removal

    Blaming climate change? How Indian mainstream media covered two extreme weather events in 2015

    Renewable carbon: Key to a sustainable and future‐oriented chemical and plastic industry: Definition, strategy, measures and potential

    Carbon pricing and economic populism: the case of Ontario (accesso libero)

    Altro

    Le considerazioni sui cambiamenti climatici sono fondamentali per la gestione dell'estrazione delle risorse di acque profonde

    Biofuel burning and human respiration bias on satellite estimates of fossil fuel CO 2 emissions

    Opinione e spunti informati

    Climate change impacts on water resources in the Mediterranean (accesso libero)

    Adaptation time to magnified flood hazards underestimated when derived from tide gauge records

    Implications of non-linearities between cumulative CO 2 emissions and CO 2 -induced warming for assessing the remaining carbon budget

    Can you trust a model whose output keeps changing? Interpreting changes in the social cost of carbon produced by the DICE model

    Loss and damage after Paris: more bark than bite? (accesso libero)


    Suggerimenti

    Facci sapere se sei a conoscenza di un articolo che ritieni possa essere interessante per le notizie di ricerca sulla scienza scettica o se abbiamo perso qualcosa che potrebbe essere importante. Invia il tuo contributo a Scienza scettica tramite il nostro Modulo di Contatto.

    Riviste coperte

    È possibile trovare un elenco di riviste che trattiamo qui. Diamo il benvenuto a suggerimenti su omissioni, nuove riviste ecc.

    Edizione precedente

    La precedente edizione di Scienza scettica Nuova ricerca può essere trovato qui.

  3. Questo è re-post da Yale Climate Connections di Jeff Masters

    The massive dust storm that formed over the Sahara Desert in mid-June invaded the southeastern U.S. June 25-28, bringing dangerous levels of air pollution, low visibility, and colorful sunsets.

    The air pollution event over parts of Texas and the Gulf Coast, composed of fine particulate pollution (PM2.5, particles less than 2.5 microns or 0.0001 inch in diameter) and PM10 (particles less than 10 microns in diameter) was one of the most widespread and intense observed in recent decades.

    According to FEMA meteorologist Michael Lowry, the intensity of the dust outbreak over the tropical Atlantic was by far the most extreme since the most detailed, continuous record of global dust began in 2002, when the MODIS instruments on NASA’s Aqua and Terra satellites began taking measurements. The Aerosol Optical Depth (AOD) measured on June 20, 2020, was 1.66, shattering the previous daily record of 1.13 set on July 31, 2013.

    Figura 1Figure 1. The African dust cloud over the tropical Atlantic’s main development region (MDR) for hurricanes was at a record high thickness on June 20, 2020. (Photo credit: Michael Lowry)

    Experts say more dust storms are likely in coming weeks and months, but not all will affect the U.S., and few will likely reach the intensity of the June 2020 event.

    Inquinamento atmosferico pericoloso durante la pandemia di COVID-19

    The African dust cloud brought unhealthy levels of PM2.5 to much of the southeastern U.S. beginning on Thursday, June 25, when the air quality index (AQI) exceeded the 24-hour U.S. EPA standard for PM2.5 over the Florida Panhandle region. The AQI was in the orange (unhealthy for sensitive groups) range on that day, and reached the red (unhealthy) range on June 26 and 27 over the Florida Panhandle, much of Texas, and a small portion of Oklahoma. By June 28, the dust had thinned so only a few areas in the Midwest, primarily in Kansas, experienced PM2.5 levels in the orange category.

    Figura 2Figure 2. Daily Air Quality Index (AQI) for June 25-28, 2020, when a cloud of African dust brought dangerous levels of PM2.5 pollution to much of the southeastern U.S. (Image credit: EPA degli Stati Uniti)

    Air pollution aggravates COVID-19 symptoms, and likely led to increases in hospital admissions from the disease in regions where dust concentrations spiked. A PM2.5 episode as widespread and severe as this – even without the COVID-19 pandemic raging – could cause hundreds of premature deaths. A 2019 study, Effetti del combustibile fossile e rimozione totale delle emissioni antropogeniche sulla salute pubblica e sul clima, found that the health burden of fine particulate matter (PM2.5) air pollution is much higher than had been previously understood.

    That study concluded that outdoor air pollution from PM2.5 and ozone causes 8.79 million premature deaths globally each year. Of that total, natural sources of outdoor air pollution accounted for 3.24 million deaths per year, and human-caused sources 5.55 million deaths per year. A premature air pollution-related death typically occurs about 12 years earlier than it otherwise might have, according to Caiazzo et al., 2013.

    Secondo uno studio 2018 done by the Health Effects Institute (a U.S. nonprofit corporation funded by EPA and the auto industry), PM2.5 pollution in the U.S. caused approximately 87,000 premature deaths per year between 2010 and 2016. Air pollution deaths are calculated using epidemiological studies, which correlate death rates with air pollution levels. Air pollution has been proven to increase the incidence of deaths caused by strokes, heart attacks, and lung disease. As these causes of death result also from other factors – such as lifestyle and family history – they are usually referred to as premature deaths.

    Figura 3Figure 3. Sea surface temperatures for the hurricane main development region (MDR) of the tropical Atlantic, from the coast of Africa to the Caribbean. (Image credit: tropicaltidbits.com)

    Dust cloud cooled sea, reducing energy available to power hurricanes

    Dust acts as a shield, keeping sunlight from reaching Earth’s surface. Last week’s dust event helped depress sea surface temperatures by 0.4 degrees Celsius in the hurricane main development region of the tropical Atlantic, from the coast of Africa to the Caribbean. This is a major reduction in the heat energy available to power hurricanes – a very encouraging development, since ocean temperatures there were 0.6 degrees Celsius above average during the first 25 days of June. Those temperatures classificato as the fourth-highest on record for the region.

    The cooling may be relatively short-lived, however. Recent forecasts from europeo and GFS models predict that by the second week of July, surface trade winds in the tropical Atlantic will ease, the result of the Azores-Bermuda High drifting northward and weakening. Slower surface winds allow the ocean surface to warm by reducing the amount of cool waters from the depths that are stirred up to the surface, caused by reduced evaporative cooling. It is likely, though, that more African dust outbreaks will counteract this effect in the coming month, since African dust events typically are at their peak in July. Recent immagini satellitari shows another strong Saharan Air Layer incursion is underway over the tropical Atlantic, accompanied again by a thick cloud of African dust.

  4. Questo è re-post from Carbon Brief by Josh Gabbatiss

    This year will see the largest ever drop globally in both investment and consumer spending on energy as the coronavirus pandemic hits every major sector, according to the International Energy Agency (IEA).

    The crisis is accelerating the shutdown of older fossil-fuelled power plants and refineries, with the agency saying it could provide an opportunity to push the global energy sector onto a “more resilient, secure and sustainable path”.

    In the latest edition of the World Energy Investment report, which Carbon Brief ha coperto in previous years, the IEA has gone beyond its usual remit of reviewing annual trends.

    Its analysis looks ahead to the coming year and estimates the impact of this year’s economic turmoil on energy investment, which was expected to grow by around 2% prior to Covid-19. It is now expected to drop by 20%, or almost $400bn.

    Meanwhile, as demand and prices collapse, consumer spending on oil is expected to drop by more than $1tn, prompting a “historic switch” as spending on electricity exceeds oil for the first time.

    Here, Carbon Brief has picked out some key charts to illustrate the economic repercussions of the pandemic across the energy sector.

    Energy investment will drop by a fifth

    The “baseline expectation” for 2020 is a global recession resulting from widespread lockdowns, according to the IEA. Last month, the agency stimato this will also lead to CO2 emissions dropping by 8% this year in the largest decline ever recorded.

    Based on the latest investment data and project information, announcements from companies and governments, interviews with industry figures and its own analysis, the IEA concludes such a recession will see energy investment drop by a fifth. This can be seen in the chart below.

    Energy investment is set to fall by a fifth in 2020 due to the coronavirus pandemic. Fuel supply (red) includes all investments associated with the production and provision of fuels to consumers, consisting mainly of oil, gas and coal investments. Power sector (blue) includes spending on power-generation technologies, grids and storage. Energy end use and efficiency (yellow) includes the investment in efficiency improvements across all end-use sectors. Source: IEAEnergy investment is set to fall by a fifth in 2020 due to the coronavirus pandemic. Fuel supply (red) includes all investments associated with the production and provision of fuels to consumers, consisting mainly of oil, gas and coal investments. Power sector (blue) includes spending on power-generation technologies, grids and storage. Energy end use and efficiency (yellow) includes the investment in efficiency improvements across all end-use sectors. Source: IEA

    These estimates are based on assumptions about the duration of lockdowns and coronavirus recovery trajectories.

    The IEA notes that “almost all” investment activity has been disrupted by these measures, as a result of restrictions to the movement of people, goods and equipment.

    However, the largest impacts are the result of declines in revenues due to falling demand and prices, with the clearest example coming from the oil sector. Analysis of daily data until mid-April suggests countries in full lockdown have seen energy demand drop by a quarter.

    As a result, the agency also estimates that these factors, combined with a rise in cases of people not paying their energy bills, will see revenues going to both governments and industry fall by over $1tn this year.

    Crisis ‘accelerating’ shift from low-efficiency technologies

    Every year energy infrastructure is retired and replaced with new equipment. Typically, the replacement technologies will be cleaner and more efficient, although this is not always the case.

    The coronavirus crisis is expected to have an impact on this rate of turnover and, indeed, it is already contributing to the retirement of some older power plants and facilities, as the chart below illustrates.

    The Covid-19 crisis is hastening the retirement (light blue) of some older plants and facilities, but also impacting consumer spending on new and more efficient technologies (dark blue), with the potential for a net decrease (yellow dot) in upstream oil-and-gas facilities. Source: IEA.The Covid-19 crisis is hastening the retirement (light blue) of some older plants and facilities, but also impacting consumer spending on new and more efficient technologies (dark blue), with the potential for a net decrease (yellow dot) in upstream oil-and-gas facilities. Source: IEA.

    The economic downturn and “surfeit of productive capacity in some areas” as overall demand plummets is already “accelerating” the closure and idling or inefficient technologies, including refineries and some coal-fired power plants.

    However, the IEA warns that equally governments might respond to the pandemic by underinvesting in new technologies and remaining reliant on inefficient, older technology. The agency estimates efficiency investment could drop by 10-15% as spending is cut back.

    The report warns that policymakers should keep these elements in mind and “combine economic recovery with energy and climate goals”. Dr Fatih Birol, executive director of the IEA, said in a statement that while the pandemic has brought lower emissions it has been “for all the wrong reasons”:

    “The response of policymakers – and the extent to which energy and sustainability concerns are integrated into their recovery strategies – will be critical.”

    Clean energy spending ‘relatively resilient’

    The share of global energy spending going towards clean energy, including renewables as well as nuclear and efficiency improvements, has been flat-lining at around one-third for the past few years.

    As the chart below shows, this is likely to change this year as clean energy’s share edges closer to two-fifths of overall spending.

    Breakdown of clean energy investment by sector in USD (left x-axis), with the % overall share (right x-axis) of spending indicated by a grey line. Source: IEA.

    Clean energy investment is expected to remain “relatively resilient” this year, with spending on renewable projects falling by a comparatively small 10%.

    However, according to the IEA, the main reason for clean energy increasing its share is that fossil fuels are set to take such a “heavy hit”. In absolute terms, spending on these technologies is “far below levels” required to accelerate energy transitions.

    The agency notes that investment trends have long been “poorly aligned” with the world’s needs and are still set to fall short of the future it has outlined in its benchmark Sustainable Development Scenario (SDS).

    Last year’s edition of the World Energy Investment report concluded that investment in low-carbon energy sources must more than double by 2030 if the world is to meet its Paris Agreement targets.

    While the slowdown in clean energy spending is less significant, it still “risks undermining the much-needed transition to more resilient and sustainable energy systems,” according to Birol.

    Power sector hit hard

    International power investment is set to drop by 10% as a result of the Covid-19 pandemic, according to the agency.

    Virtually every component of the sector is expected to see a decline in investment, with hydro the only exception, as the chart below demonstrates.

    Global investment in the power sector by technology, with figures from the previous three years and estimates for 2020 (yellow). Source: IEA.Global investment in the power sector by technology, with figures from the previous three years and estimates for 2020 (yellow). Source: IEA.

    Increases in residential electricity demand around the world during lockdown are being “far outweighed” by reductions in commercial and industrial operations, the agency reports. A 9% decline in spending on electricity networks this year is also expected.

    The IEA says some parts of power investment are more exposed, specifically fossil fuel-based generation.

    Meanwhile, higher shares of renewables are being dispatched due to low operating costs and priority access to networks. Nevertheless, renewables are still taking a hit, particularly distributed solar photovoltaics (PV) as households and companies cut back on spending.

    Technologies with a longer lead time, notably offshore wind and hydropower, are expected to do better despite some delays.

    Electricity spending pulls ahead of oil

    Oil accounts for most of the decline in revenues expected this year. Furthermore, in a “historic switch” consumer spending on electricity could exceed spending on oil for the first time ever.

    While power-sector revenues are expected to fall by $180bn, oil spending will likely drop by at least $1tn. This can be seen in the chart on the left below. Taken together, investment in oil and gas is expected to fall by almost a third in 2020.

    Both global end-use spending by consumers on energy (left) and estimated 2020 investment compared to 2019 show oil is expected to see the biggest decline in investment activity this year. Source: IEA.

    The decline in aviation and road transport, which represent nearly 60% of oil demand, are responsible for this disproportionate decline.

    Meanwhile, the impact on gas has so far been more moderate, but could fall further due to reduced demand in power and industry settings.

    The report also highlights the global shale sector, which was already under pressure, as being particularly vulnerable.

    With investor confidence and access to capital in decline, the IEA predicts shale investment will halve in 2020 and notes the outlook for “highly leveraged shale players in the US” is now “bleak”.

    Coal decline given a ‘floor’ by China

    Coal is estimated to be the fuel hardest hit by the crisis after oil. Coal demand could drop by 8% this year, investment in coal supply is set to fall by a quarter and spending on new coal-fired plants is set to fall by around 11%.

    However, any decline in coal’s fortunes may be curtailed by the recovery of demand for the fossil fuel in China. According to the IEA, investment activity there “may put a floor” under further reductions in coal-power investment this year.

    The nation’s focus on coal is illustrated in the chart below, which shows final investment decisions (FIDs) dropping to their lowest levels in a decade, but China providing virtually all of them in the year so far.

    Coal-fired power generation capacity (GW) subject to a final investment decision (FID), with China coloured in green. Source: IEA.Coal-fired power generation capacity (GW) subject to a final investment decision (FID), with China coloured in green. Source: IEA.

    Using data available so far, the IEA notes that approvals for new coal plants in the first quarter of 2020, were “running at twice the rate observed over 2019 as a whole”, primarily in China.

    Electric vehicle sales rising as overall market contracts

    L'anno scorso è stato un momento difficile for the car industry, with total sales growth slowing in all major regions and turning negative in China and the US.

    However, this “turbulent” period for the industry is “likely to appear mild” in comparison with 2020, according to the IEA.

    Lockdowns have already severely impacted sales and, across the year, the agency estimates a drop of around 15% – dramatic even compared to the 10% drop that followed the 2008 financial crisis. Negative trends in overall car sales can be seen in the right-hand chart below.

    Global sales of electric passenger vehicles – cars, vans and small trucks – and market share, indicated by a red line (left chart). Total light-duty vehicle sales (right). Source: IEA.Global sales of electric passenger vehicles – cars, vans and small trucks – and market share, indicated by a red line (left chart). Total light-duty vehicle sales (right). Source: IEA.

    However, even though electric vehicle sales followed wider patterns and stalled in 2019 largely due to declining Chinese purchases, their overall market share continued to climb.

    This can be seen in the chart on the left, which shows that electric cars are expected to go against the broader trend in 2020. The IEA estimates that owing to policy support, particularly in Europe, electric vehicle sales will increase this year, as will their share of the market (indicated by the red line).

    Battery storage spending fell as prices dropped

    Investment in battery storage fell for the first time last year, as the chart below shows. Overall, spending on grid-scale and behind-the-meter batteries fell by 15%, with overall investment just above $4bn.

    Investment in both grid-scale (left) and behind-the-meter battery storage (right). Source: IEA.Investment in both grid-scale (left) and behind-the-meter battery storage (right). Source: IEA.

    The IEA states this decline took place as costs for battery storage fell rapidly, a trend the agency attributes to maturing supply chains and markets, more efficient production and competition within the sector.

    The report mentions fires at energy storage installations in South Korea and regulation uncertainty in China as some of the factors behind the decline in interest last year.

    Declining behind-the-meter battery spending also reflects the distributed solar PV market, for which investment slowed last year in a trend expected to continue as consumer spending drops off due to coronavirus.

    The agency notes that grid-scale battery investments are also expected to decline this year against the backdrop of a general decrease in power activity.

    However, it says this setback “is likely to be shortlived” due to the technology’s growing importance for system security and flexibility.

  5. Storia della settimana ... Toon della settimana ... Feedback sul clima Rassegna dell'articolo ... Prossimamente su SkS ... Feedback sul clima Rivendica recensione ... Settimana SkS in revisione ... Poster della settimana ...

    Storia della settimana ...

    Global temperatures could exceed crucial 1.5 C target in the next five years

    Ilulissat Icefjord, Greenland, July 30, 2029

    In this aerial view melting ice forms a lake on free-floating ice jammed into the Ilulissat Icefjord during unseasonably warm weather on July 30, 2019 near Ilulissat, Greenland. In 2020, the Arctic is likely to have warmed by more than twice the global mean, a new assessment by the WMO found.

    There is an increasing chance that annual le temperature globali could exceed 1.5 degrees Celsius (2.7 degrees Fahrenheit) above pre-industrial levels over the next five years, new climate predictions from the World Meteorological Organization (WMO) say.

    Sotto il 2015 Accordo sul clima di Parigi, countries committed to reduce their carbon output and halt global warming below 2 degrees Celsius — and if possible, below 1.5 degrees Celsius — by the end of the century to avoid the worst impacts of cambiamento climatico.

    But according to the WMO report, there is around a 20% chance that one of the next five years will be at least 1.5 degrees Celsius warmer than pre-industrial levels, with the chance "increasing with time."

    Annual global temperature is likely to be at least 1 degrees Celsius warmer than pre-industrial levels, and the last five years has been the warmest on record, the valutazione — based on modeling and the expertise of climate scientists — found.

    In 2020, the Arctic is likely to have warmed by more than twice the global mean, and many parts of South America, southern Africa and Australia are likely to be dryer than in the recent past, the WMO said.

    There is a 70% chance that one or more months during the next five years will be at least 1.5 degrees Celsius warmer than pre-industrial levels, the WMO assessment said.

    In the coming five years, almost all regions are likely to be warmer than the recent past, scientists warned.

    Clicca qui to access the entire article as originally posted on the CNN website.

    Global temperatures could exceed crucial 1.5 C target in the next five years by Amy Woodyatt, CNN, July 9, 2020


    Toon della settimana ...

    2020 Toon 28

    Punta del cappello al Stop alla negazione della scienza del clima Pagina Facebook.


    Feedback sul clima Revisione articolo ...

    Article by Michael Shellenberger mixes accurate and inaccurate claims in support of a misleading and overly simplistic argumentation about climate change

    2020 Climate Feedback Article Review 28

    Analysis of "On Behalf Of Environmentalists, I Apologize For The Climate Scare"
    Pubblicato in Forbes, by Michael Shellenberger il 28 giugno 2020

    Six scientists analysed the article and estimate its overall scientific credibility to be 'low'.

    La maggior parte dei recensori ha etichettato l'articolo come: Raccogliere le ciliegie, Ingannevole.

    Article by Michael Shellenberger mixes accurate and inaccurate claims in support of a misleading and overly simplistic argumentation about climate change, Edited by Nikki Forrester, Article Reviews, Climate Feedback, July 6. 2020


    Prossimamente su SkS ...

    • How the rise and fall of CO2 levels influenced the ice ages (Zeke Hausfather)
    • On baseball's 'first pitch' and climate's long road ahead (Bud Ward)
    • Nuova ricerca SkS per la settimana n. 28 (Doug Bostrom)
    • Wildfires off to slow start in much of the West, but trouble expected starting in mid-July (Jeff Masters)
    • Fusion Power risolverà i cambiamenti climatici? (Clima Adam)
    • Roundup n. 2020 di SkS Weekly Climate Change & Global Warming 29 (John Hartz)
    • 2020 SkS Weekly Climate Change & Global Warm Digest # 29 (John Hartz)

    Feedback sul clima Revisione reclamo ...

    Study evaluates natural and human causes of recent rapid warming rate at the South Pole

    RICHIESTA: Surface air temperatures at the bottom of the world have risen three times faster than the global average since the 1990s.

    VERDETTO: Precisione

    FONTE: Even the South Pole Is Warming, and Quickly, Scientists Say di Henry Fountain, Climate, New York Times, 29 giugno 2020

    CHIAVE DA PORTARE: This statement accurately describes data analyzed in a recently published scientific study. As the article also explains, that study concluded that the temperature trend at this specific location was boosted by natural variability, and is not representative of the current human-caused climate change across Antarctica.

    Study evaluates natural and human causes of recent rapid warming rate at the South Pole, Edited by Scott Johnson, Claim Reviews, Climate Feedback, July 6, 2020


    Settimana SkS in rassegna ...


    Poster della settimana ...

    Poster 2020 28

  6. A chronological listing of news articles linked to on the Skeptical Science Facebook Page during the past week: Sun, July 5 through Sat, July 11, 2020

    Scelta dell'editore

    Think Covid-19 Disrupted the Food Chain? Wait and See What Climate Change Will Do

    The pandemic has revealed deep flaws in the world’s food system and food leaders are calling for global coordination and climate resilient agriculture.

    L'agricoltura

    Foto di Paddy Walker on Unsplash

    In the months since Covid-19 convulsed the globe, the world's food system has undergone a stress test—and largely failed it.

    The pandemic disrupted global supply chains, induced panic buying and cleared supermarket shelves. It left perfectly edible produce rotting in fields, and left farmers no choice but to gas, shoot and bury their livestock because slaughter plants were shut down.

    It also revealed a glaring problem: Though researchers have known for decades that climate change will roil farming and food systems, there exists no clear global strategy for building resilience and managing risks in the world's food supply, nor a coherent way to tackle the challenge of feeding a growing global population, on a warming planet where food crises are projected to intensify.

    "We need to make sure food is safe, nutritious and sustainable, not just for today but for the future," said Emily Broad Leib, director of the Harvard Law School Food Law and Policy Clinic. "There's growing acknowledgement that this has been something that's not been addressed in a coordinated way."

    Clicca qui to access the entire article as originally posted on the InsideClimate New website.

    Think Covid-19 Disrupted the Food Chain? Wait and See What Climate Change Will Do by Georgina Gustin, InsideClimate News, July 7, 2020


    Articoli collegati a su Facebook

    Sole, luglio 5, 2020

    Lun, luglio 6, 2020

    Mar, luglio 7, 2020

    Mer, Luglio 8, 2020

    Gio, Luglio 9, 2020

    Ven, luglio 10, 2020

    Sab, luglio 11, 2020

  7. Questo è ripubblicare da Yale Climate Connections

    House Democrats have released a comprehensive report showing how – if they control the White House and both the Senate and the House of Representatives – they might move forward on climate change. Their “Climate Crisis Action Plan,” released June 30 by the new House Select Committee on the Climate Crisis, runs more than 500 pages and would move the U.S. toward net-zero greenhouse gas emissions over the next three decades.

    The committee, established in 2018 when Democrats regained majority control of the House, designed the report with an eye the earlier “Green New Deal” initiative and also on current-day environmental and racial justice concerns. Backers of their effort acknowledge slim chances of enactment of major climate legislation in the current Congress, where Republicans hold a majority in the Senate and where scheduling of floor action is controlled by Kentucky Republican Majority Leader Mitch McConnell.

    The committee pointed to 17 official hearings and countless staff meetings with various stakeholders as a basis for the new Democratic climate plan. The detailed report spells out specific steps for tackling emissions from across a broad cross-section of the U.S. economy. Running throughout the report are themes considering investment in infrastructure and clean energy; worker assistance and efforts to provide a “fairer economy”; environmental justice and efforts to meet the needs of underserved communities; community resilience; public health and new approaches to agriculture; and national security.

    Let’s examine some of the specific sectors and policies addressed in the plan.

    Speeding the transition to electric cars

    Transportation accounts for the largest chunk (29%) of American greenhouse gas emissions. To tackle emissions from this sector, the Democrats’ plan calls for all new passenger vehicles sold in 2035 to be electric, and all heavy-duty truck sales to be electric by 2040.

    To achieve those goals, their report recommends that Congress establish a national zero emissions vehicle sales standard (mandating that an increasing percentage of all vehicles sold be zero-emissions). It calls also for extension of and higher electric vehicle tax credits, which currently are being phased-out.

    The plan goes far beyond relying solely on electric vehicles to tackle transportation emissions. It calls for doubling funding for public transit; providing more incentives for construction of affordable housing near public transit lines; investing in research and development (R&D) for zero-carbon long-haul trucking, aviation, and shipping technologies; upgrading and expanding rail systems; and providing transportation systems that can withstand worsening climate change impacts.

    Electricity – transition to renewable energy sources

    Electricity production accounts for the second-largest chunk (28%) of U.S. greenhouse gas emissions. To tackle emissions from this sector, the Democrats’ plan calls on Congress to require that more and more electricity in each state be supplied by low-carbon sources, with a goal of achieving net-zero emissions in the electricity sector by 2040. The plan calls also for R&D investments across technologies – particularly involving energy storage. Congress would also direct the Federal Energy Regulatory Commission to develop a comprehensive, long-range electric infrastructure strategy, extend and expand tax credits for wind and solar energy, and develop more incentives for geothermal energy projects.

    The Democrats’ report also touches on nuclear power, which currently accounts for about 20% of U.S. electricity generation and half of electricity from zero-carbon sources. It recommends increased inspections at aging nuclear power plants to ensure that they can continue to operate safely as long as possible. It also calls for R&D funding addressing next-generation small modular nuclear reactors, which would cost less and be less complex than conventional large nuclear power plant designs, and calls for legislation to try to resolve nuclear waste storage issues.

    Agriculture – sequester carbon and reduce food waste

    Agriculture accounts for 10% of U.S. greenhouse gas emissions but has the potential to be a major contributor to climate solutions by sequestering carbon. The Democrats’ report notes that “U.S. agricultural soils generally present with 1% or less soil carbon, but studies show that among farmers practicing robust soil health practices, soils present with between 3% to 6% of soil carbon.” Their report calls on Congress to dramatically increase funding for climate-smart agricultural activities and for setting climate stewardship goals across all U.S. farmland.

    Congress could also incentivize farmers and ranchers to incorporate energy efficiency and renewable energy on-farm and to protect their farmland from development for non-agricultural uses that would eliminate the potential for carbon sequestration, the report notes. It points to food waste, with 30-40% of available food in the U.S. going uneaten through loss or waste, and backs measures to support local and regional food systems.

    Is the plan sufficiently ambitious? Is it realistic?

    There is much more to the plan, including measures to make all new buildings net-zero emissions by 2030; plug leaks from oil and gas infrastructure; end subsidies for oil and gas drilling on public lands (though it does not call for an end to all fossil fuel subsidies); put a federal price on carbon pollution; develop technologies to capture carbon from the atmosphere; and put environmental justice at the center of these policies.

    The report is bound to attract both adherents and detractors in coming weeks and months, both from some serving in the Senate and the House and from hordes of special interest groups praising or criticizing the plan. A representative of one grassroots climate organization, for instance, early said the plan’s emissions reductions are “wholly inadequate to prevent the risk of catastrophic climate disruption,” suggesting a 2030 deadline for zero emissions.

    But there are practical limitations on the speed at which zero-carbon infrastructure can be deployed. For example, a recente rapporto from UC Berkeley concluded that American electricity could be supplied by 90% zero-carbon sources in 2035 and 100% by 2045. The committee Democrats’ plan calls for an even more ambitious goal of 100% by 2040.

    Decarbonizing transportation is an even bigger challenge. Global electric vehicle manufacturing is currently projected to reach 45-50 million cars per year in 2035 (up from 10 million per year in 2020). To reach the plan’s goal of 100% new EV sales by 2035, 22 million EVs would be sold as passenger vehicles in the U.S. by that year – nearly half the entire projected global manufacturing capability. The committee’s recommendations recognize the need to increase U.S. manufacturing of EVs and identify key policies to do so, but the target remains exceptionally ambitious and aggressive.

    An independent consulting group called Energy Innovation Policy & Technology used its energy policy simulator model to evaluate the effectiveness of the committee’s plan in reducing U.S. greenhouse gas emissions. The group found that implementing the plan would reduce American emissions 40% below 2005 levels by 2030. That’s enough to give humanity a shot at meeting the targets set in the Paris climate accords of limiting global warming to less than 2 degrees Celsius hotter than pre-industrial temperatures, and ideally closer to 1.5 degrees C.

    Moreover, the group’s modelling estimated the plan would avoid approximately 870,000 premature deaths from air pollution, and would save $4.5 trillion in health benefits, plus provide an estimated $3.4 trillion in climate benefits over just the next 30 years. Those savings would continue to rise at over $1 trillion per year after 2050 thanks to climate disasters avoided. And the UC Berkeley report cited above concluded that transitioning the electricity sector to clean energy alone would create over half a million permanent jobs, primarily in manufacturing and construction.

    How and whether eventual legislation and an enacted bill will resemble, or differ from, the House Democrat’s plans in the end will depend on the outcome of the fall 2020 presidential and congressional elections. But for now, the Democrats’ report gives a good sense at least of where they hope to go IF they keep their majority in the House, gain a majority in the Senate … and take over the White House come January 2021.

  8. Questo è ripubblicare da Weather Underground di Bob Henson

    Sopra: Questo arcobaleno appare insolitamente basso nel cielo perché si è formato nel primo pomeriggio, piuttosto che verso il tramonto. Affinché un arcobaleno si formi, le gocce d'acqua devono essere presenti nell'aria di fronte a un osservatore e il sole deve splendere da dietro l'osservatore. Gli arcobaleni derivano dalla rifrazione e dal riflesso della luce solare da queste gocce d'acqua. (Bob Henson, tramite UCAR Digital Image Library)

    Dato che la prima voce nel WunderBlog del Dr. Jeff Masters (il nome originale di questo blog) è stata "L'arcobaleno a 360 gradi"—Vedi l'intera storia in Posto d'addio di Jeff da ottobre 2019 — Ho pensato che sarebbe stato appropriato per questo ultimo ingresso della Categoria 6 mettere in luce un altro tipo di arcobaleno molto diverso.

    Ho scattato la foto sopra guardando a est-nord-est mentre mi sono fermato in un viaggio attraverso l'Oklahoma nord-occidentale nell'aprile 1991, con un forte temporale in lontananza. Non avevo mai visto un "sorgere dell'arcobaleno" prima d'ora, e di certo non avevo mai visto nulla di così distinto. Gli arcobaleni primari si formano sempre di fronte al sole, con una linea immaginaria che corre dal sole attraverso la testa dell'osservatore al centro dell'arcobaleno. Quindi, per vedere un arcobaleno vicino all'orizzonte, il sole deve essere quasi 42 ° sopra l'orizzonte opposto. Questo è in genere il caso dal primo al metà pomeriggio (ora solare) nella primavera di mezza latitudine, come nel caso del tempestoso giorno di aprile quando ho scattato questa foto.

    Gli arcobaleni sono carichi di simbolismo, in particolare di luoghi che vanno oltre la nostra resa dei conti umana. Quando i nostri animali domestici muoiono, parliamo di loro che attraversano il "ponte arcobaleno". Una sedicenne Judy Garland ha cantato con desiderio un posto "oltre l'arcobaleno" in "Il mago di Oz", il film più famoso di tutti i tempi in cui un evento meteorologico (quel tornado ipnotizzante!) È servito da colpo di scena centrale (nessun gioco di parole previsto).

    Mi piace pensare all'arcobaleno nella foto sopra come simbolo delle moltissime trame e colori umani che hanno reso questo luogo di incontro quello che è. Collettivamente, i nostri lettori hanno contribuito alla Categoria 6 con molti più contenuti di quanti ne abbiamo noi autori regolari, e tu l'hai reso un luogo accogliente per persone di molte età, molti ceti sociali e molti angoli del pianeta. Non posso rendere giustizia a tutti voi in un singolo post d'addio, ma spero che ciascuno di voi lo considererà un sentito “grazie” per ogni boccone meteorologico che hai condiviso e ogni amicizia che hai coltivato qui. Spero che firmerete tutti l'annuario, per così dire, nei commenti Disqus di seguito (e assicuratevi di controllare le testimonianze in movimento al Messaggio di "fine di un'era" dal 10 giugno).

    Sono particolarmente contento che questo blog sia stato un luogo di discussione seria sul cambiamento climatico prodotto dall'uomo, la questione ambientale delle nostre vite. Da quando Jeff Masters ha iniziato questo blog nel 2005, la concentrazione globale di biossido di carbonio ha il riso da circa 380 a 415 parti per milione, con un incremento di quasi il 10%. Le concentrazioni di metano hanno saltato da circa 1780 a 1870 parti per miliardo. E la temperatura superficiale globale ha spillo da una spaventosa 0.5 ° F (0.3 ° C). Hai letto nei nostri numerosi post le conseguenze: incendi alimentati dal calore e dalla siccità, registrazioni di piogge da un'atmosfera frizzante, gli effetti di un pianeta in riscaldamento su una vasta gamma di ecosistemi. Come fanno di solito i disastri, la miriade di impatti dei cambiamenti climatici tende a colpire coloro che sono i più vulnerabili, comprese le persone di colore, i più duri. Non stiamo facendo abbastanza per tenere a bada questa catastrofe al rallentatore.

    Come ha detto Jeff questa settimana in un post a "Eye on the Storm", La sua nuova home blog:

    “Molti incubi ricorrenti degli studenti prevedono un esame finale domani per un corso che raramente hanno frequentato per tutto il periodo: non riescono a ricordare dove si trova l'aula e hanno appena studiato per l'esame. Sfortunatamente, quell'incubo descrive la situazione dell'umanità per il prossimo esame finale sui cambiamenti climatici. Mentre la posta in gioco per bocciare il quiz COVID-19 è stata schiacciante - oltre 425,000 persone sono morte a livello globale a metà giugno, le economie sono paralizzate e una catastrofe non ancora realizzata che si profila per molte nazioni nei paesi in via di sviluppo - il costo del fallimento del nostro inevitabile collettivo L'esame finale sui cambiamenti climatici sarà apocalittico per la civiltà ".

    Ecco alcune altre parole del Dr. Masters in occasione del post finale di Cat 6:

    “Il sole è tramontato sulla community del blog di Weather Underground. È stato un posto fantastico per conoscere il tempo e condividere conoscenze ed esperienze con altri appassionati di tempo, e la mia vita è stata toccata e trasformata dalle persone che si sono radunate qui. Il mio amore e grazie vanno a tutti voi che avete partecipato alla comunità WU e reso questo blog così unico. Un enorme ringraziamento va allo staff della WU che ha reso l'esperienza utente senza eguali per qualsiasi sito meteorologico su Internet e che ha lavorato incessantemente per mantenere i server in esecuzione. Un ringraziamento speciale va ai nostri moderatori volontari e ai molti fantastici blogger che hanno contribuito con le loro straordinarie intuizioni a WU - Bob Henson, Steve Gregory, Chris Burt, Ricky Rood, Margie Kieper e Lee Grenci - ea Maximiliano Herrera, per il suo fantastico lavorare tenendo traccia dei dati meteorologici globali.

    “Ricorda che mentre il sole tramonta, l'arcobaleno che crea sorge; come è scritto in Ecclesiaste: "Guarda l'arcobaleno e loda Colui che l'ha fatto". Continuerò nel mio ruolo di guida alla bellezza, potenza e pericolo della nostra magnifica atmosfera nella mia nuova casa a yaleclimateconnections.org, 'Eye on the Storm'. Ho già scritto quattro post lì nelle ultime due settimane e lo farò crescere una volta che la stagione degli uragani avanza. Sono particolarmente entusiasta del fatto che Bob Henson abbia accettato di unirsi e partecipare durante la parte più alta della stagione degli uragani.

    “Mentre i miei post al momento non hanno una sezione commenti, le brave persone di Yale Climate Connections hanno fatto dell'istituire una delle loro massime priorità e prevedono che la comunità WU avrà una nuova casa in cui riunirsi nelle prossime settimane. I moderatori della WU che hanno lavorato sodo hanno accettato di venire per la corsa e modereranno la nuova sezione dei commenti. Puoi iscriviti per ricevere annunci e-mail su quando verrà lanciata la nuova sezione commenti. "

    I nostri moderatori hanno in programma di tenere aperti i commenti su questo ultimo post su Cat 6 almeno fino a mezzogiorno lunedì. Nel frattempo, il Archivi di categoria 6 rimarrà qui sul sito della WU per il prossimo futuro, collegato dal "Notizie e Blog / Blog Archive" scheda. Nota che ci sono due indici, uno da 2005 fino a marzo 2017 e l'altro da Aprile 2017 a oggi.

    Fino a quando ci incontreremo di nuovo, ti preghiamo di tenere gli occhi aperti verso il cielo e le tue capacità di osservazione. Ne avremo bisogno per la stagione degli uragani 2020!

    Stai attento,

    Bob

    L'immagine introduttiva del primo post sul blog del Dr. Jeff Masters, "L'arcobaleno a 360 gradi", pubblicato il 14 aprile 2005. Jeff ha scattato la foto da un aereo cacciatore di uragani P-3 NOAA mentre volava attraverso una pioggia vicino Florida del sud nel 1988. (Jeff Masters)

  9. 75 Articoli

    Scienze fisiche del riscaldamento globale e degli effetti

    La risposta del vapore acqueo stratosferico al cambiamento climatico guidato da diversi agenti forzanti (accesso libero)

    Osservazioni e metodi osservativi di riscaldamento globale ed effetti

    Il riscaldamento record al Polo Sud negli ultimi tre decenni

    Variabilità della profondità di congelamento del suolo in associazione con i cambiamenti climatici dal 1901 al 2016 nel bacino del fiume Brahmaputra superiore, Altopiano tibetano

    Tendenze a lungo termine della temperatura superficiale dell'Artico e potenziale causalità negli ultimi 100 anni

    Dinamica non lineare degli incendi in Africa negli ultimi decenni controllata dalle precipitazioni

    Le ondate di calore estive più frequenti nella Cina sudoccidentale sono legate al recente declino del ghiaccio marino artico

    Una tendenza all'aumento delle aree bruciate in Iraq dal 2001 al 2019 (accesso libero)

    Modellazione e simulazione del riscaldamento globale e degli effetti del riscaldamento globale

    Driver multipli della buca di riscaldamento del Nord Atlantico

    Impatto dell'oscillazione Madden-Julian amplificato nella regione del Pacifico-Nord America

    Effetti delle concentrazioni di metano atmosferico fortemente migliorate in un modello chimico-climatico completamente accoppiato (accesso libero)

    Variabilità lampo nelle simulazioni ridimensionate dinamicamente del clima estivo presente e futuro dell'Alaska

    Future caratteristiche di siccità attraverso un ensemble multi-modello da CMIP6 in Asia meridionale

    Quanto sarà calda e asciutta la regione mediterranea alla fine del ventunesimo secolo?

    Proiezioni delle precipitazioni in tutta Europa a convezione che consentono una scala con il Modello Unificato (accesso libero)

    La tempesta del Nord Pacifico traccia la risposta al mesoscale SST in un modello atmosferico globale ad alta risoluzione

    La fonte di calore indotta da CO 2 cambia sull'altopiano tibetano nell'estate boreale - Parte I: gli effetti totali dell'aumento di CO 2

    I fattori trainanti del declino migliorato dell'umidità relativa del terreno vicino alla superficie per brusca 4xCO 2 in CNRM-CM6-1

    Cambiamenti nelle nuvole e nella circolazione atmosferica associati alla rapida regolazione indotta dall'aumento della CO 2 nell'atmosfera: uno studio quadro di modellazione multiscala (accesso libero)

    Cambiamenti nella popolazione convettiva e negli ambienti termodinamici nelle simulazioni climatiche regionali che consentono la convezione negli Stati Uniti (accesso libero)

    Emulazione di indici climatici estremi

    Cambiamenti monsonici regionali (accesso libero)

    Avanzamento del modello climatico

    In che modo il modello climatico UKESM1 produce la sua forzatura di aerosol nel Nord Atlantico? (accesso libero)

    Valutazione dell'ensemble multi-modello CMIP6 per indici climatici estremi

    Impatto della frequenza della radiazione, forzatura radiativa delle precipitazioni e aggregazione della colonna di radiazione su simulazioni monsoniche dell'Africa occidentale che consentono la convezione

    Il ciclo diurno delle precipitazioni dei monsoni estivi dell'Asia orientale simulato dal modello unificato di Met Office su scale che consentono la convezione (accesso libero)

    Rappresentazione di processi a strati limite in previsione meteorologica numerica e modelli climatici

    I cambiamenti climatici non stazionari negli estremi delle alte temperature estive a Shanghai dalla fine del XIX secolo

    Variabilità interna vs incertezza multi-fisica in un modello climatico regionale

    Biologia e riscaldamento globale

    Cambiamenti climatici e scoppio di locuste in Africa orientale (accesso libero)

    Sbiancami colorato (accesso libero)

    Effetti di molteplici fattori del cambiamento globale dell'oceano sulla fisiologia e l'espressione genica funzionale del coccolitoforo Emiliania huxleyi

    Risposta dell'ecosistema alla precedente data di rottura del ghiaccio: cambiamenti causati dalla temperatura del clima dell'acqua, produzione specifica dell'habitat del lago, habitat delle trote e uso delle risorse

    Crescita ridotta con maggiori quote di particolato di carbonio organico e inorganico nel coccolitoforo Emiliania huxleyi nelle future condizioni dei cambiamenti climatici negli oceani (accesso libero)

    Il clima determina una differenziazione intraspecifica nell'espressione di compromessi di difesa della crescita in una specie di pino di lunga durata (accesso libero)

    Variazione tridimensionale della sensibilità alla temperatura della fenologia della vegetazione settentrionale

    Forte sopravvalutazione delle risposte di efficienza dell'uso dell'acqua all'aumento di CO2 negli studi sugli anelli degli alberi

    Le nuove interazioni di alimentazione amplificano l'impatto della ridistribuzione delle specie su una rete alimentare artica

    Gli impatti additivi della disossigenazione e dell'acidificazione minacciano il biota marino

    L'eutrofizzazione, la perdita di biodiversità e le invasioni di specie modificano il rapporto tra ricchezza ospite e parassita durante l'assemblea della comunità ospitante

    Risposte forestali a CO2 elevata simulata in ipotesi alternative di mortalità dipendente dalle dimensioni e dall'età

    Fonti e lavandini di GHG, flusso

    Valutare il potenziale per una fuga non turbolenta di metano dalla piattaforma artica della Siberia orientale (accesso libero)

    Rallentamento degli anni '90 (accesso libero)

    Emissioni globali e regionali di CH4 per il periodo 1995-2013 derivate da osservazioni atmosferiche di CH4, δ13C ‐ CH4 e δD ‐ CH4 e un modello di trasporto chimico

    Le osservazioni dell'Artico identificano la composizione della comunità di fitoplancton come motore dell'attenuazione del flusso di carbonio

    Vincoli migliorati sui flussi di CO2 extratropicale settentrionale ottenuti combinando misurazioni di CO2 atmosferica basata sulla superficie e nello spazio

    Amplificazione del dissipatore di carbonio oceanico durante El Niños: ruolo del trasporto verso Ekman polare e influenza sulla CO2 atmosferica

    Controllo ambientale dei flussi di CO2 nell'atmosfera terrestre da ecosistemi temperati: un approccio statistico basato su serie temporali omogeneizzate di cinque tipi di uso del suolo (accesso libero)

    Aumento sproporzionato delle emissioni di metano in acqua dolce indotto dal riscaldamento sperimentale

    Risposta a preoccupazioni e incertezze relative alla sintesi delle emissioni di metano per gli ecosistemi costieri vegetati

    Le emissioni di metano riducono della metà l'effetto radiante di raffreddamento di una zona umida subtropicale di mangrovie estuarine

    Ecosistemi globali e incendi: valutazione multi-modello della copertura degli alberi indotta dal fuoco e riduzione dello stoccaggio del carbonio

    Il ruolo dei feedback sul clima-combustibile sulla combustione della biomassa dell'Olocene nelle foreste carpatiche dell'alto montano

    Effetti della radiazione UV ‐ B sulla conversione del carbonio nel suolo e sull'emissione di gas a effetto serra nel terreno di risaia

    Scienza e ingegneria della mitigazione della CO2

    Il risanamento offre rapidi benefici climatici per le torbiere tropicali e agricole, ma non per le torbiere drenate dalla silvicoltura

    L'uso appropriato di scenari di riferimento nell'analisi di mitigazione

    Oltre il costo sociale del carbonio: tecnologie di emissione negativa come mezzo per fissare biofisicamente il prezzo del carbonio

    Valorizzazione del sorbente a base di CaO per la cattura di CO2 attraverso il doping con acqua di mare

    Confronto di adsorbenti a base di idrossido di Mg (OH) 2 e Ca (OH) 2 per la cattura di CO2: utilizzo della metodologia della superficie di risposta, modellizzazione cinetica e isotermica

    Carbonio nero

    Stima degli impatti della temperatura artica da selezionate apparecchiature europee di riscaldamento residenziale e strategie di mitigazione (accesso libero)

    Comunicazioni e cognizione sui cambiamenti climatici

    Attribuzione incerta (accesso libero)

    Agronomia e cambiamenti climatici

    Elevati effetti atmosferici del biossido di carbonio sul mais e sull'erba medica negli Stati Uniti nordorientali: un confronto tra previsioni modello e dati osservati

    Interventi necessari per le colture di base nelle colline andine-amazzoniche a causa dei cambiamenti climatici

    Gli esseri umani alle prese con il nostro riscaldamento globale

    Valutare la fattibilità delle opzioni di adattamento: progressi metodologici e indicazioni per la ricerca e la pratica di adattamento climatico (accesso libero)

    Quadro MRV e scenari prospettici per monitorare e raggiungere gli obiettivi di mitigazione del trasporto brasiliano

    Valutazione di diversi materiali di copertura per la mitigazione del riscaldamento urbano in un clima monsonico subtropicale

    Una valutazione delle iniziative di adattamento basate sulla comunità nelle isole del Pacifico

    Un aspetto negativo di una tassa sul carbonio per l'ambiente: impatto della condivisione delle informazioni

    Impatti del consumo domestico delle famiglie sull'uso di energia e le emissioni di carbonio in Cina in base al modello input-output

    Affrontare le emissioni di carbonio incorporate nel commercio bilaterale dell'India con due eminenti parti dell'Allegato II: con input-output e analisi di decomposizione spaziale

    Una doppia vittoria: nuovi percorsi per ridurre le emissioni di gas serra e migliorare la qualità dell'acqua in Nuova Zelanda

    Tenendo il terreno. Alleanze e difese tra scienziati, responsabili politici e società civile nello sviluppo di un'iniziativa volontaria, il "4 per 1000: suoli per la sicurezza alimentare e il clima"

    Un giusto compenso per averlo lasciato in terra: allentamento climatico e sviluppo del petrolio

    (De) accoppiamento e (De) carbonizzazione nelle economie e nei sistemi energetici del G20

    Impatti a lungo termine dell'urbanizzazione attraverso la migrazione della popolazione sulla domanda energetica della Cina e sulle emissioni di CO 2

    Riciclare l'imposta sul carbonio per una crescita verde inclusiva: un'analisi CGE dell'India

    Sfide di siccità senza precedenti per le risorse idriche del Texas in un clima che cambia: cosa devono sapere i ricercatori e le parti interessate? (accesso libero)

    Simbiosi industriale basata sull'energia: una revisione della letteratura per la transizione circolare dell'energia (accesso libero)

    Quantificazione dei contributi di incertezza a livello di processo a TCRE e budget del carbonio per il raggiungimento degli obiettivi climatici dell'Accordo di Parigi

    Approccio alle politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici in Sudafrica: una visione dal pensiero critico sulla complessità (accesso libero)

    Gestire l'incertezza nelle compensazioni di carbonio: approfondimenti dall'approccio standardizzato della California (accesso libero)

    Attenzione al divario: commercio di carbonio personale per il trasporto su strada in Kenya (accesso libero)

    Principali risultati degli scenari chiave del Nord America nel confronto intermodel EMF34

    Altro

    Recensione del libro sull'Olocene: La scienza e la politica dei cambiamenti climatici globali: una guida al dibattito

    Opinione e spunti informati

    Il significato ecologico dell'effetto generale: atteggiamenti e comportamenti ambientali negli astronauti

    La crescente probabilità di temperature superiori a 30-40 ° C nel Regno Unito (accesso libero)

    Andare oltre eventi isolati (accesso libero)

    Dipendenze multi-hazard possono aumentare o diminuire il rischio


    Suggerimenti

    Facci sapere se sei a conoscenza di un articolo che ritieni possa essere interessante per le notizie di ricerca sulla scienza scettica o se abbiamo perso qualcosa che potrebbe essere importante. Invia il tuo contributo a Scienza scettica tramite il nostro Modulo di Contatto.

    Riviste coperte

    È possibile trovare un elenco di riviste che trattiamo qui. Diamo il benvenuto a suggerimenti su omissioni, nuove riviste ecc.

    Edizione precedente

    La precedente edizione di Scienza scettica Nuova ricerca può essere trovato qui.

  10. Story of the Week... Toon of the Week... Coming Soon on SkS... Poster of the Week... SkS Week in Review...

    Storia della settimana ...

    Stop making sense: why it's time to get emotional about climate change

    The science has been settled to the highest degree, so now the key to progress is understanding our psychological reactions.

    Rebecca Huntley

    Rebecca Huntley, an Australian social researcher and expert on social trends, at home in Sydney. Her new book is How to Talk About Climate Change in a Way That Makes a Difference. Photograph: Carly Earl/The Guardian

    It took me much longer than it should have to realise that educating people about climate change science was not enough. Due perhaps to my personality type (highly rational, don’t talk to me about horoscopes, please) and my background (the well-educated daughter of a high school teacher and an academic), I have grown up accepting the idea that facts persuade and emotions detract from a good argument.

    Then again, I’m a social scientist. I study people. I deal mostly in feelings, not facts. A joke I like to tell about myself during speeches is that I’m an expert in the opinions of people who don’t know what they’re talking about. Over the 15 years I’ve been a social researcher, I’ve watched with concern the increasing effects of climate change, and also watched as significant chunks of the electorate voted for political parties with terrible climate change policies.

    There is clearly a disconnect between what people say they are worried about and want action on and who, when given the chance, they pick to lead their country.

    The science behind cambiamento climatico has been proven correct to the highest degree of certainty the scientific method allows. But climate change is more than just the science. It’s a social phenomenon. And the social dimensions of climate change can make the science look simple – the laws of physics are orderly and neat but people are messy.

    Clicca qui per accedere all'intero articolo pubblicato originariamente sul sito Web The Guardian.

    Stop making sense: why it's time to get emotional about climate change by Rebecca Huntley, Environment, Guardian, July 4, 2020

    This article is an edited extract from How to Talk About Climate Change in a Way That Makes a Difference, by Rebecca Huntley (Murdoch Books, $32.99)


    Toon della settimana ...

    2020 Toon 27

    Punta del cappello al Stop alla negazione della scienza del clima Pagina Facebook.


    Prossimamente su SkS ...

    • AIE: "chiusura accelerata" del coronavirus delle vecchie centrali elettriche a combustibili fossili (Josh Gabbatiss)
    • Saharan dust cloud was most intense in decades, and more, though milder, are coming (Jeff Masters)
    • Nuova ricerca SkS per la settimana n. 27 (Doug Bostrom)
    • How the rise and fall of CO2 levels influenced the ice ages (Zeke Hausfather)
    • Fusion Power risolverà i cambiamenti climatici? (Clima Adam)
    • Roundup n. 2020 di SkS Weekly Climate Change & Global Warming 28 (John Hartz)
    • 2020 SkS Weekly Climate Change & Global Warm Digest # 28 (John Hartz)

    Poster della settimana ...

    Poster 2020 27


    Settimana SkS in rassegna ...

  11. A chronological listing of news articles linked to on the Skeptical Science Facebook Page during the past week: Sun, June 28 through Sat, July 4, 2020

    Scelta dell'editore

    '2040': A funny, entertaining, upbeat climate documentary

    A timely Australian documentary takes a 'solutions' approach, with the filmmaker inspired by visions of his young daughter as an adult.

    Australian filmmaker Damon Gameau did not create “2040” for viewing during the coronavirus pandemic. Although only now being released, online, in the U.S., the documentary premiered in Australia in the spring of 2019.

    Nevertheless, the film fits well with this summer 2020 moment. For a nation wondering what post-pandemic life will look like, “2040” provides an optimistic vision of a new normal, one that addresses issues of social justice while meeting challenges posed by climate change.

    As such, “2040” is the most upbeat documentary about climate change since climatologist Richard Alley’s PBS series “Earth: An Operator’s Manual.” And it’s often funny, entertaining, and, in a family sitcom sort-of-way, touching.

    “2040” begins with the movie-poster scene of Gameau planting a tree with his 4-year-old daughter, Velvet. In a voiceover, Gameau explains that he worries about how climate change will affect his daughter’s future. He knows the science; he briefly explains it using the heating, plumbing, and refrigeration systems of his house as analogies for different parts of the carbon cycles. And he says he often has felt overwhelmed by the doom-and-gloom depictions of climate change in popular media.

    He wants to change this: “As a father, I think there’s room for a different story, a story that focuses on solutions.”

    To write this new story, Gameau poses a question: “What [would] the world look like in 2040, if we just embraced the best that already exists?” And for “already exists” Gameau adopts a cardinal rule: “Everything I show in this 2040 has to exist today in some form. I can’t make it up.” Having laid down these ground rules, Gameau begins the work of assembling “the best that already exists” into a plausible depiction of his daughter’s life as an adult in 2040.

    Clicca qui to access the entire article as originally posted on the Yale Climate Connections website.

    2040': A funny, entertaining, upbeat climate documentary by Michael Svoboda, Article, Yale Climate Connections, June 29, 2020


    Articoli collegati a su Facebook

    Sole, giugno 28, 2020

    Lun, Giugno 29, 2020

    Mar, Giugno 30, 2020

    Mer, Luglio 1, 2020

    Gio, Luglio 2, 2020

    Ven, luglio 3, 2020

    Sab, luglio 4, 2020

  12. Questo è re-post da Yale Climate Connections di Jeff Masters

    Una forte tempesta di sabbia si è formata nel deserto del Sahara la scorsa settimana e ha invaso i Caraibi nel fine settimana del 20-21 giugno, portando livelli pericolosi di inquinamento atmosferico e scarsa visibilità alle isole.

    La polvere è accompagnata da una grande quantità di aria secca proveniente da Strato aereo sahariano, mettendo un freno a tutti gli uragani che tentano di formarsi. Nessuno dei modelli affidabili di computer prevede la formazione di cicloni tropicali nell'Atlantico per il resto di giugno, soprattutto a causa dell'aria secca che accompagna la polvere. La polvere agisce anche per ridurre la quantità di luce solare che colpisce la superficie, raffreddando l'oceano e scoraggiando ulteriormente l'attività degli uragani.

    Nuvola di polvereFigura 1. Nube di polvere africana sull'Atlantico tropicale vista dal satellite GOES-17 alle 12:22 EDT del 2020 giugno XNUMX. (Credito fotografico: NOAA / RAMMB)

    As dettagliato dal meteorologo IBM Michael Ventrice, l'impressionante ondata di Saharan Air Layer è guidata dal passaggio sull'Africa occidentale di un disturbo atmosferico chiamato un'onda Kelvin soppressa. Questo disturbo ha generato forti alisei da est a ovest che hanno fatto esplodere la polvere del Sahara sull'Oceano Atlantico. Giugno e luglio sono i mesi di punta per le tempeste di polvere sahariane che colpiscono l'Atlantico tropicale. Detto questo, la tempesta di polvere di questa settimana è impressionante, con una estensione molto più ampia della media.

    Strato aereo saharianoFigura 2. Analisi dello strato aereo sahariano per le 8:22 EDT del 2020 giugno XNUMX. L'aria secca e polverosa del Sahara (colori arancione e rosa) si estendeva dalla costa dell'Africa ai Caraibi centrali. (Credito immagine: Università del Wisconsin CIMSS)

    Inquinamento atmosferico pericoloso durante la pandemia di COVID-19

    La nuvola di polvere sta portando livelli pericolosamente alti di inquinamento da particolato fine (PM2.5, particelle con diametro inferiore a 2.5 micron o 0.0001 pollici) e PM10 (particelle con diametro inferiore a 10 micron). L'inquinamento atmosferico aggrava i sintomi di COVID-19, portando ad aumenti attesi dei ricoveri ospedalieri dalla malattia nelle regioni in cui le concentrazioni di polvere aumentano.

    La polvere africana ha fornito alla maggior parte dei monitor dell'inquinamento atmosferico nelle Isole delle Piccole Antille nei Caraibi un indice di qualità dell'aria (AQI) nella gamma rossa (malsana) per gran parte del fine settimana. La peggiore qualità dell'aria è stata osservata sull'isola di Tobago, appena al largo della costa nord-orientale del Sud America, dove i livelli di PM10 hanno raggiunto il massimo per quattro ore il 21 giugno all'estremità superiore della scala: la categoria marrone "pericolosa".

    Livelli di inquinamento atmosferico su TobagoFigura 3. I livelli di inquinamento atmosferico a Signal Hill sull'isola di Tobago avevano un indice di qualità dell'aria di 153, nella gamma rossa "Non salutare", alle 10 del 22 giugno. I livelli di PM10 erano nella gamma marrone "Pericolosa" per quattro ore il giorno precedente. (Credito immagine: Progetto indice mondiale della qualità dell'aria)

    L'aria secca che accompagna la polvere peggiorerà anche le condizioni di siccità che attanagliano molte isole. Princeton di Monitoraggio inondazioni e siccità in America Latina mostra la Repubblica Dominicana, la Giamaica, Cuba e Portorico in condizioni di siccità particolarmente intense. Razionamento dell'acqua è stato imposto il venerdì, 19 giugno, in alcune parti di Puerto Rico, dove il 26% dell'isola era in gravi condizioni di siccità.

    Episodio di inquinamento atmosferico pericoloso negli Stati Uniti questa settimana

    Si prevede che la nuvola di polvere spingerà verso ovest e nord-ovest questa settimana, invadendo gran parte degli Stati Uniti sud-orientali dal 25 giugno al 27 giugno. I modelli di trasporto dell'inquinamento atmosferico indicano che la polvere sarà ancora molto concentrata quando raggiungerà gli Stati Uniti, e molte località in Texas, Arkansas e Louisiana probabilmente sperimenteranno un AQI nella gamma arancione "Unhealthy for Sensitive Groups" o rossa "Unhealthy". Un simile evento di inquinamento atmosferico derivante dalla polvere africana si è verificato durante la prima settimana di luglio 2018, portando in Texas e Arkansas il peggior inquinamento atmosferico dell'anno.

    Livelli di polvereFigura 4. Livelli di polvere previsti per le 2:27 EDT sabato 2020 giugno 8, dalle 22:2020 EDT domenica XNUMX giugno XNUMX sulla corsa del modello GMAO della NASA. (Credito immagine: NASA)

    Un episodio di PM2.5 così diffuso e grave come questo - anche senza la furia di pandemia di COVID-19 - potrebbe causare centinaia di morti premature. Uno studio del 2019, Effetti del combustibile fossile e rimozione totale delle emissioni antropogeniche sulla salute pubblica e sul clima, ha riscontrato che l'inquinamento atmosferico del particolato fine (PM2.5) nell'aria è molto più elevato di quanto precedentemente ipotizzato.

    Lo studio ha concluso che l'inquinamento atmosferico da PM2.5 e ozono provoca ogni anno 8.79 milioni di morti premature a livello globale. Di quel totale, le fonti naturali di inquinamento dell'aria esterna hanno causato 3.24 milioni di morti all'anno e le fonti causate dall'uomo hanno causato 5.55 milioni di morti all'anno. Una morte prematura legata all'inquinamento atmosferico si verifica in genere circa 12 anni prima di quanto altrimenti avrebbe potuto avere, secondo Caiazzo et al., 2013.

    Secondo uno studio 2018 fatto dall'Health Effects Institute (una società no profit statunitense finanziata dall'EPA e dall'industria automobilistica), l'inquinamento da PM2.5 negli Stati Uniti ha causato circa 87,000 morti premature per anno tra il 2010 e il 2016. I decessi per inquinamento atmosferico sono calcolati utilizzando studi epidemiologici, che correlano i tassi di mortalità con i livelli di inquinamento atmosferico. È stato dimostrato che l'inquinamento atmosferico aumenta l'incidenza di decessi causati da ictus, infarti e malattie polmonari. Poiché queste cause di morte derivano anche da altri fattori - come lo stile di vita e la storia familiare - di solito vengono chiamate morti premature.

    In che modo la polvere colpisce gli uragani

    La polvere sahariana può influenzare l'attività degli uragani in diversi modi:

    1. La polvere funge da scudo, che impedisce alla luce solare di raggiungere la superficie. Quindi grandi quantità di polvere possono mantenere le temperature della superficie del mare fino a 1 grado Celsius più fredde rispetto alla media nella principale regione di sviluppo dell'uragano dalla costa dell'Africa ai Caraibi, fornendo agli uragani meno energia per formarsi e crescere. Temperature oceaniche nel MDR attualmente sono 0.7 gradi Fahrenheit sopra la media, quindi l'anomalia dovrebbe attenuarsi questa settimana poiché la polvere blocca la luce solare.

    2. il Strato aereo sahariano è uno strato di aria sahariana secca e polverosa che sale sull'aria umida di basso livello sull'Atlantico tropicale. Al confine tra SAL e aria umida a basso livello dove soffiano gli alisei c'è l'inversione degli alisei - una regione dell'atmosfera in cui la temperatura aumenta con l'altezza. Poiché la temperatura atmosferica normalmente diminuisce con l'altezza, questa "inversione" agisce per frenare i temporali che tentano di colpirla. Questo risultato si verifica perché l'aria nella corrente di un temporale incontra improvvisamente una regione in cui l'aria di corrente è più fresca e meno galleggiante dell'aria circostante e quindi non può continuare a muoversi verso l'alto. La polvere nel SAL assorbe la radiazione solare, che riscalda l'aria nell'inversione degli alisei. Il risultato? L'inversione è più forte, il che inibisce i temporali che alimentano un uragano.

    3. La polvere può anche agire per produrre più nuvole, ma questo effetto richiede molto più studio. Se le particelle di polvere hanno le dimensioni giuste per fungere da "nuclei di condensazione" - centri attorno ai quali possono formarsi e crescere gocce di pioggia - la polvere può portare a più nuvole. In tal caso, la polvere potrebbe potenzialmente aiutare nella formazione e nell'intensificazione degli uragani. Tuttavia, se la polvere agisce per creare più nuvole di basso livello sull'Atlantico tropicale, la quantità di luce solare che raggiunge l'oceano si riduce, raffreddando le temperature della superficie del mare e scoraggiando la formazione di uragani (Kaufman et al., 2005).

    Mappa dello spessore ottico medio della polvere estiva

    Figura 5. Mappa dello spessore ottico medio della polvere estiva derivato dalle misurazioni satellitari tra il 1979 e il 2000. Le quantità massime di polvere hanno origine nel Sahel settentrionale (da 15 ° a 18 ° N) e nel Sahara (da 18 ° a 22 ° N). La depressione di Bodele in Ciad è anche una fonte di polvere attiva. (Credito immagine: Prova del controllo del trasporto atmosferico estivo della polvere africana sull'Atlantico da parte delle fonti del Sahel dai satelliti TOMS (1979-2000)), di C. Moulin e I. Chiapello, pubblicato nel gennaio 2004 in Geophysical Research Letters)

    Polvere nella regione africana del Sahel e attività degli uragani nell'Atlantico

    La polvere estiva che colpisce le tempeste tropicali dell'Atlantico ha origine nel Sahara sudoccidentale (18 ° - 22 ° N) e nel Sahel nord-occidentale (15 ° - 18 ° N) (vedi Figura 6). La polvere del Sahara sudoccidentale rimane relativamente costante di anno in anno, ma la polvere del Sahel sudoccidentale varia in modo significativo, quindi comprendere questa variazione è essenziale per prevedere i maggiori eventi di polvere africana.

    La quantità di polvere che viene trasportata sull'Atlantico dipende da una combinazione di tre fattori principali: modelli meteorologici su larga scala e su scala locale (il tempo ventoso trasporta più polvere), quanto è bagnata l'attuale stagione delle piogge (il tempo bagnato eliminerà la polvere prima che venga trasportato sull'Atlantico) e quanto sia asciutto e danneggiato dalla siccità. Il livello di siccità vissuto nel Sahel nord-occidentale durante l'anno precedente è il fattore chiave dei tre nel determinare quanta polvere viene trasportata sull'Atlantico durante la stagione degli uragani, secondo uno studio del gennaio 2004 in Geophysical Research Letters pubblicato da C. Moulin e I. Chiapello. Nel 2019 (vedi Figura 3), le precipitazioni nel Sahel nord-occidentale sono state quasi nella media, il che dovrebbe tradursi in una stagione delle polveri africana quasi media e nessuna influenza insolita sulla stagione degli uragani nell'Atlantico 2020.

    Precipitazioni nella regione del SahelFigura 6. Le precipitazioni nella regione dell'Africa nord-occidentale del Sahel sono state pressoché medie durante la stagione delle piogge del 2019, il che implica una stagione delle polveri africana quasi media nel 2020. (Immagine di credito: NOAA / Climate Prediction Center)

    Il futuro degli eventi africani in polvere: una diminuzione?

    In un articolo del 2016, The passato, presente e futuro della polvere africana, Amato Evan e co-autori hanno scoperto che il campo del vento superficiale responsabile della maggior parte della variabilità nell'emissione di polveri del Nord Africa è stato il risultato della topografia del Sahara che influenza i modelli del vento superficiale. I modelli climatici per i prossimi decenni mostrano questo cambiamento del modello del vento per creare una significativa tendenza al ribasso delle emissioni e dei trasporti africani di polvere con l'aumentare delle concentrazioni di gas serra. Un simile spostamento potrebbe giovare all'Africa occidentale attraverso una migliore qualità dell'aria e maggiori precipitazioni, ma potrebbe anche consentire un maggiore riscaldamento dell'Atlantico tropicale, rendendolo più adatto alla formazione e alla crescita degli uragani.

  13. Questo è ripubblicare da Yale Climate Connections

    Come un terremoto che rimbomba nella Faglia di San Andreas, il controverso film di Jeff Gibbs e Michael Moore “Il pianeta degli umani” ha provocato una spaccatura nel movimento ambientalista, una spaccatura che i suoi leader non desidererebbero in un anno elettorale. Dopo che gli attivisti hanno trascorso decenni a costruire minuziosamente il sostegno popolare alle politiche climatiche incentrate sullo sviluppo e l'implementazione di tecnologie a basse emissioni di carbonio, il film e i suoi difensori le hanno respinte come false soluzioni, affermando che l'attenzione dovrebbe essere invece sul contenimento della popolazione, dei consumi e della crescita economica.

    Entrambe queste fazioni concordano sul fatto che, come ha concluso l'IPCC, la civiltà umana deve ridurre le emissioni di carbonio a zero entro pochi decenni per evitare una crisi climatica. Esiste un modo scientifico per determinare quale gruppo ha ragione sul modo migliore per raggiungere tale obiettivo? È un dato di fatto, c'è.

    Formula Kaya

    Nel 1990, l'economista giapponese Yoichi Kaya sviluppò una formula semplice ed elegante chiamata l'identità di Kaya ciò può aiutare a rispondere alla domanda: F sono le emissioni di carbonio nell'uomo, P è la popolazione umana, G è l'attività economica misurata dal prodotto interno lordo (PIL) ed E è il consumo di energia.

    Solo una soluzione plausibile: zero emissioni

    Affinché le emissioni di carbonio (F) raggiungano lo zero, solo uno dei quattro termini sul lato destro della formula deve essere zero. Pertanto, la popolazione umana (P), l'attività economica per persona (G / P), l'energia consumata per alimentare l'economia (E / G) o l'impronta di carbonio dell'energia (F / E) devono essere pari a zero. Il buon senso ci dà la risposta al dibattito: l'energia pulita è l'unica via plausibile a zero emissioni.

    E siamo fortunati. L'energia pulita non distruggerebbe l'umanità o la civiltà umana, il che sarebbe il risultato dell'azzeramento della popolazione, dell'economia o del consumo di energia. Contrario a le false affermazioni in "Planet of the Humans", le emissioni di carbonio provenienti dall'energia possono plausibilmente raggiungere lo zero. Infatti, un nuovo rapporto dell'Università della California, Berkeley conclude che l'elettricità statunitense potrebbe essere fornita da fonti di emissioni quasi zero (come eolico, solare, idroelettrico, nucleare e geotermico, oltre allo stoccaggio) in breve tempo. Circa il 40% dell'elettricità americana è fornita da fonti pulite a partire dal 2020 e il rapporto conclude che questo numero potrebbe essere ridimensionato fino al 55% entro il 2025, 75% entro il 2030, 90% entro il 2035 e 100% entro il 2045.

    Se un'economia che divora l'energia come quella degli Stati Uniti può farlo, si potrebbe sostenere, anche il resto del mondo può farlo.

    Il rapporto Berkeley conclude inoltre che la sostituzione dei combustibili fossili con fonti di energia pulita impedirebbe 85,000 morti premature causate dall'inquinamento atmosferico e creerebbe mezzo milione di posti di lavoro permanenti (principalmente associati alla produzione e costruzione di infrastrutture per l'energia pulita), mentre le tariffe dell'elettricità sarebbero solo del 12% più alti del solito (e meno costosi dei tassi di oggi).

    Una buona idea di chi è arrivato il momento?

    E questo potrebbe essere il momento ideale per accelerare il passaggio all'energia pulita. Considera che il coronavirus ha innescato una recessione, è costato milioni di posti di lavoro e ha portato ai peggiori risultati sanitari in aree ad alto inquinamento atmosferico. Quelle aree sono comunità sproporzionate di colore che lottano per ottenere giustizia razziale, ambientale e climatica.

    Il rapporto elenca numerosi meccanismi politici per aiutare a raggiungere questo obiettivo - soprattutto attraverso standard di energia pulita che possono essere stabiliti dal Congresso, dai governatori, dalle legislazioni statali, dalle commissioni di pubblica utilità o attraverso un regolamento equivalente da parte dell'APE di una nuova amministrazione. In base alle attuali politiche commerciali, nel 55 solo il 2035% dell'elettricità degli Stati Uniti proverrà da fonti energetiche pulite, quindi l'accelerazione della transizione a zero emissioni richiederà l'implementazione dei tipi di politiche delineati nel rapporto.

    L'elettricità rappresenta il 25% delle emissioni di carbonio a livello globale e il 28% negli Stati Uniti, pertanto il raggiungimento di emissioni nette zero richiederebbe politiche aggiuntive per altri settori, ad esempio l'elettrificazione dei veicoli e la costruzione di fonti di riscaldamento per alimentarli con elettricità pulita. Anche le emissioni provenienti dall'agricoltura, dalla deforestazione e dai processi industriali dovrebbero essere ridotte a zero nei prossimi decenni. Gruppi ambientalisti, sostenitori dell'energia pulita e alcuni leader politici hanno sviluppato piani e programmi che possono raggiungere tutti questi obiettivi se il pubblico e i responsabili politici entrano a far parte.

    Perché frenare la crescita non è abbastanza

    Il film "Il pianeta degli umani" di Gibbs-Moore include interviste a numerosi individui che esprimono le loro preoccupazioni sulla crescita della popolazione umana. Ma l'identità di Kaya illustra perché arrestare o addirittura invertire tale crescita non può essere la risposta al raggiungimento di emissioni zero. Il termine "P" non è popolazione crescita; piuttosto, rappresenta la popolazione umana totale. Una popolazione a zero significherebbe l'estinzione umana, sicuramente un risultato che tutti vogliono evitare. Anche dimezzare la popolazione come il supercriminale Thanos nei film “Avengers” - che non è plausibile o addirittura desiderabile - dimezzerebbe solo le emissioni di carbonio.

    In effetti, la crescita della popolazione globale ha costantemente diminuito dal 2% all'anno alla fine degli anni '1960 a poco più dell'1% all'anno oggi. E la maggior parte della crescita sta avvenendo nei paesi in via di sviluppo in cui i cittadini hanno piccole impronte di carbonio. Gli esperti di soluzioni climatiche del progetto Drawdown lo notano migliorare l'istruzione nei paesi in via di sviluppo rallenterà ulteriormente la crescita della popolazione. Ciò contribuirà a rallentare le emissioni di carbonio crescita, ma non può raggiungere l'obiettivo di raggiungere emissioni zero.

    Il secondo termine sul lato destro dell'identità di Kaya, PIL globale pro capite, è cresciuto del 2% circa all'anno negli ultimi decenni e nei periodi in cui diminuisce rappresentano depressioni economiche. Mentre limitare il consumo eccessivo nei paesi ricchi in uno spostamento verso una maggiore sostenibilità può aiutare a rallentare i cambiamenti climatici e altri impatti ambientali negativi, il PIL a zero rappresenterebbe un collasso totale dell'economia globale. Come la popolazione zero, non è possibile sperare di evitare la catastrofe.

    Concludendo: frenare la crescita della popolazione, economica e dei consumi non può che frenare il crescita nelle emissioni di carbonio. Immagina che le emissioni di carbonio siano il livello dell'acqua in una vasca che si sta riempiendo. La crescita frenante è simile alla chiusura del rubinetto dell'acqua. Questo è un inizio, ma non abbastanza per abbassare il livello dell'acqua; dobbiamo chiudere il rubinetto e scollegare lo scarico.

    Le tecnologie pulite forniscono le soluzioni

    Il terzo e il quarto termine sul lato destro dell'identità Kaya rappresentano l'intensità energetica dell'economia (E / G) e l'impronta di carbonio dell'energia (F / E). Il terzo mandato è stato e si prevede che continuerà a diminuire con il miglioramento dell'efficienza energetica e con l'inefficienza dei combustibili fossili inefficienti con tecnologie pulite più efficienti. Tuttavia, poiché la gestione dell'economia richiederà sempre energia, anche questa metrica non può raggiungere lo zero.

    A differenza degli sforzi per frenare la crescita della popolazione e dei consumi, le soluzioni politiche incentrate sullo sviluppo e l'implementazione di tecnologie pulite possono raggiungere l'obiettivo di zero emissioni necessario nei prossimi decenni per evitare una crisi climatica. Il rallentamento della crescita economica può aiutare a rallentare il cambiamento climatico, ma solo se non viene a scapito di soluzioni in grado di raggiungere l'obiettivo a zero emissioni e anche di beneficio per le comunità che hanno sofferto a lungo di ingiustizie razziali, ambientali e climatiche ... e le cui voci sono visibilmente assenti da "Planet of the Humans".

    Come Mustafa Santiago Ali, vice presidente per la giustizia ambientale presso la National Wildlife Federation, ha dichiarato al Comitato per l'energia e il commercio della Camera all'inizio di questo mese:

    Le persone di colore hanno molte più probabilità di vivere vicino agli inquinanti e respirare aria inquinata. ... Possiamo ridurre molti di questi impatti sia nelle nostre comunità che sul nostro pianeta andando avanti con una transizione giusta ed equa dai combustibili fossili, dove nessuno viene lasciato indietro e abbassiamo le emissioni che stanno giocando un ruolo negli impatti di COVID-19 e ci sta portando verso un punto di non ritorno per le emergenze climatiche

  14. Rapporto annuale di pesca

    È passato circa un anno da quando abbiamo sostituito il Nuova ricerca Mozzo. Sembra più lungo, in particolare negli ultimi 4 mesi, e non a causa di questo particolare lavoro.

    Nel corso dell'anno da qualche parte nel vicinato sono stati raccolti 17,500 articoli nella nostra rete, con circa 1: 5 che li ha trasformati in questi riassunti. In tutto circa 3,500 hanno reso il voto "consumabile per la ricerca sul clima".

    Per il prossimo anno, una migliore selezione delle specie è un obiettivo costante. Inoltre, sullo sfondo (lentamente) stiamo facendo progressi nella creazione di una sorta di magazzino (vista l'analogia della pesca già tesa, un acquario?) Di articoli.

    82 Articoli

    Scienze fisiche del riscaldamento globale e degli effetti

    Variabilità del bilancio energetico superficiale nella foresta boreale sottoposta a permafrost (accesso libero)

    Meccanismi alla base della recente Atlantificazione dell'Artico

    Osservazioni e metodi osservativi di riscaldamento globale ed effetti

    ECTACI: Atlante europeo di climatologia e tendenza degli indici climatici (1979‐2017)

    Da un ambiente polare a un ambiente marino: il mutamento dell'Artico ha portato a uno spostamento delle proprietà di diffusione della luce aerosol? (accesso libero)

    Ho osservato tendenze e ridimensionamenti delle precipitazioni estreme in Europa centrale

    Raffreddamento rapido e maggiore tempestività innescati dall'acqua dolce nel Nord Atlantico

    Cambiamenti della zona di ghiaccio marginale dell'Artico durante l'era del satellite (accesso libero)

    Analisi comparativa di eventi freddi nella Cina centrale e orientale associati al riscaldamento dell'Artico all'inizio del 2008 e 2016 (accesso libero)

    Una terza generazione di temperatura omogeneizzata per l'analisi delle tendenze e il monitoraggio dei cambiamenti nel clima canadese (accesso libero)

    Un accorciamento del ciclo di vita dei principali cicloni tropicali

    Forte intensificazione delle piogge orarie estreme da parte dell'urbanizzazione

    Descrivere la relazione tra un evento meteorologico e il cambiamento climatico: un nuovo approccio statistico (accesso libero)

    Edge Detection rivela eventi climatici estremi e bruschi (accesso libero)

    Influenza della temperatura della stagione di crescita e anomalie delle precipitazioni sulla resa delle colture negli Stati Uniti sudorientali

    Valutazione delle precipitazioni estreme attraverso gli indici dei cambiamenti climatici a Zacatecas, in Messico

    Valutare le tendenze attuali e future degli estremi climatici in tutto il Brasile sulla base delle rianalisi e delle proiezioni del modello del sistema terrestre

    Distinti regimi di anomalie della temperatura superficiale dei mari del Pacifico tropicale migliorati con il recente riscaldamento globale

    Modellazione e simulazione del riscaldamento globale e degli effetti del riscaldamento globale

    Esplorare i driver del cambiamento globale e locale a livello del mare nel 21 ° secolo e oltre (accesso libero)

    Risposte distinte del monsone estivo asiatico agli aerosol di carbonio nero e ai gas serra (accesso libero)

    Proiezioni di futuri cambiamenti nei cicloni tropicali usando l'ensemble multimodello HighResMIP CMIP6

    Comprensione del cambiamento futuro dei monsoni globali proiettato dai modelli CMIP6 (accesso libero)

    Amplificazione del plateau tibetano degli estremi climatici con riscaldamento globale di 1.5 ° C, 2 ° C e 3 ° C

    Proiezioni di futuri eventi di siccità meteorologica nell'ambito di percorsi di concentrazione rappresentativi (RCP) di CMIP5 sul Kenya, Africa orientale

    Selezione GCM e proiezione della temperatura della Nigeria sotto diversi RCP del CMIP5 GCMS

    Cambiamenti nell'esposizione dell'infrastruttura critica protetta dagli argini della California ai pericoli di inondazioni in un clima caldo

    Avanzamento del modello climatico

    Valutazione spazialmente risolta dei modelli del sistema terrestre con CO2 media della colonna satellitare (accesso libero)

    L'incertezza nella forzatura delle radiazioni aerosol incide sul monsone globale simulato nel 20 ° secolo (accesso libero)

    Una panoramica delle tracce di tempesta extratropicale nelle simulazioni storiche di CMIP6 (accesso libero)

    Analisi comparativa delle precipitazioni simulate nei modelli di sistemi terrestri (accesso libero)

    Simulato livello di mare dinamico regionale nei modelli CMIP5 e CMIP6: pregiudizi medi, proiezioni future e loro collegamenti

    Incertezze del modello negli impatti dei cambiamenti climatici sulle precipitazioni del Sahel in insiemi di simulazioni CMIP5 e CMIP6 (accesso libero)

    Giorni caldi estremi su tre mega-regioni globali: fedeltà storica e proiezione futura (accesso libero)

    Biologia e riscaldamento globale

    Utilizzo di quozienti di respirazione per tenere traccia delle fonti mutevoli di respirazione del suolo stagionalmente e con riscaldamento sperimentale (accesso libero)

    Dinamiche passate e future delle isole tropicali del cielo: un modello per due specie di Geotrupes (Coleoptera: Geotrupidae) a Oaxaca, in Messico

    I cambiamenti nella fenologia autunnale possono facilitare una precedente data di rinnovamento della vegetazione settentrionale?

    Impatto dei cambiamenti climatici e potenziale genetico adattivo dell'abete rosso nella distribuzione sud-orientale della gamma di specie

    Impatto del riscaldamento sulle condizioni fisiologiche della passera dell'occhio increspato Pleuronichthys lighti durante l'estate nel centro del Mare interno di Seto, Giappone

    Acque inesplorate: i cambiamenti climatici potrebbero intensificare focolai di malattie infettive che causano eventi di mortalità di massa nei mammiferi marini

    Tolleranza termica nell'anfipode Sunmerhitoe parmerong da un hotspot di riscaldamento globale, effetti di riporto acclimatanti all'interno della generazione

    L'elevata umidità atmosferica prolunga il periodo di crescita attiva e aumenta l'efficienza di riassorbimento dell'azoto fogliare della betulla d'argento

    Fonti e lavandini di GHG, flusso

    Cause di rallentamento dell'ampiezza stagionale di CO2 nel Mauna Loa

    Indagare sulla sensibilità della respirazione del suolo ai recenti cambiamenti della copertura nevosa in Alaska usando un modello di carbonio permafrost basato su satellite (accesso libero)

    Il crescente carico atmosferico dell'esafluoruro di zolfo dei gas serra (SF6) (accesso libero)

    Proxy di temperatura come soluzione al campionamento parziale delle emissioni di metano nel lago

    Il contributo della fotoproduzione di metano al paradosso oceanico del metano

    Prove spettrali per la disponibilità di substrato piuttosto che il controllo ambientale delle emissioni di metano da una zona umida boscosa costiera

    Risposte dipendenti dalla fase di crescita del processo di fissazione del carbonio delle praterie alpine ai cambiamenti climatici sull'Altopiano tibetano, in Cina

    Verso il miglioramento della valutazione del carbonio della foresta pluviale: prove complementari da ripetute misurazioni del diametro e legno datato

    La temperatura dell'aria è il principale fattore trainante dell'efficienza nell'uso delle radiazioni e lo stoccaggio del carbonio degli abeti rossi maturi della Norvegia sotto i cambiamenti climatici globali

    Flussi di carbonio e acqua e loro accoppiamento in un ecosistema di prati alpini sull'altopiano tibetano nord-orientale

    Le proiezioni degli ensemble chiariscono gli effetti dell'incertezza nella limitazione dell'azoto terrestre sul futuro assorbimento di carbonio

    L'allocazione del carbonio nelle piante favorisce il turnover della materia organica del suolo vecchio nei terreni di tundra di permafrost

    Il drenaggio aumenta le emissioni di CO2 e N2O dai suoli di torba tropicale

    I vincoli allometrici e la competizione consentono la simulazione della struttura dimensionale e dei flussi di carbonio in un modello di vegetazione dinamica di foreste tropicali (LM3PPA-TV)

    Uno spostamento del regime dall'erosione all'accumulo di carbonio in una torba settentrionale temperata

    Scienza e ingegneria della mitigazione della CO2

    Valutazione del potenziale di rimozione del biossido di carbonio terrestre (tCDR) per una migliore gestione delle foreste (IFM) e una conversione accelerata delle foreste (AFC) in Norvegia

    Il biochar dei fornelli riduce le emissioni di gas serra delle piccole aziende agricole in Africa (accesso libero)

    Confronto di reazioni con diverse fonti di calcio per la produzione di CaCO3 mediante anidrasi carbonica

    Carbonio nero

    Rapporto di misurazione: quantificazione del contributo alla fonte e forzatura radiativa del combustibile fossile e della biomassa che brucia l'aerosol di carbonio nero nel margine sud-orientale dell'altopiano tibetano (accesso libero)

    Comunicazioni e cognizione sui cambiamenti climatici

    Disinformazione online sui cambiamenti climatici

    Le negazioni nel lessico dell'incertezza influenzano l'attenzione, il processo decisionale e la fiducia (accesso libero)

    Contrastare le risposte di protezione dell'identità ai dati sui cambiamenti climatici (accesso libero)

    Persistenza dello scetticismo nei rapporti dei media sui cambiamenti climatici: il caso dei giornali britannici (accesso libero)

    Quali storie di adattamento raccontano i giornali del Regno Unito? Un'analisi narrativa (accesso libero)

    Come una mentalità di crescita può cambiare il clima: il potere delle credenze implicite nell'influenzare la visione e l'azione delle persone

    Agronomia e cambiamenti climatici

    Influenza della temperatura della stagione di crescita e anomalie delle precipitazioni sulla resa delle colture negli Stati Uniti sudorientali

    Adattamento ai cambiamenti climatici attraverso il cambio di paradigma agricolo

    Emissioni di gas serra, resa in granella e produttività dell'acqua: un caso di studio sul campo di risone con sede in Myanmar

    L'effetto di residui colturali, colture di copertura, concime e concimazione azotata sui cambiamenti del carbonio organico nel suolo negli agroecosistemi: una sintesi di recensioni (accesso libero)

    Gli esseri umani alle prese con il nostro riscaldamento globale

    Valutazione del rischio climatico e impatti a cascata: rischi e opportunità per una utility elettrica nel sud-ovest degli Stati Uniti

    Governance dell'adattamento climatico, quale modalità? Un'esplorazione dei punti di vista delle parti interessate su come organizzare l'adattamento (accesso libero)

    Governare i rischi climatici di fronte alle incertezze normative

    Narrative trasformative per l'azione per il clima (accesso libero)

    Gestione dei sistemi a cascata per piccoli serbatoi di irrigazione (STCS) in Sri Lanka: passato, presente e futuro (accesso libero)

    Atteggiamento dei residenti urbani nei confronti della migrazione ambientale in Kenya e Vietnam

    L'impatto della discriminazione normativa e finanziaria sullo sviluppo a basse emissioni di carbonio della Cina

    Governance dell'adattamento climatico, quale modalità? Un'esplorazione dei punti di vista delle parti interessate su come organizzare l'adattamento (accesso libero)

    Efficacia dei prezzi del carbonio: prove di sci di fondo

    Valutazione dello schema del certificato bianco polacco

    Sfide e opportunità per l'integrazione delle politiche climatiche nei paesi produttori di petrolio: il caso degli Emirati Arabi Uniti e dell'Oman (accesso libero)

    Impatti delle politiche sui cambiamenti climatici in tutto il mondo sull'economia russa (accesso libero)

    Domanda di carburante stradale ed effetti regionali delle tasse sul carbonio in Svezia

    Valutare la sinergia di incentivi e incentivi nel mix di politiche energetiche

    Innovazione per la transizione energetica tedesca - Approfondimenti da un sondaggio di esperti

    Modalità di finanziamento dei progetti di appalto di prestazione energetica con potenziale di riduzione delle emissioni di carbonio e classificazione delle emissioni di carbonio

    Altro

    Una piscina Hg di permafrost panartico riveduta basata sulla torba siberiana occidentale Hg e osservazioni sul carbonio (accesso libero)

    Consumo di CH3Cl, CH3Br e CH3I ed emissione di CHCl3, CHBr3 e CH2Br2 dal primo piano di un ghiacciaio artico in ritirata (accesso libero)

    I consigli consultivi scientifici dominati dall'industria sono percepiti come legittimi ... Ma solo quando raccomandano politiche di gestione del rischio più rigorose

    Una mappa geotermica del flusso di calore dell'Antartide vincolata empiricamente dalla struttura sismica

    Esportazione di nutrienti potenziata dall'acqua di fusione dai fiordi glaciali della Groenlandia: un'analisi di sensibilità

    Sensibilità climatica alla decadenza della copertura del suolo e al cambiamento dell'uso del suolo negli Stati Uniti

    Opinione e spunti informati

    Prospettiva invitata: cosa si cela sotto un Artico che cambia? (accesso libero)


    Suggerimenti

    Facci sapere se sei a conoscenza di un articolo che ritieni possa essere interessante per le notizie di ricerca sulla scienza scettica o se abbiamo perso qualcosa che potrebbe essere importante. Invia il tuo contributo a Scienza scettica tramite il nostro Modulo di Contatto.

    Riviste coperte

    È possibile trovare un elenco di riviste che trattiamo qui. Diamo il benvenuto a suggerimenti su omissioni, nuove riviste ecc.

    Edizione precedente

    La precedente edizione di Scienza scettica Nuova ricerca può essere trovato qui.

  15. Un ospite ripubblicato da Clima Fondo di difesa legale della scienza (CSLDF) avvocato dello staff Augusta Wilson. La raccolta fondi non è l'obiettivo di questo articolo, ma i lettori potrebbero desiderare di saperlo Il CSLDF sta attualmente conducendo una raccolta fondi estiva per sostenere la difesa dei ricercatori e l'integrità della ricerca dalle interferenze anti-scientifiche da parte di politici e interessi industriali.

    La pandemia COVID-19 evidenzia tragicamente le terribili e immediate minacce alla salute pubblica che possono derivare quando la cultura dell'integrità scientifica negli istituti di ricerca viene ignorata o fallisce.

    Le violazioni dell'integrità scientifica compromettono la capacità delle agenzie e delle istituzioni scientifiche di compiere le loro missioni e proteggere la salute umana e ambientale. Inoltre, i fallimenti dell'integrità scientifica non si limitano ai problemi che circondano la pandemia; sono angoscianti pervasivi negli istituti di ricerca sotto l'amministrazione Trump.

    Gli scienziati del clima sono particolarmente colpiti. Un articolo di giugno 15 in il colore del pollice New York Times descrive gli sforzi per minare la scienza del clima presso le agenzie federali. Il Volte hanno scoperto che queste azioni provenivano dapprima dai nominati di alto livello Trump, ma sono state filtrate fino ai dirigenti di medio livello preoccupati di attirare un controllo indesiderato dei loro programmi e budget da parte di alti funzionari politici.

    L'articolo documenta casi in cui gli scienziati del clima hanno avuto il loro lavoro segnalato per un'ulteriore revisione, negato l'approvazione finale o accantonato dopo anni di sforzi perché ha riconosciuto il cambiamento climatico causato dall'uomo. Descrive anche casi in cui gli scienziati si sono trovati sotto un'enorme pressione da parte delle autorità di vigilanza per eliminare le parole "bandiera rossa" relative ai cambiamenti climatici.

    L'interferenza con la ricerca finanziata dal contribuente, intesa a informare sia il discorso scientifico che il pubblico americano, perché tocca un argomento politicamente controverso è l'essenza di una perdita di integrità scientifica.

    Integrità scientifica sotto l'amministrazione Trump

    I fallimenti dell'integrità scientifica sono stati documentati in diverse agenzie federali durante l'amministrazione Trump; la Environmental Protection Agency (EPA) è a focolaio particolare di attacchi politicamente motivati ​​alla scienza. Una relazione del maggio 2020 pubblicata dall'ufficio dell'ispettore generale dell'EPA (OIG) suggerisce che l'indebolimento della scienza potrebbe essere correlato alle preoccupazioni sulla cultura generale dell'integrità scientifica presso l'EPA.

    Il rapporto OIG includeva i risultati di un sondaggio tra i dipendenti dell'EPA sull'attuazione dell'integrità scientifica presso l'agenzia. La maggior parte dei dipendenti intervistati ha espresso preoccupazione per la cultura dell'integrità scientifica dell'agenzia (59 percento) e per il rilascio di informazioni scientifiche al pubblico (57 percento).

    Il sondaggio ha inoltre rilevato che circa 400 dipendenti dell'EPA hanno subito potenziali violazioni della politica di integrità scientifica dell'agenzia, ma non li hanno denunciati per timore di ritorsioni o convinzione che la segnalazione non sarebbe stata presa sul serio.

    Questo fallimento della cultura dell'integrità scientifica dell'EPA è caratterizzato da incidenti come l'agenzia eliminando i riferimenti ai cambiamenti climatici dal suo sito Web e ignorando la ricerca scientifica sugli effetti delle emissioni di mercurio sulla salute pubblica.

    L'EPA si distingue come esempio egregio. Tuttavia non è l'unica agenzia federale in cui l'integrità scientifica ha lasciato il posto alla pressione politica a spese della missione dell'agenzia e della salute pubblica.

    Prendi ad esempio la controversia nota come Sharpiegate. Nel settembre 2019, il presidente Trump ha insistito sul fatto che l'uragano Dorian avrebbe avuto un impatto sull'Alabama, anche se tali impatti non erano previsti. L'ufficio di Birmingham, AL, del National Weather Service (NWS), parte della National Oceanic and Atmospher Administration (NOAA), ha utilizzato il suo account Twitter per fornire al pubblico le informazioni scientifiche corrette.

    Sotto forte pressione della Casa Bianca, il capo ad interim della NOAA, Neil Jacobs, ha successivamente rilasciato una dichiarazione non firmata che castiga gli scienziati dell'Alabama NWS e sostiene la falsa affermazione di Trump. Questo comportamento da parte della direzione dell'agenzia principi violati nella politica di integrità scientifica del NOAA.

    A giugno 2020, determinato un panel indipendente che Jacobs e il suo vice hanno violato le disposizioni della politica di integrità scientifica del NOAA e hanno suggerito misure correttive. Ma mentre il rapporto chiariva che si erano verificate violazioni dell'integrità scientifica e che erano necessarie correzioni, non è riuscito a punire le persone responsabili.

    Il risultato di questa serie di eventi dimostra che le politiche di integrità scientifica possono essere strumenti utili per affrontare tali problemi e mostra la necessità di ulteriori riforme per garantire che tali politiche affrontino pienamente le violazioni dell'integrità scientifica. È anche un potente promemoria - durante la stagione degli uragani del 2020 (che si prevede sia particolarmente attivo) - di come l'interferenza politica con la scienza possa minacciare la salute e la sicurezza umana.

    Questo è il motivo per cui siamo preoccupati per le politiche di integrità scientifica. Politiche forti, globali e ben attuate presso gli istituti di ricerca scientifica sono essenziali. Ciò è particolarmente vero oggi: il Merit Systems Protection Board, l'organo quasi giudiziario che emette le decisioni definitive relative ai reclami degli informatori dei dipendenti federali, non ha membri e manca un quorum da gennaio 2017. Di conseguenza, casi di informatori si stanno accumulando in attesa di azione.

    Per i dipendenti federali, ciò significa che l'ufficio di integrità scientifica della loro agenzia può essere uno dei soli percorsi per risolvere tempestivamente un problema di censura o di espulsione della scienza.

    Risorse sull'integrità scientifica

    In risposta a questi problemi, abbiamo pubblicato guide alle politiche di integrità scientifica di nove importanti agenzie federali. Queste risorse aumentano la consapevolezza tra gli scienziati delle agenzie che esistono politiche di integrità scientifica e sono un potenziale rimedio alla censura e ad altre minacce alla ricerca.

    Abbiamo anche una guida per l'integrità scientifica presso università di ricerca, agenzie statali e istituzioni internazionali. Aiuta i ricercatori impiegati da queste organizzazioni a capire quali comportamenti sono coperti dalla politica della loro istituzione, come possono presentare un reclamo e cosa aspettarsi da una successiva indagine.

    I ricercatori che si occupano di problemi di integrità scientifica possono contattarci per una consulenza gratuita e riservata sulla loro situazione. Scrivere a [Email protected] per richiedere una consultazione con uno dei nostri avvocati.

enafarZH-CNzh-TWdanltlfifrdeiwhihuiditjakomsnofaplptruesswsvthtrukurvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

ULTIMI ARTICOLI

Uragani e altre catastrofi meteorologiche estreme spingono alcune persone a muoversi e intrappolare altre al loro posto
Uragani e altre catastrofi meteorologiche estreme spingono alcune persone a muoversi e intrappolare altre al loro posto
by Jack DeWaard
Se sembra che i disastri meteorologici estremi come gli uragani e gli incendi stanno diventando più frequenti, gravi e ...
Se tutte le auto fossero elettriche, le emissioni di carbonio nel Regno Unito diminuiranno del 12%
Se tutte le auto fossero elettriche, le emissioni di carbonio nel Regno Unito diminuiranno del 12%
by George Milev e Amin Al-Habaibeh
Il blocco COVID-19 ha portato a ridurre l'inquinamento e le emissioni nel Regno Unito e nel mondo, fornendo un chiaro ...
Il brasiliano Jair Bolsonaro sta devastando le terre indigene, con il mondo distratto
Il brasiliano Jair Bolsonaro sta devastando le terre indigene, con il mondo distratto
by Brian Garvey e Mauricio Torres
Gli incendi in Amazzonia del 2019 hanno causato la più grande perdita di un anno della foresta brasiliana in un decennio. Ma con il mondo nel ...
Perché i paesi non contano le emissioni dei beni che importano
Perché i paesi non contano le emissioni dei beni che importano
by Sarah McLaren
Vorrei sapere se le emissioni di carbonio della Nuova Zelanda dello 0.17% includono le emissioni prodotte da prodotti fabbricati ...
Salvataggi ecologici: basarsi sulla compensazione del carbonio lascerà le compagnie aeree inquinanti fuori dai guai
Salvataggi ecologici: basarsi sulla compensazione del carbonio lascerà le compagnie aeree inquinanti fuori dai guai
by Ben Christopher Howard
La pandemia di coronavirus ha messo a terra migliaia di velivoli, contribuendo al più grande calo annuale mai registrato in CO₂ ...
Le stagioni di crescita più lunghe hanno un effetto limitato sulla lotta ai cambiamenti climatici
Le stagioni di crescita più lunghe hanno un effetto limitato sulla lotta ai cambiamenti climatici
by Alemu Gonsamo
Il riscaldamento climatico sta portando a primavere e ritardi autunnali in ambienti più freddi, permettendo alle piante di crescere per un ...
Sia i conservatori che i liberali vogliono un futuro di energia verde, ma per diversi motivi
Sia i conservatori che i liberali vogliono un futuro di energia verde, ma per diversi motivi
by Deidra Miniard et al
Le divisioni politiche sono un appuntamento fisso negli Stati Uniti oggi, sia che si tratti di matrimonio attraverso le linee di partito, ...
In che modo l'impatto climatico del manzo si confronta con le alternative vegetali
In che modo l'impatto climatico del manzo si confronta con le alternative vegetali
by Alexandra Macmillan e Jono Drew
Mi chiedo l'impatto sul clima della carne vegana rispetto alla carne bovina. Come si confronta un tortino altamente elaborato con ...